Tutti sanno che si dovrebbero mangiare molte verdure.

Ma ragazzi, è difficile.

Ci vuole un sacco di tempo a masticare cinque porzioni di verdura.

Quando lo spremiagrumi è arrivato, dopo averlo ordinato, ho pensato che avrei risolto tutti i problemi.

Ma anche in questo caso mi sbagliavo.

  1. Perché ci vogliono un sacco di soldi per comprare verdure biologiche di prima qualità.
  2. D’inverno è difficile trovare la frutta e la verdura di cui abbiamo bisogno.
  3. Ci vogliono un sacco di energie per andare in giro a trovare quello che serve e che faccia bene
  4. Un sacco di pazienza per la pulizia, l’essiccazione, sbucciatura, verdure tagliate e poi beccare le giuste combinazioni per non far sapere tutto di erba bagnata.
[ninja-inline id=738]

Insomma, morale della favola?

Ho venduto lo spremiagrumi e ho iniziato a respirare, non ho più pensato la mattina alle varie combinazioni di verdure e mi sono affidata completamente ai frullati già fatti.

E voi direte: e la qualità? Cosa ne sai di cosa stai mangiando?

Carissimi amici, basta cercare bene, è questo il punto.

E trovare prodotti di qualità che facciano al caso nostro, come ho fatto io.

La dieta che ho seguito io è bata sulla qualità dei prodotti che mangiamo, prodotti controllati in ogni passaggio, dalla coltivazione al momento in cui avviene l’essicazione, fino al momento in cui diventano un prodotto da acquistare.

A quel punto basta un po’ di latte, di soia se siamo intolleranti, e il gioco è fatto.

Ecco perché ho smesso di fare frullati ma continuo a dimagrire

Tempo perso? 15 secondi.

Salute guadagnata? Provate e mi direte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.