Mangiare consapevolmente: la guida da seguire

Mangiare consapevolmente la guida da seguire

Mangiare consapevolmente è l’opposto di una dieta tradizionale ed è una filosofia che permette di comprendere in pieno cosa mangiamo  e come mangiamo.

Mangiare consapevolmente non impone linee guida su cosa o quando mangiare o cosa evitare.

Insegna a mangiare meglio e a essere una persona migliore.

Guardiamo le linee guida e i concetti principali.

Le basi

Mangiare consapevolmente è un modello di vita per essere migliore.

L’idea è che si dovrebbe mangiare quando si ha fame e riuscire a fermarsi in tempo quando si è sai.

Leggere tante e tante diete, tanti e tanti libri, può allontanare la nostra mente da quello che il nostro corpo davvero vuole.

Dobbiamo fare di nuovo affidamento sui nostri sensi e fare una distinzione: fame fisica e fame emotiva.

La fame fisica è quando sentiamo i brontolii del nostro stomaco vuoto.

Quella emotiva è legata al cibo come conforto, specie quando si è tristi o nervosi.

Le radici e la filosofia dei principi fondamentali

Mangiare consapevolmente la guida da seguire: le radici e la filosofia dei principi fondamentali

Il consumo consapevole, come termine è stato coniato nel 1995 dal titolo di un libro di Evelyn Tribole e Elyse Resch.

Il programma gioca sul percorso per diventare persone migliori e non su quello che si mangi.

1. Rifiuta la mentalità da dieta

La mentalità da dieta è quella per cui ci sarà sempre una dieta giusta per voi. Bisogna cambiare la testa, non la dieta.

2. Onora la tua fame

La fame non è un nemico da combattere ma bisogna assecondare la propria fame proprio per non arrivare troppo affamati e mangiare poi ancora di più.

3. Fai la pace con gli alimenti

Facciamo una tregua nella guerra con il cibo. Togliamoci dalla testa tutta l’idea di cosa mangiare e di scegliere gli alimenti, lasciamoci guidare dalla nostra pancia.

4. Sfida i censori alimentari

Il cibo non è buono o cattivo e non si è noi cattivi o buoni per quello che mangiamo.

5. Rispetta la tua sazietà

Proprio come il corpo ti dice quando hai fame così il corpo ti dice benissimo quando sei sazio. Sii attento a tutto i segnali.

6. Scopri il fattore di soddisfazione

Fai la tua esperienza soddisfacente con il cibo. Se avrai una piacevole esperienza può anche essere che desideriate mangiare meglio e meno.

7. Vivi i tuoi sentimenti senza confonderli con il cibo

Mangiare emotivamente è una difesa che ci creiamo per far fronte a dei sentimenti.

Trova altri modi che non sono legati al cibo per affrontare i tuoi sentimenti: fai una passeggiata, medita, leggi un giornale, chiama un amico.

8. Rispetta il tuo corpo

Invece di criticare sempre il tuo corpo cerca di vederlo bello per quello che è.

9. Fai esercizio

Trova il modo di fare esercizio che più ti piace. Trova il modo migliore per sentire il tuo corpo pieno di energia.

10. Rendi merito alla tua salute

Il cibo che si mangia dovrebbe avere un gusto sano ed essere sano.

Uno spuntino sbagliato, però, non vi rovina la vita.

Mangiare consapevolmente la guida da seguire: le radici e la filosofia dei principi fondamentali

I vantaggi

La ricerca sul tema del mangiare consapevole è ancora in itinere e di solito ha a che fare con le donne.

L’atteggiamento psicologico più sano nei confronti del cibo di solito si accompagna a un più basso indice di massa corporea e al mantenimento del peso, se non proprio una perdita di peso.

Sicuramente mangiare consapevole aiuta la mente.

Si migliorano autostima, immagine del corpo e qualità complessiva della vita e si hanno meno disturbi alimentari.

Come iniziare

Se pensi che questa pratica del mangiare consapevole faccia al caso tuo inizia a prendere appunti sui propri comportamenti alimenti e atteggiamenti riguarda al cibo. Quando mangi inizia a pensare se stai mangiando per fame e per qualche emozione che non riesci a tirare fuori.

Se si tratta di fame fisica, cerca di classificare la fame e la sazietà su un livello che va da 1 a 10.

Da molto affamato a pieno.

Se sei pieno o quasi pieno è inutile mangiare ancora senza senso.

E poi c’è la fame emotiva.

Distraiti, fai qualcos’altro.

Impegnati in qualcos’altro.

Conclusioni

Questa non è una dieta, è un anti-dieta. E’ solo un consiglio su come vivere la vita in maniera consapevole e in salute ponendo l’attenzione sul responsabilizzarsi.

E non c’è nessuno sforzo, solo tanto amore per se stessi.

Redazione Vailo

Vailo è un blog dove pubblicano articoli semplici appassionati della salute e del benessere ma anche professionisti riconosciuti: dietisti, nutrizionisti, personal trainer e wellnes coach. Per saperne di più clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *