Il menu settimanale per la dieta macrobiotica

Il menu settimanale per la dieta macrobiotica

Con tutte queste diete c’è da farsi venire il mal di testa.

E siccome Vailo.it si occupa di salute e benessere, non può non parlare di diete.

Qualsiasi essa sia.

Oggi parliamo di dieta macrobiotica, l’avete mai sentita nominare?

Certamente sì, infatti, abbiamo già pubblicato un articolo in materia, anche se oggi lo facciamo approfondendo il discorso menu.

La dieta macrobiotica è quella per cui, con una serie di alimenti riusciamo a mantenere in equilibrio il nostro organismo permettendoci il lusso di poter star meglio allontanando dal nostro corpo determinate malattie, anche croniche.

Dobbiamo crederci?

FORSE TI PUO’ INTERESSARE: Dieta per dimagrire: 3 motivi per cui ingrassiamo e come evitarli

Beh, sicuramente gli studi di George Ohsawa nel 1800 sostengono che i principi base della dieta riescono a mantenere il corpo in equilibrio tra lo Yin e lo Yang, cioè i due principi cardine che per la filosofia orientale reggono tutto l’universo.

Questo regime alimentare, infatti, divide tutti gli alimenti in categorie in base a delle caratteristiche precise e, quindi, seguendo determinate regole non possiamo non offrire al nostro corpo la chiave per una perfetta manutenzione del nostro organismo.

Vediamo insieme un possibile menu settimanale e controlliamo, provandolo, se funziona.

Menu settimanale per la dieta macrobiotica

Ogni tipo di pasto segue la regola per cui il 50 per cento è di cereali, il 30 di verdure, il 10 di proteine e il restante 10 di frutta (fresca o secca).

Gli alimenti Yin sono i cibi acidi, quelli amari o quelli molto dolci, i derivati del latte, la frutta, il pane bianco. Gli alimenti Yang sono quelli poco sapidi come il pollo, il pesce o le alghe.

Una giornata tipo, con delle varianti per ripetere lo schema per una settimana:

Colazione
Una tazza di tè
Una crema di miglio o di riso con cannella ed uvetta passa
Biscotti di riso o una tazza di cereali
Pranzo
Una zuppa di miglio, di cereali o di verdure con alghe o in alternativa un piatto combinato di riso integrale lesso e proteina vegetale (che è sempre preferita ai legumi o alla carne o al pesce)
Una mela cotta
Una tazza di tè
Spuntini
Una tazza di tè
Biscotti di riso con marmellata o confettura

Cena
Una zuppa di verdure e cereali integrali
Verdure al vapore o fresche a volontà
Pesce o proteine vegetali (senza eccedere)
Tra le verdure da scegliere:

  • i cavoli
  • i cavolini di Bruxelles
  • le cime di rapa
  • i ravanelli
  • le carote
  • i finocchi,
  • lo scalogno
  • i fagiolini,
  • le zucche

Sia carne che pesce poco grassi.

Frutta meglio mele, albicocche, prugne, pesche, pera, uva.

Conclusioni

Dobbiamo tutti essere in grado di comprendere quale possa essere il vero equilibrio del proprio corpo e di certo dobbiamo anche essere in grado di essere curiosi e di provare qualcosa che ci sembra lontano da quello che proviamo  a mangiare di solito ogni giorno.
Un menu per una settimana di una dieta come quella macrobiotica può essere, di certo, una prova un po’ difficile da superare ma se è vero quello che dice il suo ideatore di certo il nostro corpo non può che non trarne benefici.

E questo è proprio quello che noi cercheremo di fare in questo 2017, cercheremo assolutamente di vivere una vita che sia la migliore tra le vite possibili.

Dieta Dukan vegetariana, versione senza carne e pesce

Benefici e controindicazioni: un’altalena di opinioni sulla dieta Dukan e sulla sua variante vegetariana.

Parlare di Dieta Dukan senza carne sembra una vera e propria eresia, tuttavia ci possono essere delle eccezioni.

E oggi parliamo proprio di questo: Dieta Dukan Vegetariana

Mantenere il giusto peso, o meglio, ritrovare la perfetta silhouette può trasformasi in una vera e propria epica impresa.

Scegliere la giusta dieta, capace di spazzar via quei chili di troppo, che proprio non permettono di sentirsi a proprio agio, è molto difficile, ma tra i tanti regimi alimentari uno spicca su tutti (vuoi per una perfetta strategia pubblicitaria, ovvero per i benefici che davvero apporta): la Dieta Dukan.

Una dieta che sta avendo, sopratutto negli ultimi anni, un successo straordinario, il quale comunque resta incorniciato in tanti dubbi: è realmente efficace?

Presenta controindicazioni?

[sc name=”DIMAGRIRE” ]

Tanti sono i dibattiti che hanno avuto come loro fulcro questa particolare dieta, che prende il nome dal medico che l’ha creata (Pierre Dukan), ma una risposta esaustiva, capace di eliminare i punti interrogativi prima citati, mai è stata data.

Il programma della Dieta Dukan (qui puoi scaricarla in formato pdf) si divide in tre distinte fasi, da seguire attentamente, per evitare un sacrificio enorme, che si può tranquillamente tradurre come una grande perdita di tempo, senza eliminare i rotolini di troppo.

La dieta del professor Dukan si concretizza in una vera e propria strategia di guerra, per eliminare il grasso in eccesso, attraverso un mirato e duro regime alimentare.

Si parte con la cosiddetta fase di attacco (10 giorni), durante la quale è possibile prepare delle ricette per variare il proprio menu dove è prevista l’assunzione di proteine pure: uova, pesce, carne e latticini; si passa, poi, alla fase di crociera, la quale si può concretizzare in un viaggio verso la forma perfetta, che può variare (in termini di durata) a seconda dei chili da perdere.

Durante questa fase è prevista l’assunzione di verdure, le quali devono accompagnare le onnipresenti proteine.

Il consolidamento è, invece, l’ultima delle tre fasi: finalmente arrivano i carboidrati!

Cosa di evince da quanto appena detto?

Che la Dieta Dukan è iperproteica e sembra non essere adatta ai vegetariani.

Carne e pesce sono gli alimenti portanti di questo particolare e, per molti, sbagliato regime alimentare iperproteico.

Ma, non è proprio così, dato che esiste anche una variante di questa dieta: ecco la Dieta Dukan vegetariana.

Dieta Dukan vegetariana: cosa magiare?

dieta-dukan-vegetariana-01

La Dieta Dukan versione vegetariana è soluzione adatta a chi proprio non riesce, ovvero non vuole per sua scelta o altro, introdurre nel proprio organismo alimenti quali carne e pesce.

Quindi, come sostituire gli alimenti appena citati, senza variare l’impostazione di base di questo regime alimentare iperproteico?

La variante per vegetariani prevede una semplice sostituzione: le proteine di carne e pesce saranno assunte attraverso il tofu, le uova, lo yogurt, formaggi magri e setain (impasto altamente proteico).

Quindi, per chi vede il dottor Dukan come un luminare della scienza dell’alimentazione, ma è vegetariano, la soluzione c’è: dieta Dukan vegetariana.

Gli alimenti base, descritti a mo’ di esempio poc’anzi, possono inoltre essere combinati con la salsa di soia, erbe, aromi vari, tisane, crusca d’avena e verdure di diverso tipo, al fine di raggiungere il livello proteico degli alimenti banditi dal vegetarismo.

Non solo: legumi in gran quantità e frutta (poco zuccherina) sono ben accetti.

Scegliere la dieta Dukan Vegetariana per dimagrire, forse, è la giusta scelta in termini salutistici, poiché è risaputo che un regime alimentare ricco di proteine, assunte soltanto con il consumo di carne non è poi così perfetto.

Quindi, la variante vegetariana è la giusta scelta?

Per alcuni aspetti si, per molti altri resta un regime alimentare sbagliato.

Dieta Dukan vegetariana: controindicazioni

Non è tutto oro ciò che luccica: anche una dieta vegetariana ha le sue controindicazioni.

Nonostante l’assunzione di ottimi alimenti, importanti per l’organismo (frutta, verdura, legumi), la variante vegetariana Dukan resta una dieta iperproteica, che può portare ad una carenza di vitamina B.

Ma, quello che proprio non rientra negli schemi della corretta dieta, secondo gli esperti che si son schierati contro questo regime alimentare, è la prima fase, quella di attacco.

Troppo rigida e con scarsa assunzione di alimenti fondamentali per il buon funzionamento dell’organismo.

Inoltre, è molto semplice, come dimostrato da diversi studi, riprendere i chili persi: le diete iperproteiche sono le migliori per perdere peso velocemente, ma le peggiori per risultati perfetti nel lungo periodo.

I chili persi, non appena si abbassa la guardia, si ripresentano.

Forse, la dieta perfetta non esiste, ma un buon metodo per mantenersi in forma e in salute si: mangiare tutto senza mai esagerare!

Una dieta drastica, veloce ed efficace? Ecco la dieta dei tre giorni

Una dieta drastica, veloce ed efficace Ecco la dieta dei tre giorni

Abbiamo già trattato l’argomento fretta in un precedente articolo.

Ma siccome le occasione in cui ci accorgiamo che forse con i tempi non siamo così comodo sono tanti, allora vale la pena avere un’altra dieta, o modo di perdere peso, a disposizione tra cui sceglere.

E allora ecco una nuova opzione per te.

Avete proprio bisogno anche voi di una dieta drastica, veloce ed efficace con cui arrivare in forma, o almeno con qualche chilo in meno, alle agognate vacanze estive?

Sì, vero?

Anche io.

Allora mi viene subito in mente una dieta per dimagrire di tre giorni depurativa, un one shot dietistico, una di quelle diete che in poco tempo ti fa perdere un po’ di peso, perfetto per il primo bagno o per farti entrare quel vestito che proprio fa fatica a scivolare sulle tue rotondità.

Lo scorso articolo vi avevo parlato di integratori alimentari, quindi di una dieta accompagnata da integratori che portano a dimagrire maggiormente sul lungo termine.

In questo caso, invece, parliamo di una dieta veloce, molto rapida, un bel po’ drastica, da fare in pochissimi giorni.

Ma guardiamo insieme di cosa si tratti.

Una dieta drastica, veloce ed efficace Ecco la dieta dei tre giorni

La dieta drastica e veloce dei tre giorni

Innanzitutto vi devo dire che in questo caso stiamo parlando di una dieta disintossicante efficace per poter perdere due o tre chili nell’arco di questi 3 giorni.

Chiaramente questo tipo di dieta è capace di farti perdere in maniera veloce anche tutte le tossine di cui sei saturo e di ritrovarti, in poco tempo, più rilassato, più in forma e più leggero.

Questa la dieta:

  • al mattino bevi un bicchiere d’acqua calda con una spremuta di limone, per accelerare il metabolismo, o una tisana depurativa allo zenzero, perfetta allo scopo;
  • a colazione mangia uno yogurt magro con avena o cereali integrali
  • a pranzo un brodo disintossicante (va benissimo quello vegetale filtrato che poi cucinare con sedano, fagiolini, pomodori e zucchine) con una fetta di pane integrale
  • a cena mangia una proteina magra (come pollo, maiale, coniglio o pesce) con verdure di stagione (chiaramente non fritte)
  • gli spuntini possono essere di frutta fresca e secca, senza nessuna aggiunta di zucchero
  • prima di dormire bevi una tazza di camomilla o di tè al tarassaco per lenire lo stress e favorire il sonno

Come avrete notato questa dieta ha degli elementi liquidi evidenti che servono a drenare il nostro corpo in maniera più che evidente.

Perdendo i liquidi è molto facile perdere quei due o tre chili di ritenzione idrica che ognuno di noi si porta dietro con una dieta sbagliata.

Conclusioni

Una dieta drastica, veloce ed efficace è proprio questa di cui vi ho parlato ora, una dieta certo non a lunga scadenza ma in grado di poter donare una leggerezza e una depurazione facile e completamente naturale.

Basta mangiare, appunto, cibi leggeri, piuttosto liquidi, senza abbondare di pane ma con un paio di tisane al giorno per migliorare radicalmente il nostro stato di benessere.

Per esempio l’idea del bicchiere d’acqua calda con il limone di primo mattino per accelerare il metabolismo è una di quelle cose che dovrebbe diventare un’abitudine reale per iniziare la giornata con uno slancio differente.

Quindi sì a queste pause dalla nostra alimentazione abituale per depurarci da tutte le tossine che ci portiamo dietro ogni giorno, nella nostra vita stressata e piena di cibo spazzatura.

Se invece vuoi seguire una dieta sana ed efficace, e sopratutto duratura, allora scarica il menu del lunedì della nostra dieta:

Uomo Donna

La dieta per la sindrome del colon irritabile (pdf), cosa devi sapere.

La dieta per la sindrome del colon irritabile (pdf), cosa devi sapere.

Usare dei farmaci che sopprimano i sintomi ma che non sono giusti per scoprire la causa e guarire definitivamente questa malattia cronica mi scoccia terribilmente.

L’approccio della medicina tradizionale per curare la sindrome del colon irritabile è sempre qualcosa per cui io sono molto scettica.

E questo riguarda anche il tema che sto per trattare in questo articolo.

Ad oggi la sindrome del colon irritabile (pdf) ha una causa di innesco ancora misteriosa.

E questo non va bene.

Il mio approccio alla vita e ai disagi delle malattie croniche mi porta sempre a dissentire dalla medicina tradizionale, se non sono in grado di far guarire il paziente, e cercare di cambiare, innanzitutto, stile di vita e alimentare per vedere se ci sono dei benefici.

Ma andiamo con ordine e prima di spiegarvi la dieta giusta per il colon irritabile voglio che voi sappiate, con me, cos’è la sindrome del colon irritabile e se ne soffrite senza neppure saperlo.

Sindrome del colon irritabile

La sindrome del colon irritabile è un insieme di disordini funzionali dell’intestino che portano una serie di problemi cronici piuttosto gravi che partono da un semplice gonfiore addominale ad arrivare a una diarrea continua, con dolori addominali, davvero lancinanti.

E’ una condizione di cui soffrono più le donne e si può immaginare di esserne colpiti se abbiamo questi sintomi per più di 3 giorni in un mese, diciamo nell’ordine degli ultimi 3 mesi (e queste sono le linee guida dell’Università Roma 3 sugli opuscoli divulgativi sulla malattia):

  • meno di tre evacuazioni a settimana
  • più di tre evacuazioni al giorno
  • feci dure e caprine
  • feci molli o liquide
  • sforzo durante l’evacuazione
  • stimolo a defecare
  • sensazione di svuotamento intestinale incompleto
  • presenza di muco nelle feci
  • tensione o distensione addominale

Se scoprite di avere uno o più di questi sintomi sarebbe meglio che ne parlaste con il vostro medico di famiglia prima di cominciare analisi più approfondite.

La sindrome, come tutte le malattie croniche, mette insieme periodi di acutizzazione e periodi di quiescenza che rendono difficile e altalenante la vita di un uomo o di una donna che ne sono colpiti.

Alcuni alimenti, più di molte medicine che sono soltanto degli alleviatori di sintomi, sono davvero in grado di modificare, in maniera positiva, il decorso della malattia.

Innanzitutto dobbiamo pensare a lavorare sul nostro corpo e trasformarlo in un corpo sano.

Gli studi medici, appunto, hanno certamente trovato delle forti incidenze dell’obesità sul sorgere della sindrome. Anche perché gli obesi hanno, di solito, alti livelli di insulina nel sangue che portano la diffusione di alcuni tumori all’apparato digerente, tra cui quello al colon.

Ora vediamo insieme quale possa essere la dieta e l’approccio alimentare migliore per i pazienti affetti dalla sindrome del colon irritabile.

La dieta giusta per la sindrome del colon irritabile

Dobbiamo certamente dare, all’inizio di questo paragrafo, alcune linee guida che possano stabilire cosa si possa fare per costruire un corpo e uno spirito migliori per sopportare e per star meglio.

La prima cosa che mi va di dirvi è che il corpo deve essere sempre ben idratato, quindi bevete sempre, ogni giorno, circa due litri di acqua.

La seconda cosa è quella di eliminare, completamente o quasi, tutte le preparazioni complesse e prediligere cotture semplici come il vapore, la griglia, i ferri, il cartoccio.

La terza e più importante è quella di approcciare a una dieta ricca di frutta, verdura e cereali, equilibrata, che abbia nel suo interno poca carne rossa, considerata piuttosto pericolosa per chi già soffre di problemi di intestino.

Iniziamo con gli alimenti COMPLETAMENTE DA EVITARE:

  • alcuni dolcificanti che si trovano nelle caramelle o nelle gomme da masticare come il sorbitolo o il mannitolo
  • alcolici e super alcolici
  • caffè tè e bevande gassate
  • condimenti grassi o fritture
  • maionese, ketchup o senape
  • peperoncino
  • brodo o dado di carne

Alimenti DA MANGIARE CON MODERAZIONE:

  • legumi
  • verdure che producono grandi quantità di gas come broccoli e cavolfiori
  • frutta che porta flatulenza come uva passa, albicocche, prugne
  • latte, soprattutto se si è intolleranti al lattosio
  • prodotti integrali

Alimenti CONSENTITI:

  • acqua (almeno 1.5, 2 litri al giorno)
  • pane, pasta, cracker, soprattutto di orzo, segale e avena (molto ben tollerati)
  • carne bianca, possibilmente, anche cavallo ogni tanto per il grosso contenuto di ferro
  • latticini e yogurt
  • formaggi stagionati come il Grana Padano DOP che non contiene lattosio ma solo proteine
  • verdure, soprattutto carote, asparagi, pomodori, cicoria

Regole generali:

  • mangiare masticando molto lentamente
  • fare attività fisica, dalla camminata alla bicicletta, dalla palestra al nuoto
  • eliminare lo stress ambientale

Per quanto riguarda la dieta, quindi la combinazione degli alimenti permettetevi di darvi dei consigli generici.

Essendo questo tipo di dieta molto equilibrato cercate sempre di accoppiare questi alimenti mettendo un carboidrato con la verdura o una proteina con la verdura, con una dieta dissociata.

Potreste mangiare un primo o un secondo a pranzo e la sera prediligere i latticini con le verdure.

Gli spuntini, almeno due tra mattina e pomeriggio, prediligeteli di frutta. Ricca di fibre com’è vi aiuterà con l’intestino e nel regolamentarlo.

E abbiate sempre molta cura nel bere le cose giuste, senza eccedere mai né con il caffè, né con le bibite gassate.

Vi prego, anche, di non bere alcool, è davvero dannoso anche perché tende a creare ulcere nell’intestino se esiste già una fragilità.

Conclusioni

Vivere con un problema così grave e cronico come la sindrome del colon irritabile può essere molto debilitante. Parliamo di una malattia misteriosa, appunto, di cui molto poco ancora sappiamo. E questo fa sì che la medicina tradizionale usi farmaci palliativi e non curativi.

L’unico metodo davvero interessante per cercare di lenire i sintomi è quello di fare una dieta equilibrata con alimenti che non portino un’infiammazione ancora più forte dell’intestino e di tutto l’apparato digerente.

Cercate di incamerare più informazioni possibili per essere sempre consapevoli di quello che mangiamo e di come mangiamo.

C’è però questo sito colon-irritabile.com/ che offre un pdf gratuito in cui propone l’approccio a questa patologia in un modo completamente differente.

E, soprattutto, non siate sedentari, anzi, fate in modo di fare sempre un po’ di attività leggera, anche una bella passeggiata in giro dopo pranzo o dopo cena, giusto per non digerire già sdraiati sul divano.

Imparate a rilassarvi, la vita può essere molto più bella di così.

33 buoni motivi per dimagrire e perdere peso definitivamente

33 buoni motivi per dimagrire e perdere peso definitivamente

Basta un motivo per dedicere di mettersi a dieta e farlo per bene.

In questo articolo però ho voluto strafare, e per questo non ti fornisco solo un buon motivo, ma te ne indico addirittura 33.

L’estate arriva, quel jeans non entra più e noi vi diamo 33 buoni motivi per dimagrire.

Dopo avervi dato diete che vi aiutano nel vostro percorso di salute, come questa per la sindrome del colon irritabile oggi parleremo di quanto possa essere importante decidersi a perdere peso, illustrandovi una serie  di suggerimenti che non possono non fare al caso vostro.

Il sovrappeso inficia molte cose, sull’umore, sull’autostima, sul modo in cui ci si pone con gli altri. Per non parlare dei problemi di salute, dal colesterolo al diabete, dai problemi di cuore a quelli di circolazione periferica.

Quindi perdere peso non sarà solo entrare in quel bikini o in quel vestito per il matrimonio ma cambiare radicalmente stile di vita per avere davvero buoni motivi per dimagrire, cioè per migliorare se stessi.

Vediamo insieme i 33 buoni motivi, così da rendere la nostra vita molto più facile e salutare.

I 33 buoni motivi per dimagrire

1. Dimagrire significa dormire meglio

Quello che non sai è che dormire il tempo giusto ti fa dimagrire con maggiore facilità. Spesso le persone che stanno a dieta, proprio per compensare una dieta povera di grassi hanno costantemente fame. E avere fame significa essere in pericolo di qualche sgarro imminente. Invece dormire ti porta a stare rilassati e non pensare alla fame che invece permette di risvegliare il metabolismo.

2. Alleviare i dolori articolari

Molti di noi in sovrappeso soffrono di una serie di dolori articolari cronici dovuti al peso eccessivo che il nostro corpo non riesce a reggere senza sforzo. Un accumulo di peso porta a una serie di infiammazioni che una dieta fatta bene che porti a dimagrire ma anche a rafforzare i tendini e i muscoli non può che migliorare.

3. Miglioramenti lavorativi

Sembra assurdo da dire così, di primo acchito, ma è comprovato che avere un peso più che normale riesca a mettere in luce le abilità lavorative maggiormente. Le persone obese, vivendo con grande difficoltà la loro condizione personale, non danno il massimo al lavoro portandosi dietro sempre lo stesso stipendio per anni o non riuscendo a mantenersi il lavoro. E’ una questione di qualità e di autostima.

4. Ottenere il lavoro dei sogni

Non bisogna pensare a chissà quale psicologia straordinaria per arrivare a uno studio e a un pensiero del genere: avere un peso forma significa avere maggiore consapevolezza e considerazione di sé. Proprio per questo è più facile che un uomo o una donna con un fisico normale abbiano maggiori possibilità lavorative. Un uomo o una donna obesi sono persone che non sono in pace con se stessi e proprio per questo migliorarsi fisicamente può aiutare a raggiungere obiettivi migliori.

5. Abbassare i livelli di stress

Stare a dieta può anche aiutare ad abbassare, con il cibo, i livelli di stress di una persona. Invece di avere rabbia fin sopra la punta dei capelli si può pensare di mangiare zuccheri meno raffinati per una scelta alimentare che aiuti il nostro corpo a produrre meno cortisolo e meno stress.

6. Soffrire meno di allergia

Scegliere i cibi giusti, mangiare alimenti sani a chilometro zero, porta un miglioramento palese anche delle allergie che tutte le primavere attanagliano i nostri nasi, i nostri occhi e i nostri polmoni. Il sovrappeso, infatti, porta a un surplus lavorativo delle ghiandole surrenali che porta a un aumento dell’allergia.

7. Gustare di più i sapori

Questo forse non lo sai neppure ma mangiare con meno ciccia intorno e all’interno del nostro corpo migliora i nostri sensi. Proprio perché il livello ormonale non è tanto soggetto a dislivelli o a scarichi eccessivi riusciamo a gustare meglio i sapori del cibo che ingeriamo. Provare per credere.

8. Migliorare l’eccitazione sessuale

E’ comprovato che nel momento in cui nel nostro corpo c’è meno peso e meno cortisolo (che aumenta il livello di stress a dismisura) anche le nostre prestazioni sessuali aumentano. Le donne hanno un’impennata del desiderio grazie a un improvviso ringiovanimento ormonale. Gli uomini, altrettanto, con una maggiore secrezione di testosterone.

9. Durata del sesso maggiore

Un uomo e una donna con un peso normale durano circa il 10% in più a letto di una persona in sovrappeso.

10. Migliorare come cuochi

Usare alimenti freschi e sani e quindi usare meno prodotti confezionati e surgelati fa sì che si possa migliorare molto dal punto di vista culinario, aumentando di parecchio le skills come chef.

11. Soffrire meno il caldo

Avere meno peso addosso e mangiare meno cibi grassi o alcool fa sì che il nostro corpo sudi di meno e quindi soffra meno il caldo. E poi mangiare meglio, secondo la Scuola di medicina di Harvard, migliora il nostro sistema immunitario.

12. Memoria d’elefante

E’ comprovato che mangiare meglio e dimagrire contribuisca anche ad avere grande memoria, è questo quello che forse neppure immaginavamo! Migliorare dal punto di vista alimentare porta a una rigenerazione maggiore delle cellule cerebrali e quindi a una memoria più attiva.

13. Usare cibi che saziano

Il costante bisogno di cibo è una di quelle cose che attanaglia chi decide di iniziare una dieta. Ed è anche quel costante sentirsi affamati che di solito rompe le scatole a chi è a regime. Cercare, però, i cibi che saziano per più ore, come le proteine animali e vegetali o alcune verdure ricche di fibre è un trucco interessante per chi prova fastidio nel sentire quel senso di fame continuo. E mangiare di meno significa dimagrire più facilmente.

14. Maglioni meno sottili

Si può scegliere di vestirsi anche un po’ più pesante, perché il cibo migliore porta ad avere meno caldo, come abbiamo detto prima e quindi si può variare di più il tessuto e la forma del vestito da indossare, chiaro.

15. Salute della pelle migliore

Chiaro è che nel momento in cui ci troviamo ad avere a che fare con una dieta migliore anche la nostra pelle migliorerà. Proprio per questo è consigliato un regime alimentare sano a chi soffre di psoriasi, eczema, acne e altro problemi della pelle. Il miglioramento sarà evidente fin da subito.

16. Miglior rapporto con il proprio corpo

Semplice capire il perché del miglior rapporto con il proprio corpo. La dieta non rappresenta solo del cibo migliore ma anche una maggiore consapevolezza di sé, con un rinnovato amore nei confronti delle parti del corpo. Super hot davvero.

17. Avere più energia

Il cibo, il cibo quello buono, non abbatte, appesantisce o deprime. Anzi. Se mangiate bene non vi sarete mai sentiti più energici.

18. Sentirsi più carini

Lo so che sembra un dato di fatto anche piuttosto scontato ma stare più in forma significherà anche sentirsi più carini, con dei sorrisi spontanei che usciranno fuori con maggiore semplicità. Ci sono molte testimonianze di persone che già dopo aver perso 7-8 chili si sentono molto più attraenti. D’altronde la società tende a demonizzare, purtroppo, chi è obeso o in forte sovrappeso.

19. Diventare più facilmente riconoscibili

Il grasso tende a rendere le persone più anonime, anche perché sono le persone stesse a rendersi meno riconoscibili, con abiti larghi e meno cura di sé. Perdere qualche chilo porta subito ad essere maggiormente memorizzabili, anche grazie al fatto di sentirsi meglio, quindi più predisposti alla conoscenza.

20. Più endorfina

Sentirsi meglio e mangiare meglio non fanno altro che incrementare l’endorfina, l’ormone del benessere, stabilizzando il nostro umore.

21. Avere più soldi

Mangiare meno, mangiare meglio, bere meno, bere meglio. Queste sono tutte cose che faranno sì che il nostro portafogli sia sempre meno vuoto, ci saranno maggiori risparmi alla fine del mese, evidente.

22. Uscire di più

Cercare di fare un po’ di attività fisica per restare in forma vi porterà ad uscire più di casa per esplorare ciò che c’è intorno e che, sicuramente, in auto non avevamo mai visto con calma.

23. Nuove ricette

Finalmente, con la dieta, sarà molto più facile cucinare nuove ricette senza ricadere nei soliti cliché alimentari precedenti con la pizza, l’hamburger e la pasta con il formaggio.

24. Scoprire nuove attività

Con il peso in meno si può certamente pensare di fare cose che prima non eravamo in grado di fare, dal fare una bella corsetta o una lunga nuotata, oppure una passeggiata in bici o una semplice arrampicata.

25. Respirare meglio

E’ comprovato che la perdita di peso riesce a farci respirare meglio, aumentando la capacità di incamerare ossigeno da parte dei polmoni.

26. Lavorare meglio

Maggiori capacità di concentrazione porteranno a lavorare di più e meglio, con un focus evidente ogni giorno, senza distrazioni o cali di attenzione frequenti.

27. Alleviare le malattie croniche

Mangiare meglio, con un certo dimagrimento, porta, certamente, a migliorare anche i problemi cronici, dal diabete alle infiammazioni. Noterete un miglioramento evidente che vi permetterà di diminuire anche il numero di farmaci al giorno.

28. Basta russare

Se siete l’incubo del vostro partner con il vostro costante russare sappiate la dieta migliorerà anche questo fastidioso problema notturno.

29. Diminuire il rischio di cancro

Non solo i fumatori sono a rischio cancro ma anche chi soffre di obesità o è fortemente in sovrappeso. Perdere peso significa diminuire il rischio di cancro, specie post-menopausa per le donne.

30. Possibilità maggiori di gravidanza

Avere meno peso addosso fa sì che sia più facile restare incinte e che la gravidanza successiva, poi, sia meno a rischio. E questo, di certo, non è una cosa da non tenere in conto. Arrivate intorno ai 30 anni le donne iniziano a pensare grandemente ad avere un figlio, a realizzare il sogno di diventare madri.

31. Migliorare le persone intorno a te

La dieta, se fatta bene, non cambia solo la tua vita ma anche quella della gente che ti sta intorno. Certo è che un’ondata di cibo sano e di benessere non ha mai fatto male a nessuno  e che quest’onda positiva si allarghi è di per sé una cosa molto bella e molto interessante.

32. Farsi nuovi amici

Con un cambiamento di vita così evidente è anche chiaro che si potranno conoscere molte più persone. Già il fatto di stare più all’aria aperta, di fare palestra, di cambiare giri soliti, farà sì che le amicizie si possano allargare.

33. Vivere più a lungo

Ultimo motivo ma certamente il più importante: mangiando meglio e dimagrendo aumentano, di parecchio, le possibilità di vivere una vita lunga e serena. Essere in pace con se stessi, in forma, in salute, ecco quello a cui noi tutti aspiriamo.

Conclusioni

Migliorare la propria vita, ecco perché i 33 buoni motivi per dimagrire. Di motivi per dimagrire ce ne sono sempre tanti, di buoni motivi, come abbiamo visto (e anche molto semplici da realizzare) ce ne sono parimenti. La differenza tra i motivi e i buoni motivi è che i motivi possono essere fugaci o fallaci. I buoni motivi, invece, sono perfetti per chi ha davvero voglia di cambiare la strada maestra, prendendo una nuova via per stare più in forma, più sani e più felici.

Il menu per la dieta metabolica (pdf)

Il menu per la dieta metabolica (pdf)

Certo che con tutte queste diete in circolazione rischiamo di farci venire il mal di testa.

La dieta rossa, quella gialla e la dieta azzurra.

Ovviamente sto scherzando, ma forse tra poco tempo usciranno diete anche con questi nomi.

Detto questo, avete mai sentito parlare di dieta metabolica?

Se ne avete sentito parlare saprete anche che i risultati di questa dieta vengono sempre considerati quasi miracolosi.

Parliamo di velocità nel perdere peso con aumento della massa grassa e della forma fisica, aumento della salute in generale, aumento dei sistema immunitario, miglioramento del carattere.

In Italia la dieta è famosa perché è considerata senza carboidrati e con moltissimi grassi ma non è proprio così.

Proprio per questo vedremo insieme un menu di dieta metabolica a grandi linee per spiegarvela meglio.

La dieta metabolica

Come funziona quindi la dieta metabolica? Funziona in modo da alterare il metabolismo sostituendo i carboidrati con i grassi e mantenendo la massa magra con le proteine. Ma non è proprio così. La dieta è senza carboidrati solo nella parte iniziale, essendo poi divisa per fasi.

La teoria si basa su quello che per millenni i nostri antenati hanno mangiato. E tutto questo di certo non riguardava sia gli zuccheri che i carboidrati raffinati ma tutto ciò che potevano procacciarsi da soli con la caccia e con la pesca e con i doni della natura stessa.

Quindi diciamo che la dieta e il relativo menu si basa proprio su quello che sembra essere il metodo di alimentazione dei primitivi modificandolo secondo esigenze più moderne ma sempre tenendo a mente dei grassi che sono energia e dei carboidrati che portano invece all’obesità e al diabete.

Nella prima fase parliamo di carboidrati solo al 10% del fabbisogno giornaliero, quindi circa un 30 grammi, e poi grassi (specie presi dal pesce) e proteine in quantità elevate dal 40 al 50 per cento ciascuno ogni giorno.

Prova il Metodo Vailo, compila la form e scarica gratuitamente il menu del Lunedì:

Uomo Donna

Questa prima fase dura 12 giorni ed è quella che più assomiglia a quella dell’uomo delle caverne.

Nella seconda fase il menu prevede il ricarico di carboidrati e dura sempre 12 giorni. Serve a elettrizzare l’insulina con carboidrati anche fino al 60 per cento del fabbisogno giornaliero. Sotto tutti shock metabolici controllati, sia chiaro.

Per darvi qualche esempio di quello che potete mangiare in questa dieta sappiate che potete nutrirvi di tutto ciò che è pesce e carne nella prima fase, anche tonno e carne in scatola. Salumi e formaggi almeno 3 volte a settimana.

Chiaro altrettanto è, che nella seconda parte della dieta, potrete mangiare pasta pizza e pane in quantità sì moderate ma tutti i giorni.

Ovviamente provare per credere, qui si tratta di una dieta forte. 12 giorni senza nessun carboidrato o quasi, sono piuttosto difficili da superare ma è il primo scoglio. Il secondo è altrettanto forte metabolicamente ma compensa il primo step.

Posso farvi un esempio di un giorno ideale di scarico, quello della prima fase con solo 30 grammi di carboidrati e un giorno carico, quello con i carboidrati, così che possiate rendervi conto ancora meglio di quello che la dieta metabolica fa al nostro corpo e al nostro metabolismo.

Un giorno possibile di scarico può essere:

Colazione: fette biscottate o cereali senza zucchero o biscotti secchi con té o caffè

Spuntino: frutta fresca

Pranzo: insalata con salmone/trota salmonata/feta/mozzarella/3 uova (quello che volete tra questi alimenti, tutti proteici)

Spuntino: spremuta di arance

Cena: vitellone/salmone/formaggio fresco/prosciutto (a scelta) con verdura cotta o cruda

Un giorno di possibile carico può essere così, invece:

Colazione: biscotti ai cereali o brioche con tè o caffè

Spuntino: frutta fresca

Pranzo: pasta con il ragù o vellutata di verdure  + un panino + verdura cotta o cruda

Spuntino: spremuta

Cena: pesce o pollo con panino e verdura cruda o cotta

Conclusioni

Qui non solo stiamo parlando di dieta metabolica ma di una dieta che ha un menu da seguire a grandi linee e piuttosto singolari. Alterare il metabolismo aiuta il nostro corpo e la nostra mente allontanando il pericolo di obesità e di diabete. Qui non si tratta di fare una dieta normale ma di considerare i grassi nostri amici. Una bella curiosità, no?

FORSE TI PUO’ INTERESSARE: Dieta per dimagrire: 3 motivi per cui ingrassiamo e come evitarli

Dieta lampo: perdere peso quando hai pochi giorni a disposizione

Dieta lampo: cosa fare quando hai pochi giorni a disposizione

A volte non abbiamo proprio temo.

Ci siamo organizzati male, abbiamo rimandato l’inizio di un nuovo stile di vite, oppure l’inizio del nuovo esame….

Quando decidiamo di perdere peso pensiamo sempre al fatto che ci vorrà tanto, troppo tempo per ritrovare la forma fisica.

Invece non è proprio così, possiamo prendere in considerazione l’idea di una dieta lampo, una dieta iper calorica che potrebbe, se seguita alla lettera, 10 chili in 14 giorni, in mezzo mese!

Curiosi, eh?

Ho letto di questa possibilità e ho avuto una serie di dubbi, chiaro, non è mica facile perdere così tanto peso in così poco tempo. Ma è possibile, vi posso assicurare che è possibile.

Seguendo una dieta ipocalorica, prediligendo proteine e cibi magri, bevendo tanta acqua e tisane detox e iniziando, nel frattempo, anche un’attività fisica, anche moderata.

Dovete ricordarvi, sempre e comunque, che il solo cibo non basta mai per perdere peso ma c’è sempre bisogno anche di fare un po’ di allenamento.

Prima di iniziare a parlare della dieta vi parlo, brevemente, di quello che potrebbe essere un allenamento base anche per una persona sedentaria che da anni non si alza dal divano (lo so, lo so, la vita di tutti i giorni è stressante, quando si torna dal lavoro si ha solo voglia di sdraiarsi e guardare qualcosa in tv).

Non dico di diventare un famoso velocista ma di camminare, ecco quale è il mio consiglio. Potreste iniziare a lasciare la macchina a casa e camminare per andare al lavoro. Potreste fare le scale invece di prendere l’ascensore. Potreste fermarmi alla stazione di metro un po’ più lontana dall’ufficio.

Quindi iniziamo a camminare e nel frattempo pensiamo come perdere più chili possibili in poco tempo!

Così potrà finalmente entrarci quel vestito che avevamo preso anni fa e che non siamo mai riusciti a infilarci perché nel frattempo non abbiamo mai perso peso!

Dieta lampo 10 kg

Una dieta lampo 10 chili in 14 giorni molto interessante e si può, ovviamente, pensare di farlo solo privilegiando cibi magri con un altissimo contenuto proteico e una bassa quantità di carboidrati grassi. Chiaro è che il timore di tutte queste diete in cui ci mettiamo poco tempo per perdere un bel po’ di peso il vero problema può essere non tanto quello di un regime di dieta rigido ma quello di mantenere il peso perso per un tempo più lungo. Allora prima di mettervi qui lo schemino della dieta permettemi di dirvi qualcos’altro su quello che dovrebbe essere il segreto di tutte le diete.

Quando iniziamo a pensare a noi e al nostro modo di vivere la vita dovremmo ragionare sul fatto che il nostro compito è quello di star bene, sia dentro che fuori, sia quello di volerci bene. Quindi basta con il cibo spazzatura, con le bibite gassate, con le giornate a non far nulla, con il troppo alcool e il poco sonno.

Allora dobbiamo fare qualcosa che resti, come insegnamento e come motivazione per il resto della vita, dobbiamo iniziare a mangiare sano e a prenderci cura del nostro corpo.

Parliamo allora di iniziare a lavorare su noi stessi con uno shock addizionale, uno shock metabolico che porti il nostro corpo a mangiare parecchie proteine e a perdere un bel po’ di peso in poco tempo e poi parliamo, anzi iniziamo a parlare, di un mantenimento che deve essere la linea guida di tutta la nostra vita. Cibo sano, cibo fresco, cibo a chilometro zero, pochi sgarri, una attività fisica moderata e tanta, tantissima voglia di conoscere quello che mangiamo.

L’informazione è tutto, sapere quali cibi si possono mangiare e quali cibi poter abbinare è l’unica cosa che conta davvero per avere un buon successo nella vita e un corpo in forma.

Allora partiamo da questo shock metabolico con pochissimo grasso e vediamo giorno per giorno quale può essere un possibile schema e delle possibili combinazioni interessanti per mangiare e dimagrire tanto in poco tempo.

Il primo giorno si può iniziare così:

  • colazione – un bicchiere di succo di frutta, rigorosamente senza zucchero, e un paio di fette biscottate integrali
  • pranzo – un panino, di circa 80 grammi, con 100 grammi di prosciutto crudo
  • cena – una fettina di carne ai ferri con un’insalata di lattuga condita con poco olio

Il secondo giorno:

  • colazione: un succo di frutta senza zucchero e una tazzona di orzo
  • pranzo: insalata verde con tonno e qualche gamberetto
  • cena: 80 grammi di spaghetti con pomodorini e un velo di parmigiano

Il terzo giorno:

  • colazione: caffè senza zucchero e uno yogurt magro con una manciata di cereali integrali
  • pranzo: panino piccolo con un piatto di bresaola con rucola e grana
  • cena: pesce cucinato grigliato o al forno con insalata poco condita

Il quarto giorno:

  • colazione: un succo di frutta senza zucchero, 3 fette biscottate integrali con un velo di marmellata
  • pranzo: verdura mista con pochissimo olio e un piccolo gelato alla vaniglia
  • cena: un uovo sodo e due bruschette piccole con il pomodoro

Il quinto giorno:

  • colazione: un caffè con un cucchiaino di zucchero e un paio di fette biscottate integrali
  • pranzo: un trancio di pizza e un frutto
  • cena: una fettina di pollo con insalata poco condita

Ripetere questa dieta nei giorni successivi. I risultati non tarderanno a venire.

Barbara de rossi dieta lampo

Ricordate quella meravigliosa trasformazione di Barbara De Rossi, l’attrice de La piovra, che in pochissimo tempo ha perso tanto peso? Ecco, anche quella lì è stata una dieta lampo e oggi vi scrivo qui le linee guida così sarà più facile per voi seguire lo schemino.

Appena sveglia l’attrice beve un bicchiere d’acqua e un altro prima di colazione.

Per colazione: una tazza di latte o uno yogurt magro; caffè o tè senza zucchero; una fetta di pane integrale tostata o un paio di fette biscottate integrali

Come spuntino: uno yogurt magro o un cappuccino senza zucchero

Per pranzo: insalata mista con cipolle e pochi pomodorini e tonno al naturale

Come spuntino: spremuta di arancia o tè senza zucchero

Per cena: insalata di lattuga con fesa di tacchino e un po’ di radicchio

Dopo cena: tisana detox

Con questo schema l’attrice ha perso più di 32 chili in poco tempo, in pochissimi mesi e con degli sforzi non particolarmente elevati, si capisce leggendo bene lo schemino della dieta, e con un’attività fisica sotto gli occhi di tutti, essendo lei impegnata nella trasmissione televisiva di Raiuno Ballando con le stelle.

Dieta lampo 5 kg in 7 giorni

Si può anche pensare di ridurre il tempo della dieta per perdere la metà del peso stabilito di dover perdere. Si può anche pensare, con l’arrivo dell’autunno di fare una dieta a base di zuppe, che essendo ricche di acqua e di fibre sono perfette per l’intestino e per la ritenzione idrica.

In questo caso potremmo mangiare a colazione uno yogurt magro con un paio di fette biscottate con un velo di marmellata. Per i due spuntini tè senza zucchero o una tisana detox. Per pranzo e per cena zuppa di verdure, ricca di verdure fresche, per i successivi sei giorni.

E’ garantito che questa dieta faccia perdere peso, è bene dopo la prima settimana integrare, man mano, del pane e un po’ di pasta. Poi si passa alle proteine magre per una dieta più equilibrata.

Rischi e controindicazioni

Il rischio di una dieta lampo è quella di imparare a mangiare male, con una dieta in cui non ci sono tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno. L’altro rischio, di cui vi parlavo prima, è quello per cui, se non abbiamo un minimo di attenzione, può essere possibile che si riprenda, in poco tempo, tutto il peso perso in così poco tempo. Quindi attenzione, con queste diete, a non mangiare sempre quei pochi alimenti di cui ci siamo nutriti nei pochi giorni della dieta lampo. Quindi andiamoci cauto con l’inserire poi tutti gli alimenti subito dopo i giorni della dieta ma iniziamo a ragionare su quali alimenti inserire prima e man mano, continuando a fare attività fisica.

Conclusioni

Ognuno di noi è una persona differente ma ognuno di noi sa benissimo quale sia il momento in cui mollare tutto quello che c’è da mollare (cibo spazzatura, etc, ect) e riprendere in mano la propria vita anche con una dieta lampo, rigida, per pochi giorni. Che bello che è avere a che fare con una dieta perfetta come questa, direte voi, perdo peso e poi resto di quel peso. Decisamente non è così facile, quello che dobbiamo cambiare, dopo la dieta lampo, è proprio il nostro modo di pensare le cose, di lavorare al nostro benessere in maniera costante. E proprio perché dovremmo amare il nostro corpo e la nostra mente per essere delle persone migliori e più felici dobbiamo imparare a mangiare bene e a sapere cosa stiamo mangiando.

Quindi sì alla dieta lampo ma sì alla dieta lampo con la consapevolezza che si torna a mangiare come prima si avranno gli stessi problemi di prima. Dieci giorni non sono una vita intera, non ci vuole nulla a riprendere ciò che si è perso, vogliamoci del bene fino alla fine, lavoriamo su noi stessi, diventiamo orgogliosi di quello che diventiamo man mano che ci prendiamo cura di noi.

La Dieta Matthew Mcconaughey: ecco come funziona

Dieta di Matthew McConaughey

Guardando all’immagine dell’attore americano mi viene subito l’idea che per raggiungere quel peso Matthew McConaughey deve aver sofferto parecchio….

Ma con risultati eccellenti (da un punto di vista della perdita del peso).

Vediamo come ha fatto.

Come fanno gli attori a dimagrire velocemente e perdere peso?

Quando si tratta di dimagrire, credo fermamente che farlo in modo graduale e costante si il migliore modo per raggiungere il proprio obiettivo.

Mangiando una varietà di cibi non trattati finirai col dare al tuo corpo tutti i nutrimenti di cui necessita per sentirsi al meglio, ottenendo contestualmente la perdita dei chili di troppo.

E, senza dover patire la fame seguendo la dieta del momento, è molto probabile che riuscirai ad mantenere il peso raggiunto per un lungo periodo di tempo.

FORSE TI PUO’ INTERESSARE: Dieta per dimagrire: 3 motivi per cui ingrassiamo e come evitarli

Dimagrire oltre 5kg o 10kg chili in due settimane

Detto questo, mi rendo conto che ci sono dei momenti in cui si ha l’urgente necessità di seguire una dieta per dimagrire velocemente. Ad esempio quando stai per andare al mare, in vista della prossima estate, oppure quando devi partecipare ad un evento importante come….il tuo matrimonio.

Per aiutarti, ho effettuato alcune ricerche per scoprire come gli atleti, ma anche le celebrità,  perdono peso così velocemente.

I MMA fighters, atleti che combattono seguendo le regole della arti marziali miste, sono in grado di ridurre o aumentare il proprio peso in pochissimi giorni prima dei loro incontri, oppure i fantini che sono in grado di controllare il peso corporeo in modo assai efficace.

Lo stesso dicasi per alcune celebrità, come è il caso dell’attore americano Matthew McConaughey che è stato in grado di perdere oltre 20 chili per interpretare il ruolo di un malato di AIDS nel film The Dallas Buyer’s Club (vedi immagine che segue).

Matthew McConaughey e la perdita di peso

Come riescono a farlo?

Attraverso una combinazione di saune, tute fatte di materiali non traspiranti, bagni con acqua caldissima, diuretici e strane scelte alimentari.

Tuttavia questa repentino dimagrimento ha un suo prezzo. Infatti, ci sono molti pericoli come dimostrano diversi studi: malnutrizione, disfunzione ormonale, perdita di massa muscolare, scarsa funzionalità renale, disorientamento, sbalzi d’umore, e visione offuscata.

Ecco perché, come puoi facilmente capire, non consiglio mai di seguire le tecniche di dimagrimento adatte solo per atleti professionisti.

Inoltre, perdere peso velocemente può condurre a ad avere una brutta pelle e alla perdita di capelli, per cui il prezzo non vale la candela.

Tuttavia, usate con moderazione e con un adeguato programma di alimentazione, alcune di queste diete hanno alcuni validi principi che possono aiutarti per il raggiungimento del tuo peso forma.

Regola la tua assunzione di fluidi

Perdere peso con l'assunzione di fludi

Bevendo litri d’acqua e poi ridurre progressivamente la quantità assunta fino a quasi non bere più è un modo con cui alcuni gli atleti MMA professionisti riescono a controllare il peso prima di ogni incontro. Questo severo modo di disidratazione può causare vertigini, svenimenti, mal di testa o, in casi estremi, convulsioni e persino la morte.

Allora, perché non fare affidamento a metodi per dimagrire che sono provati scientificamente che si basano sul livello di assunzione dell’acqua?

Alcuni studi hanno dimostrato che bere 500 ml di acqua può aumentare temporaneamente il metabolismo fino al 30% circa. Coloro che bevono quella quantità di acqua prima di un pasto, è stato dimostrato, perdono fino al 44% di peso in più rispetto a coloro che non lo fanno.

Assicurati quindi di prepare 2 o 3 litri di acqua al giorno che dovrai consumare prima di ogni pasto e nell’arco di tutta la giornata. Infatti, quando il corpo assume acqua, scatta un meccanismo che prende il nome di termogenesi che ha la funzione di aumentare la temperatura dell’acqua assunta fino a 37 C°. Questo meccanismo ha come conseguenza quella di un consumo di calorie da parte dell’organismo.

La termogenesi viene tanto più accentuata e amplificata tanto più è bassa la temperatura dell’acqua che si beve. Senza esagerare, una strategie è quella di aggiungere un cubetto di ghiaccio nel proprio bicchiere costringendo l’organismo a bruciare più calorie per scaldare l’acqua fino alla temperatura ideale.

Aumentando in questo modo l’assunzione di acqua avrai anche un altro beneficio, quello di non assumere bibite alcoliche, gassate e succhi di frutta. Questo tipo di bevande, che non solo hanno un altissimo valore calorico, stimolano anche l’appetito, rendendo il tuo obiettivo di dimagrire più difficile da raggiungere.

Bere acqua non ti piace ti annoia?

Ci sono un sacco di tisane preparate per questo scopo come il te verde.

Sudare

Sudare per dimagrireMi è capitato di leggere storie in cui c’è chi afferma che è possibile bruciare circa 500 calorie in 20 minuti di sauna. Detto un uomo dovrebbe correre per 40 minuti ad una velocità media di 9 chilometri orari per perdere la stessa quantità di calorie, dire che sono scettica è poco.

Anche se la sauna viene comunemente pensata come uno dei metodi più efficaci per dimagrire, è necessario chiarire che in questo caso quello che si ottiene è una diminuzione dei soli liquidi presenti nel nostro organismo.

Cosa pensi che succederà quando uscito dalla sessione di una sauna vorrai bere dell’acqua perché sarai assetato?

Esatto! Riacquisterai il peso appena perso.

Stesso discorso può essere fatto per i bagni bollenti.

Tuttavia, alcuni reali benefici nel fare una sauna ci sono.

Il caldo di una sauna causa un aumento del metabolismo di circa il 25% il che significa bruciare più calorie per alcune ore dopo una sessione. Ma per avere degli effetti duraturi, sarà necessario diventare un regolare “consumatore” di saune e, inoltre, dovrai associare uno stile di vita adeguato. Vivere una vita non sana e sedentaria annullerebbe qualsiasi vantaggio.

Se vuoi provare ad utilizzare le saune per ottenere una linea migliore, allora va bene. Ma non esagerare; non fare sessioni più lunghe di 20 minuti e idratati nel modo corretto. Le conseguenze di un abuso delle saune può anche portare a conseguenze irreparabili specialmente chi ha problemi cardiaci e/o di pressione arteriosa.

Vai in palestra

perdere-peso-palestra

Se la sauna non è la cura miracolosa che stavi cercando, c’è un sistema sicuro ed efficace al 100% che è quello di fare attività fisica in modo regolare. Avrai certamente sentito parlare di frequentatori di palestre che affermano di perdere peso in pochi minuti indossando delle apposite tute per sudare o dei semplici sacchi della spazzatura mentre fanno i loro esercizi.

Bene, questi sistemi non sono solo ridicoli, ma possono essere anche pericolosi in quanto l’unico effetto che generano è una dimagrimento dovuto alla disidratazione dell’organismo.

Le Sauna Suits, o semplicemente tute fatte di quel materiale che non consente una normale traspirazione, sono state bandite da molte palestre a causa della loro pericolosità.

Per questo, sii intelligente e frequenta una palestra dove magari seguire un programma definito H.I.I.T. (che sta per High Intensity Interval Training) in combinazione con un programma di dimagrimento appropiato.

I programmi H.I.I.T. hanno dimostrato di essere più efficaci rispetto ad altri tipi di allenamenti nella riduzione del grasso corporeo, soprattutto nella zona addominale. Provalo facendo sessioni di tapis roulant o lezioni di spinning.

Il sollevamento pesi aiuterà a tonificare i muscoli e ad accelerare il metabolismo. Molti fantini, ad esempio, affermano che le sessioni di allenamento con il kettlebell, sfera di ghisa provvista di maniglia, in combinazione con una dieta controllata, sia uno dei metodi più efficaci nel bruciare grassi e calorie in modo super veloce.

Se senti il bisogno di un aiuto extra, prova a bere del caffè un ora prima di una sessione di allenamento. Vedrai che avrai a disposizione maggiore energia e adrenalina per migliorare la resa del tuo allenamento. Tuttavia, l’assunzione della caffeina non è priva di rischi, per questo motivo non adottare questo tipo di sostanza senza esserti consultato prima con un medico.

Evita il sale

Un altro trucco che gli atleti MMA, o altri atleti professionisti utilizzano quando si tratta di voler dimagrire è quello di eliminare il sodio, comunemente chiamato sale, dalla propria dieta.

E questo ha una spiegazione chiara. Quando mangiamo qualcosa di salato, il nostro organismo assimila il sale presente nel cibo. Ma, come avrai certamente notato, più mangi salato, più hai bisogno di assumere acqua. Questo perché il sodio viene diluito nel sangue, e quando il livello aumenta troppo, il nostro corpo tende a tonificarsi e ad equilibrare il tutto. Ecco allora che le reni inviano un messaggio al nostro cervello che ci fa provare la sensazione di sete fino al ripristino del giusto equilibrio.

Sia chiaro però, il sale è un nutrimento essenziale per tutti noi, tuttavia il problema nasce quando ne assumiamo più del dovuto. Secondo recenti studi della American Hart Association, è dimostrato come la maggior parte delle persone assume una quantità di sale eccessiva. L’assunzione quotidiana di sodio supera il 75% del fabbisogno individuale grazie, o per colpa, dei cibi già trattati e dei piatti serviti dalla ristorazione. E’ quindi ovvio che potremmo tranquillamente evitare di aggiungerlo anche a nostra volta.

Ridurre l’assunzione di sale e, contestualmente quell’acqua necessaria per compensare l’equilibrio del sodio nel sangue, porterà dei benefici nel giro di due o tre giorni. Il peso dell’acqua che dovrai “portare in giro” a causa dell’eccesso di sodio, scomparirà velocemente.

Ovviamente, una normale assunzione di sodio è necessaria per il funzionamento dei muscoli e ridurre drasticamente l’assunzione di sale come una strategia a lungo termine è pericoloso.

Mangia in modo equlibrato e naturale

Dimagrire attraverso una dieta equilibrataVa da sé che una dieta equilibrata è la chiave per dimagrire, in alcuni casi anche velocemente, su questo punto non c’è ambiguità di sorta. Anche gli atleti che necessitano dimagrimenti importanti sono d’accordo su questa assunzione.

Mettendo da pare le bibite con soda e zucchero, seguendo una dieta proteica, grassi sani e carboidrati complessi, sarai sulla strada giusta per ottenere un fisico asciutto in poco tempo.

Tieni inoltre presente, che quando il tuo obbiettivo è di raggiungere un peso forma in tempi brevi, può esser utile e necessario avere un aiuto. Ci sono pochi cibi e supplementi naturali che possono fare al caso tuo.

Spezia i tuoi pasti!

Al posto del sale, perché non aggiungere erbe o spezie al tuo cibo per renderlo più appetitoso senza appesantirli troppo?

Alcune spezie si sono dimostrate come capaci di aumentare il metabolismo. Rendi i tuoi pasti più saporiti utilizzando il coriandolo, la curcuma, il pepe nero, il cumino, i chiodi di garofano, la senape e l’aglio. Non evitare il peperoncino o il pepe di Cayenna che sono in grado di aumentare la tua capacità di bruciare i grassi quando si mangia per sole tre volte al giorno.

Se invece preferisci aggiungere un tocco di dolce a quello che mangi, allora aggiungi un pizzico di cannella o zenzero ai vostri frullati.

Il sidro di mele è un altro alimento del tutto naturale efficace per sbarazzarsi dei chili di troppo. Oltre ad offrire tutta una serie di grandi benefici, aiuta a controllare i livelli di zucchero nel sangue riducendo così l’appetito per cibi poco sani.

Concludo dicendo che una dieta per dimagrire e per perdere peso in modo salutare richiede del tempo. Sii paziente e i tuoi sforzi ti ripagheranno ampiamente.

Cerchi una dieta per dimagrire? Ecco la mia strategia

Cerchi una dieta per dimagrire velocemente? Cerchi una dieta che ti permetta di perdere 10 chili in un mese? Qualcosa posso fare per aiutarti, sicuramente. Innanzitutto dobbiamo ricordarci di ciò di cui abbiamo già parlato.

La dieta per dimagrire in due settimane, ad esempio, è una dieta super efficace per raggiungere il risultato prefissato.

Abbiamo anche parlato dei consigli pratici su come ridurre le antiestetiche maniglie dell’amore ma oggi voglio focalizzarmi su altri consigli generici che servono ad aiutarci ad entrare in quel mood per cui riusciamo a stare bene e a dimagrire senza grossi sforzi ma cambiando le nostre abitudini.

Se poi, stanno arrivando le feste, non ci entra più quel vestito che ci stava così bene l’anno scorso e vogliamo provare a perdere peso velocemente la strategia efficace è bella e definita ma non è a lungo termine.

Cerchi una dieta per dimagrire? Ecco la mia strategia

Provare una dieta del genere nel lungo periodo genera scompensi al nostro organismo, quindi diamoci da fare per una settimana mangiando molta frutta e verdura, che è ricca di vitamine e sali minerali, contiene poche calorie e ha un alto potere saziante; cercando di eliminare il pane e la pasta per tutto l’arco della settimana oppure non assumerne più di 80 gr al giorno; evitando insaccati, tutti i derivati del latte e i dolci.

Cosa importantissima non bere alcolici, super alcolici, succhi di frutta confezionati o bevande gassate.

Bere, invece, almeno 2 litri di acqua al giorno, the e tisane diuretiche.

Ovviamente l’idea di fare una qualche attività fisica, non solo nella settimana di dieta ma anche lavorando su se stessi tutto l’anno porta a dei benefici insperati.

Parliamo, infatti, di una misura, questa della dieta settimanale, che poco ha senso nei confronti di un regime alimentare controllato tutto l’anno. Lì, sicuramente, con una buona dieta regolare, si possono vedere risultati insperati.

Ma andiamo avanti, a noi serve sempre essere in formissima per la settimana delle feste natalizie. Non stiamo parlando di alimenti chissà quanto dannosi, anzi, di alimenti sani come la frutta e la verdura di stagione in grandi quantità.

Come si deve cucinare senza apportare grassi e calorie al nostro cibo sano?

Diciamo che non dobbiamo sforare le 1200 calorie al giorno quindi va più che bene condire con un cucchiaio di olio di oliva, il caffè sarebbe preferibile berlo senza zucchero, se proprio vogliamo utilizzare il burro massimo 50 grammi così come se decidiamo di mangiare del tonno che sia al naturale.

E’ indicato anche mangiare parecchie proteine come la carne (dieta proteica) e moltissima frutta e verdura.

Cerchi una dieta per dimagrire? Ecco la mia strategia

Ricordatevi di utilizzare questa dieta solo per un settimana e di non fare in modo che sia la vostra dieta continuativa.

Sarebbe un grande errore far mancare al nostro corpo nutrienti fondamentali solo per qualche chilo facile in meno.

Avete mai perso chili in pochissimo tempo?

E se sì quale dieta avete utilizzato?

Io resto sempre dell’idea che la scelta della dieta drastica sia sbagliata, meglio qualcosa di più adatto al tuo corpo.

Ma ci sono delle volte in cui si presenta l’occasione e allora perché non provarci?

Ditemi tutto nei commenti, vi aspetto!

Curcuma e piperina per dimagrire: funziona davvero?

Curcuma e piperina per dimagrire: funziona davvero?

Già abbiamo parlato di curcima e piperna, non è vero?

Ma ne ritorniamo a parlare perché l’uso di questa combinazione è davvero illimitato.

Negli ultimi tempi è diventato assai di moda avere, nella propria dieta, degli integratori a base di curcuma e piperina, che combinate insieme sembrano essere molto efficaci per la dieta, sia dal punto di vista biologico che dal punto di vista farmacocinetico.

Nonostante le controindicazioni, di cui vi parlerò meglio in un paragrafo successivo, moltissime persone utilizzano curcuca e piperina fornite in compresse per dimagrire in maniera più efficace.

L’uso della curcumina, che prima veniva venduta da sola, è stato potenziato con l’innesto con la piperina che, insieme, offrono una bella risposta antiossidante e antinfiammatoria al nostro corpo, migliora la funzionalità gastroenterica e quella epatica, migliora l’attività intestinale, migliora l’attività biologica, potenziandola, dei principi attivi che ingeriamo.

In un futuro prossimo questo mix potrebbe essere usato anche nel combattere i tumori, non che ci siano ancora degli studi certi ma si sa, già ora, che la curcuma usata quotidianamente, come fanno gli orientali, riduce il rischio di tumore.

Vediamo cosa sono la curcuma e la piperina.

Curcuma e piperina per dimagrire: funziona davvero?

Breve descrizione della curcuma

La curcuma, che è detta anche zafferano delle Indie, è conosciuta non solo come spezia ma come colorante naturale (visto il suo colore naturale, appunto, giallo carico) e come antinfiammatorio.

La curcuma, usata da anni come polvere magica in tutta la zona dell’India e del Sud-Est asiatico, è perfetta come anti-tumorale, di questo ne parlavo prima. In tutti questi secoli nella zona orientale questo prodotto viene usato ogni giorno e ci sono grossi riscontri nella diminuzione di casi di tumori legati a un uso assiduo della spezia.

Negli ultimi anni anche in Occidente stiamo studiando le meravigliose proprietà della spezia come anti-tumorale riscontrando, comunque, dei miglioramenti nell’incidenza del male.

Studi approfonditi stanno lavorando su questo aspetto ora, non c’è nulla di certo, ma quello che so di certo è che usare curcuma nella dieta, senza esagerare, di certo male non fa.

Breve descrizione della piperina

La piperina è un alcaoloide che si trova nel pepe nero.

Nella medicina indiana, perché è di quella parte del globo di cui oggi parliamo è usata per curare tutti i problemi legati all’intestino e allo stomaco, dalla costipazione e alla diarrea, ma è considerato portentoso anche per le malattie cardiache, per i dolori artritici, per la cancrena (ovviamente in casi estremi) e per le angine.

La piperina, soprattutto, abbassa il livello di grassi nel sangue e aumenta il processo di digestione dei cibi.

Curcuma e piperina fornite in compresse

La piperina e la curcuma, disponibili su questo sito, messe insieme, vengono vendute come integratori in compresse. La curcuma aiuta a depurare e favorisce il dimagrimento, la piperina, come abbiamo visto, diminuisce il grasso e le cellule adipose. Insomma insieme sono un vero e proprio mix miracoloso. Una sola compressa al giorno, 10/30 minuti prima di fare colazione.

Piperina e curcuma controindicazioni

Come in tutti i casi in cui abbiamo a che fare con degli integratori non dobbiamo mai e poi mai abusarne. Soprattutto risulta l’integratore controindicato a chi soffre di patologie renali, pazienti che hanno problemi con bile e fegato, pazienti che sono già sotto cura farmacologica e donne in gravidanza. Quindi in ognuno di questi casi ma anche in una condizione di salute normale sarebbe bene chiedere al nostro medico prima di iniziare a prendere le compresse.

Piperina e curcuma funzionano?

Entrambi i principi attivi di queste compresse, sia la piperina che la curcuma, sono considerate, dai popoli asiatici, dei veri e propri miracoli. Solo a leggere, in maniera dettagliata, quali possano essere i potenziamenti fisici dovuti all’uso consueto di questo mix ci sarebbe da restare affascinati e provarli. Credo, come in tutte le cose, che un uso consapevole di integratori a base di piperina e curcuma non possa far altro che bene.

Conclusioni

Piperina e curcuma sono dei miracoli della natura, usarne il giusto migliorerà la nostra vita in maniera evidente.

Sia le funzioni intestinali che lo stomaco che il cuore non potranno che ringraziarci.

Anche la pelle invecchierà di meno, le proprietà anti-tumorali sono altrettanto note.

Basta non pensare di avere a che fare con un prodigio ma di continuare  o iniziare a mangiare sano e fare della moderata attività fisica per restare in forma.

Nessun prodotto è magia, bisogna volersi bene davvero per non soccombere a una alimentazione sbagliata e a una vita sedentaria. Quindi sì alle compresse, ma soprattutto sì al volersi bene.

Conosci la dieta di Belen Rodriguez? Pancia piatta, esercizi e….

La dieta di Belen Rodriguez

Non passa giorno che non ci passa davanti agli occhi un’immagine o un video di Belen Rodriguez.

Bella, famosa e in forma.

Alloro, probabilmente ti sari chiesta: La dieta seguita da Belen Rodriguez funziona davvero?

Andiamola a scoprire con tutti i consigli per dimagrire, il menù settimanale e qualche semplice esercizio da fare in palestra.

Avete presente la bellezza mozzafiato di Belen Rodriguez, vi siete mai chiesti qual è la dieta per dimagrire seguita da Belen e se funziona davvero.

Belen Rodriguez, splendida donna trentenne argentina, è sulle copertine di tutta Italia qualsiasi cosa faccia e mostra sempre, mattina o sera che sia, un fisico perfetto.

Prova il Metodo Vailo, compila la form e scarica gratuitamente il menu del Lunedì:

Uomo Donna

Ma qual è allora la dieta che la showgirl segue per mantenere un così alto standard di splendore?

Oltretutto, visto che siamo in tema di gossip, Belen è tornata anche in forma in fretta dopo la sua gravidanza e questo è una condizione che terrorizza spesso le donne, quella di restare gonfie e più cicciotte dopo aver partorito.

Allora vi ho incuriositi abbastanza?

Ora cerchiamo di capire insieme quale sia la dieta di Belen e se funziona per noi comuni mortali!

La dieta di Belen Rodriguez
Immagine di davidemaggio.it

La dieta di Belen Rodriguez per dimagrire in fretta

Seguendo Belen tra i vari social network e leggendo interviste su di lei ho capito che il segreto di Belen è nella scelta di una dieta equilibrata. Lo ha inoltre confermato di recente la rivista Benessere Donna Online, che in uno speciale ha presentato la dieta di Belen Rodriguez giorno per giorno, per dimagrire immediatamente e ottenere una pancia piatta senza rischi per la salute. Ne abbiamo preso gli spunti principali, in modo da scoprire quali sono veramente i segreti della show girl.

Dieta equilibrata, direte voi, e un fisico mozzafiato?

Sì, perché alla lunga una dieta equilibrata con del cibo sano e cotto bene è quello che più ci può far dimagrire e mantenere un fisico asciutto.

Ovviamente il segreto, se proprio vogliamo dirlo, è nella cottura.

Belen racconta di sfruttare parecchio la cottura a vapore e di amare parecchio il bollito.

E queste sono due cotture davvero sane che aiutano a mantenere i nutrienti degli alimenti senza, però, eccedere con fritture o cotture ricche di olio e di sale.

Se immaginiamo già di mangiare ogni giorno verdure o proteine animali cotte a vapore questo renderà il nostro pranzo o la nostra cena molto leggere.

Sempre spulciando in rete ho anche trovato alcune testimonianze su Belen Rodriguez e la dieta tisanoreica che la showgirl ha seguito in alcuni periodi della sua vita.

La dieta tisanoreica, messa a punto da Gianluca Mech, si basa su un principio che è quello della chetosi, cioè portare il proprio organismo ad attaccare il proprio grasso interno mantenendo bassi gli zuccheri nel sangue.

Infatti la dieta sfrutta moltissimo le proteine e praticamente zero carboidrati.

Ma è una dieta drastica, quindi si può usufruire di questo tipo di regime solo per 20 o 40 giorni consecutivi prima di riprendere a mangiare normalmente.

Esercizi di Belen Rodriguez per mantenersi in forma

Altro consiglio, per mantenere un fisico perfetto alla Belen Rodriguez, è quello di fare costante esercizio, in palestra o a casa. Si legge, infatti, sul web, di una passione per il pilates che lei poi accompagna a un allenamento cardio con tapis roulant almeno due volte a settimana.

Il consiglio che voglio dare a me e a voi è quello comunque di seguire un allenamento moderato, anche solo camminare tre volte a settimana, può mettere in moto il metabolismo e la circolazione.

Conclusioni sulla dieta di Belen: funziona?

La dieta di Belen funziona davvero? La dieta di Belen funziona perché è una dieta che si basa sull’equilibrio degli alimenti e ha, come caratteristica, quella di cuocere il cibo a vapore o bollito che quindi mantiene i nutrienti ma non esagera nei condimenti, che è una cosa fondamentale se si vuole cercare di perdere peso.

La dieta tisanoreica, invece, è una dieta chetogenica che però si può seguire solo per poche settimane ed è molto proteica. Potrebbe essere una buona idea per chi decide di provarla dopo una gravidanza, per vedere se si perde peso velocemente.

Attività fisica sempre in prima linea, basta anche soltanto passeggiare a lungo per ricevere, in poche settimane, i primi benefici.

Quindi Belen o meno cercate sempre di scegliere cosa sia meglio per voi, cosa sia nelle vostre possibilità, mangiando e privilegiando sempre il sano e il movimento.

Esempio menu settimanale dieta low carb

Esempio menu settimanale dieta low carb

Low carb?

What is that?

No, non mi sono impazzita, è che immagino quella che potrebbe essere la domanda che ti ha portato fino a qui.

Avete mai sentito parlare della dieta low carb?

La definizione di dieta low carb prevede meno di 100 grammi di carboidrati al giorno.

Chi segue, infatti, questa dieta riduce al massimo possibile pasta, pane, dolci, anche patate ovviamente che sono ricche di carboidrati introducendo invece senza limiti il consumo di proteine come carne, pesce e formaggi e verdure (vedi Dieta Dukan e Dieta Atkins).

FORSE TI PUO’ INTERESSARE: Dieta per dimagrire: 3 motivi per cui ingrassiamo e come evitarli

E’ molto interessante il concetto proposto dagli appassionati della dieta low carb che considerano il male assoluto mangiare troppi carboidrati.

Esempio menu settimanale dieta low carb

Male di questi ultimi trent’anni con l’alimentazione da fast food, che permette al corpo di ingerire troppi zuccheri considerati dannosi per il cuore e per il rischio crescente di obesità.

Una dieta low carb è perfetta per mantenere basso il livello di insulina per far sì che si inneschi la lipolisi e si parta a demolire il grasso accumulato aiutando il dimagrimento veloce.

Attenzione, però, a non esagerare facendola durare chissà quanto perché la dieta low carb è comunque una dieta sbilanciata e questo non può fare altro che portare poi danni permanenti agli organi che sono sottoposti a maggiore sforzo come i reni e il fegato.

E’ una buona idea, però, per un lasso di tempo controllato che può portare a dimagrire con una certa facilità i chili di troppo.

Ora vediamo insieme un esempio di menu settimanale per una dieta low carb.

[sc name=”SCOPRI COME DIMAGRIRE”]

Menu settimanale

Bisogna bene un bicchiere d’acqua appena svegli e almeno due litri durante il giorno. Chiaramente va benissimo anche bere tè o acqua e limone o anche acqua limone e zenzero ma senza zuccheri aggiunti o dolcificanti.

Lo spuntino prevede o biscotti proteici o integrali o una barretta (sempre e solo una al giorno, quindi si può scegliere se mangiarla la mattina o il pomeriggio.

Questa è la prima fase nella seconda fase si può poi introdurre un frutto o uno yogurt magro.

La frutta consentita è:

  • mela
  • pera
  • arancia
  • mezzo pompelmo
  • mezzo melone
  • pesca
  • due prugne
  • mezza banana

I frutti vietati:

  • cachi
  • fichi
  • uva

I condimenti variano fra succo di limone, sale, pepe, peperoncino, aceto di vino bianco o rosso. Sì all’olio di oliva ma solo extravergine e solo un cucchiaio. Sì ad aglio e cipolla, no all’aceto balsamico.

Le verdure, invece, concesse senza limiti sono:

cime di rapa, cavolfiore, iceberg, bietola, zucchina, radicchio, broccolo, cetriolo, scarola, sedano, crescione, germogli di soia, champignon, spinaci, soncino, trevisana, finocchi, funghi porcini, cardi, insalata belga, indivia, cavolo, lattuga, rucola, ravanello, valeriana, cicoria, cavolo bianco.

Le verdure da usare senza esagerare (che significa massimo 200 g) sono: asparagi, melanzane, zucca gialla, cavolini di Bruxelles, fagiolini, tarassaco, rape, pomodori, carciofi e peperoni gialli e rossi.

Assolutamente vietate sono le patate, il mais, le barbabietole rosse, le carote, i cuori di palma e i legumi.

No al fritto.

I carboidrati vengono introdotti due volte alla settimana ma questo dopo una prima fase più rigida. È preferibile evitare quelli raffinati e scegliere quelli integrali.

Lunedì

Colazione: 4-5 biscotti proteici o integrali o fette biscottate o plumcake integrali

Spuntino: 2-3 biscotti proteici o integrali o la barretta.

Pranzo: una fetta di pollo alla piastra condita con poco olio crudo ed erbe aromatiche.

Spuntino: 2-3 biscotti proteici o integrali, oppure una barretta.

Cena: trancio di tonno al naturale con verdure al forno.

Martedì

Colazione: uguale

Spuntino: uguale

Pranzo: pesce spada affumicato con verdure.

Spuntino: uguale

Cena: vitello ai ferri con verdure.

Mercoledì

Colazione: uguale

Spuntino: uguale

Pranzo: frittata al forno (due uova) con verdure.

Spuntino: uguale

Cena: merluzzo alle erbe aromatiche con insalata.

Giovedì

Colazione: uguale

Spuntino: uguale

Pranzo: insalata di tonno

Spuntino: uguale

Cena: bresaola e verdure.

Venerdì

Colazione: uguale

Spuntino: uguale

Pranzo: 50 g di farro integrale con verdure

Spuntino: uguale

Cena: sogliola al forno con contorno di verdure

Sabato

Colazione: uguale

Spuntino: uguale

Pranzo: coniglio con verdure al forno

Spuntino: uguale

Cena: pizza integrale alle verdure, senza mozzarella.

Domenica

Colazione: uguale

Spuntino: uguale

Pranzo: 200 g (massimo) di pollo arrosto senza pelle con verdure miste

Spuntino: uguale

Cena: spigola ai ferri con insalata.

Conclusioni

La dieta low carb è sicuramente un’alternativa valida per perdere peso in poco tempo. Questo esempio di menu settimanale di dieta è ben interessante da provare, senza esagerare con le tempistiche per non affaticare gli organi vitali con questa dieta più che altro proteica.

Prodotti Dukan? Ecco dove trovarli (online e non)

Prodotti Dukan? Ecco dove trovarli (online e non)

Ma lo sapevi che quando si parla di Dukan non si parla solo di dieta?

Infatti si parla anche di prodotti che la fanno rendere ancora di più esaltandone l’efficaci.

E voi, avete mai pensato di iniziare una dieta Dukan con i prodotti Dukan?

Avete mai trovato un sito dove comprare i prodotti Dukan?

Questo articolo vi aiuterà nella ricerca e su dove trovarli online.

La dieta Dukan è una dieta ferrea e iperproteica che permette di perdere parecchio peso nel giro di poco tempo.

La dieta, che è stata inventata dall’omonimo dottor Dukan, è divisa in 4 fasi:

  • fase d’attacco
  • fase di crociera
  • fase di consolidamento
  • fase di stabilizzazione

Visto che la dieta è molto rigida e che permette di mangiare solo determinati alimenti è consigliata l’acquisto dei prodotti Dukan che sono prodotti naturali che servono proprio ad aiutare il paziente nelle varie fasi della dieta per abituarsi man mano a questo regime piuttosto rigido.

In questo articolo scopriremo dove comprare i prodotti Dukan, cercando dove trovarli in rete, soprattutto su siti autorizzati alla vendita dei prodotti Dukan.

Vedremo dove trovarli per poi inserirli nella 4 fasi che vi ho introdotto prima perché vi aiuteranno a dimagrire tanto e poi a mantenere il peso giusto.

La prima fase, che è quella più dura di attacco ma anche quella più soddisfacente, permette di perdere parecchio peso grazie al fatto che si mangiano solo 72 proteine, 72 differenti proteine e basta.

Poi c’è la fase di crociera in cui queste 72 proteine magre vengono affiancate da 28 verdure, così da creare un carnet di 100 alimenti, 100 alimenti che vanno presi in giorni alterni.

Alcuni di questi giorni sono di sole proteine, gli altri giorni possono mescolare proteine e verdure.

La fase successiva è quella di consolidamento.

Questa fase permette di superare con facilità il problema del peso yo-yo permettendo al nostro corpo di dividersi tra la dieta ferrea e un’alimentazione spontanea.

Man mano vengono ripresi a mangiare anche altri alimenti, come il pane o il formaggio e anche la frutta.

La fase della stabilizzazione è essenzialmente libera ma ha bisogno di un paio di accorgimenti che servono per rendere questa dieta davvero perfetta, senza sbavature, nonostante si mangi di tutto.

Innanzitutto vanno presi 3 cucchiai di crusca al giorno e poi bisogna continuare a fare un’attività fisica leggera al giorno, anche solo di una ventina di minuti.

Questo perché è bene farla ogni giorno e bisognerebbe farla sempre. Fondamentale lo è certamente nella dieta Dukan, anche perché senza attività fisica è molto difficile pensare di dimagrire nel mondo giusto.

Ora vediamo i prodotti Dukan e dove comprarli così che si possa, ancora meglio, nutrire il proprio corpo con gli alimenti proteici giusti.

Prodotti per la Dieta Dukan: fase attacco

Nella fase di attacco sono accettate solo proteine super magre come:

  • Pollo coniglio e tacchino
  • Prosciutto magro
  • Manzo, vitello, o fegato di pollo
  • Pesce (ma non quello in scatola)
  • Molluschi
  • Crostacei
  • Uova (fino a due al giorno)
  • Prodotti lattiero-caseari magri
  • Aceto
  • Senape
  • Spezie
  • Erbe aromatiche
  • Aglio e cipolla
  • Ketchup Dukan (che è l’unico prodotto della linea Dukan che è concesso in questa fase e si può trovare sul sito della Dukan. Questo tipo di ketchup non ha nessuna aggiunta di zucchero e può essere usato, durante la giornata, in una quantità pari a un cucchiaio di zuppa.
Prodotto Prodotto
Ketchup Dukan Ketchup Dukan

Prodotti per la Dieta Dukan: fase crociera

In questa fase, in cui gli alimenti sono maggiormente variegati, si possono mangiare più tipi di cibo.

La vendita dei prodotti Dukan, in questo caso, sul sito, è molto consigliata.

I frullati, invece, sono dei sostitutivi proteici del pasto e sono perfetti nella fase da crociera. Equivalgono a un pasto completamente proteico.

Bastano 3 misurini, e ci sono anche dei gusti differenti, in 250 ml di latte scremato o di qualsiasi tipo di latte, anche non vaccino, che vogliamo usare. Oltretutto 10 grammi di proteine sono solo 130 calorie.

I biscotti di crusca d’avena mettono insieme sia le proteine che le fibre e sono ottimi sia la mattina che come spuntino durante la giornata.

Prodotto Prodotto
Frullati Dukan Biscotti Dukan

Nella fase di crociera se ne possono mangiare 3 al giorno.

Poi 4 nella fase di consolidamento e a volontà durante la fase di stabilizzazione. In questo caso, nella fase ultima di stabilizzazione, si possono mangiare quanti biscotti si vogliono e non vanno comunque in conflitto con i tre cucchiai di crusca d’avena che sono l’unico obbligo di questa ultima fase, duratura, della dieta libera.

Prodotti per la Dieta Dukan: fase consolidamento

Nella fase di consolidamento possiamo mangiare, in quantità più consistenti, una serie di prodotti Dukan che potevamo mangiare, con meno frequenza, nella fase di crociera che è molto più rigida. In questo caso è giusto parlare per primi dei prodotti Dukan più venduti, cioè le barrette sostitutive del pasto completamente proteiche.

Migliori Prodotti Barrette Dukan

Prodotto Prodotto Prodotto Prodotto
Barette Dukan Barette Dukan 2 confezioni Barette Dukan 3 confezioni Barette Dukan 6 confezioni

Questo tipo di barrette, ovviamente senza nessun tipo di zucchero aggiunto, sono costituite da un grosso quantitativo di crusca d’avena, un po’ di edulcorante sempre naturale e poi un po’ di semi di lino.

La cosa interessante di questo tipo di barrette, tutte fibra e salute, è che non contengono altri cereali al di là dell’avena e quindi, in questa fase di ritorno alla dieta libera, sono perfette per spuntini o pasti veloci che ci aiutino a spezzare l’alimentazione equilibrata con delle barrette energetiche perfette da ingerire vista la bassissima presenza di calorie.

Ci sono poi le pepite di crusca ai frutti di bosco (clicca qui), uno dei prodotti Dukan di punta, che sono fantastiche nel latte (sempre qualsiasi tipo di latte vogliate) al mattino.Pepite Crusca Dukan

Avete ben intuito, e poi ne parlerò in maniera più approfondita nella fase della stabilizzazione, quanto importante sia la crusca nella Dukan, quindi la mattina non c’è nulla di meglio che lanciarsi a capofitto in una nuova giornata con un bel carico di fibre.

In questa fase, che è molto importante perché c’è il reintegro della pasta, sarebbe molto interessarsi ad avvicinarsi ad altri tipi di pasta, come la pasta di konjac, che è sempre un prodotto Dukan.

Devo raccontarvi un breve aneddoto: non ho mai saputo dell’esistenza di altri tipi di pasta fin quando non incontrai un amico nutrizionista e molto ben allenato che iniziò a parlarmi di noodles o tagliatelle di konjac, in questo caso specifico, agli spinaci.

Tagliatelle DukanPerché scegliere tagliatelle di konjac e non di grano duro o integrali? Perché hanno circa il 96 per cento in meno di calorie di una tagliatella di grano normale. Sono senza grassi, ricche di fibre e senza glucidi, una sorta di miracolo che pochi di noi conoscono.

100 grammi di tagliatelle Dukan hanno 25 calorie rispetto alle 360 e passa calorie di un piatto di pasta normale.

Ed è tutto completamente naturale: il konjac è asiatico ed è ricco di glucommanano e di fibre solubili. Un’avvertenza che mi sembra interessante da dirvi per non spaventarvi: quell’odore di iodato che sentite nel momento in cui aprite la busta di tagliatella scompare appena le sciacquate in acqua una prima volta, quindi non abbiate timore di usarle.

Si possono amare i farinacei senza le complicazioni dei farinacei, fidatevi.

Per gli amanti dei dolci che poi dolci non sono vi consiglio anche di provare la crema spalmabile alla nocciola e al cacao magro (clicca qui per i dettagli), una vera delizia che mi sento di consigliare anche a tutti coloro che hanno problemi con la glicemia, cioè anche chi soffre di diabete.

Questa crema spalmabile, che sembra Nutella ma Nutella non è, è perfetto come dessert perché ha tutto ciò che un dessert dovrebbe avere, cioè è buono, è confortevole ed è dolce ma non ha zuccheri aggiunti, quindi può essere davvero mangiato da chiunque, anche da un diabetico.

Prodotti per la Dieta Dukan: fase stabilizzazione

La fase di stabilizzazione è quella del ritorno alla vita di tutti i giorni dopo una prima fase parecchio dura e poi il reintrodurre di tutte i vari alimenti man mano. Quando si arriva qui ci si dovrebbe destreggiare in quella che è un’alimentazione libera ed equilibrata.

Proprio per questa ragione entra in merito, proprio nell’ultima fase, quella che dovrebbe durare per la vita, la crusca, il super alimento su cui punta tutto Pierre Dukan, il famosissimo dottore francese che ha inventato questo tipo di dieta.

Perché la crusca?

Migliori Offerte per Crusca Dukan

Prodotto Prodotto Prodotto Prodotto
Crusca Dukan

Perché favorisce il senso di sazietà, aiuta il colesterolo a stabilizzarsi, stabilizza anche la glicemia ed è piacevole da mangiare.

La crusca d’avena, con le sue fibre solubili, diventa tutt’uno con il bolo della digestione e quindi crea un senso di pienezza che dura a lungo, decisamente più a lungo di altri alimenti.

Proprio per questo usare la crusca 3 volte al giorno permette al soggetto di non acquisire quel senso di fame che lo porterebbe a mangiare più del dovuto, questo è più che evidente. Per questa ragione ci troviamo davanti a quello che è definito, a tutti gli effetti, la vera e propria magia della dieta Dukan (qui puoi leggere la sua versione vegetariana) e che permette di superare anche questa fase conclusiva, anche perché dura tutta la vita, senza pensare mai di avere fame.

Vi chiederete anche: è possibile che questo tipo di crusca d’avena sia una crusca biologica?

Se acquistiamo la crusca Dukan sui siti dove comprare questi prodotti è chiaro che ci troviamo davanti a un prodotto controllato e al 100 per cento bio.

Come voi ben sapete sono anni che sostengo che la vera lotta, quella per cui dobbiamo combattere con maggiore enfasi, è quella che ha a che fare con l’ignoranza e l’acquisto di prodotti scadenti.

I prodotti Dukan sono controllati e come tali vanno presi ed acquistati, con la consapevolezza di avere a che fare con un prodotto che vale.

Abbiamo fatto una carrellata, piuttosto interessante, sui prodotti Dukan e sulla dieta Dukan, dieta più che famosa da decenni.

Questi prodotti è possibile trovarli anche nei supermercati come Carrefour, Esselunga, Auchan, Coop a Roma e a Torino o in farmacia ma è di certo molto più comodo e molto più aggiornato il catalogo che vi suggeriamo on line.

Un po’ perché essendo aggiornato possiamo certo essere sempre consapevoli dei nuovi prodotti, dei nuovi arrivi, di ciò che è presente e ciò che non è più in produzione e un po’ perché, ammettiamolo, è molto più intelligente avere a che fare con internet e con la possibilità di avere informazioni sottomano che siano davvero sotto alle nostre mani e ai nostri occhi attenti.

Pierre Dukan è stato considerato per anni un visionario, un vero e proprio innovatore del modo di pensare, dall’inizio alla fine, una dieta, una alimentazione controllata, anche decisamente rigida.

Mi ha sempre molto interessato questo modo di ragionare sugli alimenti a compartimenti stagni e al reintrodurre, in maniera sana, gli alimenti man mano che le fasi della dieta si susseguono.

Chi inizia con la prima fase, quella dell’attacco, può trovare questa dieta decisamente pesante, con restrizioni evidenti che circoscrivono gli alimenti a una sola macrocategoria.

Ma poi man mano che la dieta va avanti si rende sempre più interessante il quadro, con l’introduzione, man mano, di alimenti su alimenti di svariate categorie.

Proprio per questa ragione si arriva, poi, alla fase finale con la consapevolezza di aver imparato a dosare bene i vari cibi, con la scoperta della crusca come alimento guida e con l’aiuto della ginnastica consigliata tutti i giorni.

Questa dieta e i prodotti Dukan non sono concepiti per un tempo limite in cui fare la dieta, che è anche particolarmente stressante per chi vuole immaginare sempre la propria vita come in un’altalena di peso in cui si ha bisogno di fare la dieta per poi perdere i chili ripresi dopo la dieta precedente.

Questa dieta ti insegna a cambiare la propria visione del cibo e della vita ed è quello che più mi interessa vedere, in questo mio percorso alimentare ed esistenziale, che oramai seguo da più di due anni.

Bisogna esplorare ed internet è il luogo dei sogni per chi è curioso e al tempo stesso intelligente.

I prodotti Dukan, dove comprare, dove trovarli, questo è quello che questo articolo vuole farvi arrivare.

Avete mai pensato che dei prodotti completamente naturali possano aiutarvi a dimagrire meglio in un regime alimentare regolamentato? Questa è la vostra occasione per scoprire che è possibile lavorare bene con il proprio corpo e con la propria mente se abbiamo gli elementi giusti.