Dieta con pochi carboidrati

Dieta con pochi carboidrati

Ho sempre parlato di cosa sia sano e cosa no, seguendo un pensiero che mi porta a cercare di vivere meglio.

Vi ho parlato anche di diete per dimagrire e di come riuscire a perdere peso.

Oggi vorrei parlarvi delle cosiddette diete low-carb, cioè di quelle diete con pochi carboidrati.

Ridurre la quantità di carboidrati nella dieta è uno dei modi migliori per perdere peso, questo innanzitutto.

Il fatto di non mangiarne tende a ridurre l’appetito e a causare la perdita in “automatico” di peso, senza la necessità di contare le calorie o il controllo delle porzioni.

Ciò significa che si può mangiare fino alla sazietà, sentirsi soddisfatti e ancora perdere peso.

Perché si vuole avere un basso contenuto di carboidrati?

Negli ultimi decenni, le autorità sanitarie hanno raccomandato di mangiare e di mantenersi con una dieta ipocalorica, molto povera di grasso.

Dieta con pochi carboidrati
Il problema è che questa dieta non funziona davvero. Anche quando le persone riescono a perdere peso nel breve periodo poi non sono in grado di mantenere quel regime per tutta la vita.

Un’alternativa che è stato disponibile per un lungo periodo è la dieta low-carb. Questa dieta limita l’assunzione di carboidrati come zuccheri e amidi (pane, pasta, ecc) e li sostituisce con proteine ​​e grassi.

Gli studi dimostrano che le diete low-carb riducono l’appetito e ti fanno mangiare meno calorie e perdere peso praticamente senza sforzo, fino a quando si riesce a mantenere i carboidrati bassi.

Tra le diete povere di grassi e quelle in cui i carboidrati sono bassi non c’è nessun paragone, le diete in cui ci sono pochi carboidrati sono quelle con cui si riesce a dimagrire meglio e più a lungo.

Le diete low-carb hanno anche benefici che vanno ben oltre la semplice perdita di peso. Abbassano la glicemia, la pressione sanguigna e trigliceridi. Oltretutto mangiare meno carboidrati fa anche sì che si alzi il colesterolo buono e si abbassi quello cattivo.

Bisogna capire però varie cose: la prima è che il consumo di carboidrati varia anche dalla vita che si fa, ci sono persone che potranno mangiare più carboidrati perché avranno una vita più intensa con attività fisica regolare.

Chi fa una vita sedentaria dovrà sicuramente mangiarne di meno perché non avrà neppure la possibilità di bruciarne in quantità elevata.

Comunque la cosa migliore è mangiare molta frutta e verdura, usare la frutta anche come snack durante il giorno (meglio una bella mela da sgranocchiare che un pacchetto di crackers) e utilizzare quantità moderate di cereali integrali, dalla pasta al pane ai fiocchi d’avena perché i cereali raffinati hanno grandi quantità di zuccheri, quindi meglio l’integrale su tutto.

Questo regime alimentare, se rispettato, porterà grossi benefici al fisico e alla salute del proprio fisico, senza ombra di dubbio un regime di moderazione molto facile da seguire.

Dieta con pochi carboidrati

Ora voi avete mai provato a mangiare pochi carboidrati? E se sì quali sono state le vostre sensazioni? Riuscite a mangiarne pochi o a volte sentite il bisogno di un bel piatto di pasta? Scrivetemi nei commenti le vostre esperienze!

Redazione Vailo

Redazione Vailo

Vailo è un blog dove pubblicano articoli semplici appassionati della salute e del benessere ma anche professionisti riconosciuti: dietisti, nutrizionisti, personal trainer e wellnes coach. Per saperne di più clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *