Digiuno intermittente: ecco come digiunare per dimagrire

Digiuno intermittente: ecco come digiunare per dimagrire

Abbiamo già discusso di come perdere peso in tanti modi differenti e anche di come dimagrire velocemente. La dieta del digiuno intermittente, invece, di cui vorrei parlarvi oggi è chiamata anche dieta 5:2 perché per 5 giorni si mangia normalmente e per due giorni si ha un regime di digiuno da 5-600 calorie al giorno.

Per cinque giorni la settimana, si mangia normalmente e non si deve pensare a limitare le calorie.

Poi, gli altri due giorni, si riduce l’apporto calorico per un quarto delle vostre esigenze quotidiane. Si tratta di circa 500 calorie al giorno per le donne, e 600 per gli uomini.

È possibile scegliere i due giorni della settimana si preferiscono, a patto che ci sia almeno 1 giorno non a digiuno in mezzo.

Un modo comune di pianificare la settimana è  digiunare il lunedì e il giovedì, con 2 o 3 piccoli pasti, poi a mangiare normalmente per il resto della settimana.

E’ importante sottolineare che mangiare “normalmente” non significa che si può mangiare letteralmente tutto. Se si ci butta sul cibo spazzatura, allora probabilmente non perdere qualsiasi peso, e può anche aumentare di peso.

Ci sono molti studi sul digiuno intermittente, nel suo complesso, che mostrano effetti benefici notevoli.

Un vantaggio importante è che il digiuno intermittente sembra essere più facile da seguire rispetto a regimi a  restrizione calorica continua, almeno per alcune persone.

Digiuno intermittente: ecco come digiunare per dimagrire

Molti studi hanno riscontrato un notevole dimagrimento, oltretutto.

Se avete bisogno di perdere peso, la dieta a digiuno intermittente può essere molto efficace se fatta bene.

Questo è soprattutto perché il mangiare intermittente aiuta a consumare meno calorie.

Pertanto, è molto importante non compensare i giorni di digiuno mangiando molto più nei giorni non a digiuno.

Una studio recente americano ha riscontrato grandi miglioramenti fisici nei fruitori di questa dieta.
Nello stesso studio, i partecipanti hanno perso il 4-7% della loro circonferenza della vita, il che significa che hanno perso un sacco di dannoso grasso della pancia.
Ovviamente come in qualsiasi dieta fatta bene l’abbinare la dieta del digiuno intermittente con un sano e regolare esercizio fisico non fa altro che migliorare il proprio peso e il proprio stile di vita.

Digiuno intermittente: ecco come digiunare per dimagrire

Chi abbia paura di soffrire molto la fame nei giorni di digiuno ha ragione ma dobbiamo anche pensare che il nostro corpo facilmente si abitua a non mangiare e proprio per questo la sensazione di fame che ci attanaglia dovrebbe sparire appena l’abitudine diventa più forte della fame stessa. Oltretutto il fatto di non mangiare per due giorni farà sì che negli altri giorni il nostro corpo possa non ingurgitare quantitativi di cibo elevato proprio perché oramai abituato a mangiare davvero poco.

Ovviamente questo tipo di dieta non è affatto consigliabile a tutti.

E’ sconsigliata a:

Gli individui con una storia di disturbi alimentari.
Gli individui sensibili ai cali di glicemie.
Le donne incinte o che allattano, adolescenti, bambini e persone con diabete di tipo 1.
Le persone che sono malnutriti, sottopeso o hanno conosciuto carenze nutrizionali.
Le donne che stanno cercando di concepire o hanno problemi con la fertilità.
Inoltre, il digiuno intermittente può non essere così vantaggioso per alcune donne come per gli uomini.

E voi vorreste provarlo? Che ne pensate?

 

Redazione Vailo

Redazione Vailo

Vailo è un blog dove pubblicano articoli semplici appassionati della salute e del benessere ma anche professionisti riconosciuti: dietisti, nutrizionisti, personal trainer e wellnes coach. Per saperne di più clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *