Redazione Vailo

Vailo è un blog dove pubblicano articoli semplici appassionati della salute e del benessere ma anche professionisti riconosciuti: dietisti, nutrizionisti, personal trainer e wellnes coach. Per saperne di più clicca qui.

Temperatura corporea e Salute: mantenerla nel range fisiologico aiuta il metabolismo corporeo e il peso forma

La temperatura corporea è uno dei primi segnali che indicano il mantenimento in salute di un organismo. Essa viene in linea di principio mantenuta a un valore costante per garantire il corretto funzionamento del corpo.

Negli esseri umani, è compresa tra i 36,1 °C (mid-notte) e 37,8 °C (tardo pomeriggio), con una media che è di 37 ° C. La temperatura è variabile a seconda dell’individuo, della sua età, della stagione, dell’attività fisica, della dieta, della bevanda e del ciclo mestruale nelle donne (che hanno una temperatura corporea superiore di 0,2 ° C in relazione agli uomini). La regolazione della temperatura corporea prende il nome di termoregolazione e quando il corpo mantiene correttamente una temperatura costante si parla di omeotermia.

La temperatura corporea aumenta quando compare la febbre; il suo scopo è distruggere i batteri o virus che non tollerano questo eccesso di calore. Promuove inoltre l’intervento del sistema immunitario che combatterà contro l’infezione. La temperatura corporea aumenta anche con l’attività fisica. Questo calore è compensato dalla traspirazione che costituisce il principale sistema di termoregolazione. La temperatura diminuisce in caso di raffreddamento a causa di un’atmosfera particolarmente fredda o se il corpo viene posto a contatto con un corpo freddo. Può anche essere dovuto all’evaporazione del sudore (questa è la funzione del sudore), soprattutto in presenza di vento.

La temperatura corporea può essere valutata in vari modi, con diversi utensili professionalicome i vecchi termometri a mercurio, ormai obsoleti e sostituiti dai più moderni thermoscan, più affidabili e soprattutto più sicuri.

Come il metabolismo contribuisce alla regolazione della temperatura

Vuoi perdere peso ma la tua combustione dei grassi è troppo bassa? Tutti questi sono segni che il tuo metabolismo sta attualmente rallentando e ha bisogno di aiuto. Ma partiamo dall’inizio, cos’è il metabolismo?

In breve, il metabolismo è la somma delle reazioni chimiche che avvengono all’interno del corpo. Ciò avviene in molti organi. Durante l’attività respiratoria, ad esempio, l’ossigeno viene assorbito, trasportato a tutte le cellule, trasformato in anidride carbonica e quindi rilasciato come tale. Tutti i processi che consentono la degradazione delle molecole e che le rendono disponibili all’organismo sono descritti come catabolismo. L’anabolismo include tutti i processi sintetici.

Quando parliamo di metabolismo, di solito pensiamo al metabolismo energetico, che ci permette di misurare l’efficienza e la velocità di assimilazione e trasformazione in energia dei nutrienti calorici. Questi includono carboidrati, grassi, proteine ​​e zuccheri. Questi vengono prima scomposti nello stomaco e nell’intestino, quindi trasportati nelle cellule per essere trasformati in energia, necessaria per il corretto funzionamento cellulare. Tuttavia, la maggior parte di questa energia “sfugge” sotto forma di calore e riscalda il nostro corpo. Il metabolismo assicura così le funzioni vitali in tutto l’organismo. 

Come accelerare il metabolismo

Il tasso metabolico, più comunemente noto come dispendio calorico, varia da persona a persona. Alcuni sono nati con una predisposizione genetica a bruciare rapidamente calorie e consentire a poco grasso corporeo di depositarsi. Altri, con un metabolismo più lento, hanno maggiori probabilità di immagazzinare calorie in eccesso sotto forma di cellule adipose. Anche la composizione corporea in termini di massa muscolare e grassa, sesso, età, attività fisica e livello ormonale influenzano il tasso metabolico. La buona notizia è che mentre non c’è assolutamente nulla che puoi fare per combattere le tue predisposizioni genetiche, ci sono altri fattori che hai il potenziale per avere un impatto positivo.

Aumenta la massa muscolare

Puoi iniziare prima a modellare il tuo corpo. Mentre la massa grassa richiede poca energia, la massa muscolare ha un metabolismo molto attivo e brucia continuamente calorie solo per la conservazione del muscolo. Più alto è il tuo indice di massa muscolare, maggiore è il tuo dispendio calorico, anche quando stai solo riposando. 

Poiché gli uomini hanno generalmente più massa muscolare rispetto alle donne, il loro dispendio energetico a riposo è maggiore. L’allenamento di forza è particolarmente consigliato per aumentare la massa muscolare. A differenza degli sport di resistenza come la corsa, l’allenamento con manubri, macchine o il peso corporeo si traduce in maggiori guadagni muscolari. 

Anche l’High Intensity Interval Training, definito da intervalli brevi ma molto intensi, può accelerare notevolmente il metabolismo. Questo dà origine al famoso “effetto postcombustione”, che si traduce in un aumento del consumo di energia fino a 24 ore dopo l’allenamento. Qualsiasi esercizio fisico contribuisce all’aumento del tasso metabolico, almeno durante il tempo in cui viene praticato. È particolarmente performante dedicarsi all’attività fisica al mattino per risvegliare il corpo. Non si tratta di svolgere un addestramento militare, ma di camminare o andare in bicicletta per lavorare per stimolare il metabolismo.

Bevi abbastanza

Oltre a trasportare molte sostanze attraverso il corpo, l’acqua è anche parte integrante del tessuto. Bere abbastanza acqua contribuisce al buon funzionamento del processo metabolico. Rimani idratato bevendo acqua regolarmente, per tutto il giorno, soprattutto se fai esercizio. L’acqua è essenziale per le attività legate al metabolismo, in particolare la lipolisi (scomposizione dei grassi). Se non bevi abbastanza, il tuo metabolismo rallenterà. Inoltre, riempiendo lo stomaco, l’acqua dà una sensazione di pienezza. Pulisce e drena le impurità. È essenziale per l’eliminazione delle tossine e dell’acido lattico prodotti durante gli sforzi e responsabili di dolori e crampi.

Una dieta ricca di proteine ​​e vitamine del gruppo B

Come la regolazione della temperatura corporea, la digestione delle proteine ​​porta ad un aumento del dispendio energetico. Ogni apporto di nutrienti induce un momentaneo aumento del tasso metabolico. Nel caso delle proteine, questo effetto è molto più pronunciato rispetto ad altri nutrienti. Infatti, mentre carboidrati e grassi accelerano il metabolismo solo dal 3 al 10%, l’assimilazione delle proteine ​​aumenta il tasso metabolico dal 20 al 30%. Il solo consumo di proteine ​​brucia quindi molte più calorie. Carne, legumi, noci e semi sono ricchi di proteine.

Le vitamine del gruppo B partecipano notevolmente al metabolismo di carboidrati, proteine ​​e lipidi. Questo prodotto include 8 vitamine essenziali che agiscono come coenzima nel processo digestivo. Ad esempio, la niacina e l’acido pantotenico contribuiscono al metabolismo dei carboidrati. La vitamina B6, l’acido folico e la vitamina B12 consentono la degradazione dell’omocisteina, un amminoacido. Infine, la biotina e la vitamina B6 sono essenziali per il metabolismo dei lipidi. Le vitamine del gruppo B si trovano in molti prodotti alimentari, come cibi integrali, verdure e carne. 

Tagliare i capelli: serve davvero a rinforzarli?

Mito o realtà? Il taglio – o addirittura la rasatura – dei capelli serve davvero a renderli più forti e in salute? Sfatiamo alcune false considerazioni a proposito della cura dei capelli con qualche consiglio per una chioma sana e lucente… senza ricorrere a scelte drastiche.

In una congiuntura storica decisamente particolare, in cui uscire di casa per andare dal parrucchiere è un lusso da concedersi con gran parsimonia, prendersi cura dei propri capelli è più complicato del previsto. Stress, freddo, pioggia e altri agenti atmosferici influiscono pesantemente sulla salute della nostra chioma, e l’invito a restare a casa il più possibile può contribuire, alla lunga, a impigrirci, facendoci scordare qualche buona beauty-routine diligentemente appresa. Tra queste, ad esempio, l’applicazione di maschere e prodotti specifici, oppure l’uso di integratori mirati come i prodotti della linea Lievito Sohn. Ecco che, in men che non si dica, ci si ritrova alla ricerca di una soluzione drastica e veloce per rinfoltire la chioma e rinforzare i capelli: ma il taglio è davvero la strada giusta? 

A cosa serve tagliare i capelli? 

Se non per puri e leciti motivi estetici, tagliare i capelli elimina la parte finale del capello, che nella maggior parte dei casi è sempre la parte più incline a rovinarsi, seccarsi o spezzarsi. Ma usare le forbici è anche il metodo migliore per rinforzare i capelli? La risposta – quasi all’unanimità – è no: il taglio, infatti, così come la rasatura, non serve assolutamente a rinforzare i capelli; bensì, eventualmente, permette giusto di eliminare la parte più danneggiata, secca o sfibrata del fusto dei capelli. Questo è vero soprattutto in presenza delle famigerate “doppie punte”, un problema comune ai capelli che non vengono sottoposti da molto tempo a un taglio (o anche a una semplice “spuntatina”).

Il potere del taglio dei capelli, tra mito e realtà

Doppie punte a parte, spesso si dice che il taglio è il processo più semplice e veloce per avere capelli belli e in salute. Dei regolari ritocchi con le forbici rappresentano, per alcune donne, anche il segreto per una chioma lunga o lunghissima, per aumentare il ritmo di crescita del capello e per mantenere la sua naturale morbidezza e lucidità. Infine, è opinione abbastanza diffusa tra gli uomini che farsi tagliare i capelli con regolarità possa giovare alla prevenzione da una prematura calvizie. Ma quanto di queste credenze sono vere e quanto invece è frutto di suggestione o voci popolari? Perché, insomma, si ritiene che il taglio faccia bene ai capelli? C’è qualcosa di vero in questa teoria?

Anatomia di un capello.

Che il taglio possa rinforzare i capelli è – purtroppo – solo un mito da sfatare, perché la scienza parla chiaro: il capello si rigenera a partire dal follicolo situato sulla cute, ed è proprio dalla parte della testa che il fusto del capello cresce e si allunga. In sostanza, la punta è “sempre la stessa” finché non viene tagliata: proprio per questo motivo è molto più soggetta ai danneggiamenti del tempo, dello stress e degli agenti atmosferici, nonché dei lavaggi frequenti e delle asciugature aggressive. Con il tempo, le estremità del capello esauriscono la propria energia vitale e appaiono spente e secche, soggette a spezzarsi e alla formazione di doppie punte. È quindi ovvio che tagliare i capelli non ha alcun effetto sulla loro caduta, sul loro diradamento oppure sulla facilità con cui si spezzano, né tantomeno può renderli improvvisamente più forti e resistenti. 

Il taglio fa bene ai capelli?

C’è un dato di fatto, però, che sembra contraddire questa affermazione: se il taglio non incide sulla robustezza della chioma, perché appena tagliati i capelli appaiono più corposi, più spessi? La risposta, in realtà, è molto semplice: come si è detto, quando tagliamo i capelli eliminiamo la parte più danneggiata, sottile e rovinata, ed eliminando le ciocche “meno belle” tendiamo a dare risalto a quelle più folte e luminose. I capelli sembrano subito più densi, folti e in salute: da qui l’origine dell’idea che sia sufficiente un taglio per rinforzare e rigenerare i capelli. Certo, una spuntatina ogni tanto sarà utile per eliminare le doppie punte e la parte danneggiata del capello, quindi – in un certo senso – si può dire che tagliare i capelli con regolarità sia comunque di una certa utilità alla nostra chioma (o perlomeno al suo aspetto).

Come rinforzare i capelli: consigli utili

Se il vostro obiettivo, però, non è solo quello di apparire dotati di una capigliatura folta e sana, bensì desiderate dei capelli davvero e durevolmente sano, il semplice taglio non basterà a sistemare la situazione. Come spesso accade, per preservare la salute e il benessere del nostro organismo – e quindi anche dei nostri capelli – è molto importante avere un’alimentazione equilibrata e variegata, che privilegia verdure e frutta. Una dieta sana, insieme a una costante attività motoria, è il primo passo anche per ripristinare la salute dei capelli danneggiati, specialmente dopo l’estate. È bene anche evitare anche lavaggi e styling aggressivi, almeno finché la chioma non si sarà ripresa dai fattori di stress eccessivo: no a decolorazioni e tinte, piastre e trattamenti troppo strong (come la permanente). Sì, invece, all’uso di integratori mirati e prodotti delicati, meglio se a base di ingredienti naturali.

Cicli mestruali dolorosi: cause e trattamenti della dismenorrea

La dismenorrea è il dolore che precede, accompagna o segue le mestruazioni. La causa di questo dolore non è ben nota. L’esame clinico e ginecologico deve essere accurato, vengono richiesti esami aggiuntivi a seconda dei casi e dell’orientamento diagnostico, ma nella maggior parte dei casi questa sensazione non è così invalidante da richiedere un intervento invasivo. Spesso ci si reca in farmacia alla ricerca di una cura che possa alleviare questo dolore sordo e acuto, e la risposta risiede nei classici antinfiammatori non steroidei che agiscono nella ricaptazione dell’accumulo di ciclossigenasi infiammatorie (prostaglandine). 

Infatti tra le cause più accreditate nel mondo scientifico sembra che la dismenorrea sia causata da concentrazioni eccessive di prostaglandine, ormoni che provocano la contrazione dell’utero durante le mestruazioni e il parto. Il dolore è spiegato da un rilascio di questi ormoni durante il distacco dell’endometrio (la membrana che riveste l’utero) durante il periodo delle mestruazioni, provocando la contrazione dell’utero e la riduzione del suo apporto di sangue.

I fattori che possono aggravare ulteriormente il dolore associato alla dismenorrea primaria includono l’inclinazione dell’utero all’indietro (retroversione dell’utero) piuttosto che in avanti, ciclo più intenso o irregolare, mancanza di esercizio fisico, stress psicologico o sociale, fumo, consumo di alcol, sovrappeso, storia familiare di dismenorrea e inizio delle mestruazioni prima dei 12 anni.

La dismenorrea secondaria può derivare da una serie di condizioni, tra cui le seguenti:

  • adenomiosi: il tessuto che riveste l’utero (chiamato endometrio) inizia a crescere all’interno delle sue pareti muscolari;
  • endometriosi: frammenti della parete endometriale escono dall’utero e si impiantano su altri organi del bacino;
  • fibromi – tumori benigni che compaiono o sono attaccati alla parete uterina;
  • infezione a trasmissione sessuale (STI);
  • l’uso di un dispositivo intrauterino (metodo di contraccezione);
  • salpingite – un’infezione che colpisce principalmente le tube di Falloppio ma può anche colpire le ovaie, l’utero e la cervice;
  • tumore ovarico o cisti.  

Sintomi da dismenorrea

Il sintomo principale della dismenorrea è la presenza di dolore, che compare nella parte inferiore dell’addome durante le mestruazioni e può essere avvertito anche a livello dei fianchi, della parte bassa della schiena o delle cosce. Possono comparire altri sintomi, inclusi nausea, vomito, diarrea, vertigini, mal di testa o affaticamento.

Per la maggior parte delle donne, il dolore di solito inizia poco prima o all’inizio del ciclo, raggiunge il picco circa 24 ore dopo l’inizio del sanguinamento e inizia a scomparire dopo 2 o 3 giorni. Coaguli o pezzi di tessuto sanguinanti dal rivestimento dell’utero possono essere espulsi dall’utero, causando dolore.

Il dolore della dismenorrea può essere spasmodico (forti crampi pelvici che si verificano all’inizio delle mestruazioni) o congestizio (dolore sordo e persistente). I sintomi della dismenorrea secondaria spesso compaiono prima di quelli della dismenorrea primaria nel ciclo mestruale e di solito persistono più a lungo.

Nel 5-15% dei casi, il dolore provato nelle donne con dismenorrea primaria è abbastanza grave da interferire con le loro attività quotidiane e può essere la causa di un’assenza dalla scuola o dal lavoro.

Trattamento e prevenzione

Il medico può prescrivere farmaci o altri rimedi a seconda della causa della dismenorrea.

La dismenorrea primaria viene solitamente trattata con farmaci antidolorifici. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l’ibuprofene (Buscofen) e il naprossene forniscono sollievo a molte donne.

Alcuni medici possono prescrivere integratori ormonali. I contraccettivi orali possono aiutare a ridurre la gravità dei sintomi. La nausea e il vomito possono essere trattati con farmaci anti-nausea (antiemetici), ma questi sintomi di solito scompaiono senza trattamento quando i crampi sono scomparsi. Anche i contraccettivi impiantabili e i dispositivi intrauterini a base di progesterone che rilasciano una piccola quantità dell’ormone progesterone hanno dimostrato di essere molto utili per alleviare il dolore.

Altre misure non mediche possono aiutare ad alleviare il dolore causato dalla dismenorrea:

  • fare esercizi leggeri, come stretching, camminare o andare in bicicletta (l’esercizio può migliorare l’afflusso di sangue e ridurre il dolore pelvico);
  • yoga;
  • posizionare una borsa dell’acqua calda sull’addome o sulla parte bassa della schiena;
  • riposarsi molto ed evitare situazioni stressanti quando si avvicina il ciclo;
  • fare un bagno caldo.

Endometriosi e ciclo mestruale doloroso

I dolori mestruali sono comuni a molte donne, tuttavia, in alcuni casi, possono nascondere altri problemi. Se il dolore persiste e nessun trattamento, nemmeno farmacologico, sembra essere in grado di alleviarlo, dovresti parlare con un medico. In effetti, può essere un segno di una patologia come l’endometriosi. Questa malattia ginecologica è caratterizzata dalla presenza di frammenti di rivestimento uterino situati all’esterno dell’utero (retto, vescica, intestino, ovaio). 

Queste lesioni, chiamate lesioni endometriosiche, si infiammano durante i cicli mestruali, il che può causare dolore pelvico molto intenso. La diagnosi di endometriosi non è semplice, portando alcuni pazienti a scoprire la malattia per caso. Oggi colpisce 1 donna su 10. 

Non appena si presenta la dismenorrea in maniera invalidante, è sempre necessario andare dal medico, affinché si possa pensare all’endometriosi per poterla diagnosticare il prima possibile e mettere in atto una cura precoce.

Come trattare i dolori muscolari e articolari: consigli pratici e rimedi

Quando si parla di dolori muscolari e articolari è molto probabile che si pensi anche al modo in cui farsi passare il dolore velocemente. Molte persone amano usare il gel Lasonil con funzione antidolore, ottimo prodotto che permette un recupero rapido.


Ma quali sono i consigli che possiamo dare a coloro che soffrono di dolori frequenti e cercano dei trucchi per migliorare la propria vita eliminando qualche cattiva abitudine e inserendone di migliori?

Consigli per evitare i dolori muscolari e articolari

Il primo consiglio che vogliamo dare non può che essere quello di muoversi: l’esercizio fisico, infatti, riduce il dolore perché rafforza i muscoli che servono a sostenere le articolazioni. Si può camminare, fare tai chi e andare in piscina che sono considerate discipline decisamente soft ma al tempo stesso interessanti come risultati.

Il secondo consiglio è quello di mangiare più fibre. Le persone che mangiano alimenti che hanno grandi contenuti di fibre producono acidi grassi a catena corta che migliorano l’equilibrio dei batteri nel tratto digestivo. Un disequilibrio può portare, nella maggior parte di casi, a un maggiore rischio di infiammazione a livello corporeo.

Il terzo consiglio è quello di usare il calore. Basta una borsa dell’acqua calda, una barra con il gel riscaldante, un bagno caldo per migliorare la situazione. Infatti il calore aumenta l’afflusso di sangue ai muscoli che fanno male, allenta la rigidità delle articolazioni e distrae il cervello dal provare dolore.

Il quarto consiglio è l’opposto del terzo: si può, infatti, anche applicare un impatto freddo. Se abbiamo un’infiammazione delle articolazioni possiamo applicare questo impacco gelato che permette all’infiammazione di sfiammare più in fretta. Il freddo rallenta anche gli impulsi nervosi e quindi fa provare meno dolore. 

Il quinto consiglio è quello di creare interazioni con il mondo. Sappiamo, perfettamente, quanto possa essere difficile vivere una vita intera con dei dolori e questo non ci pemette di vivere al meglio la nostra esistenza. Bisogna sforzarsi di creare un forum, di interagire con altre persone che abbiano gli stessi problemi e lavorare su come migliorare, passo dopo passo, la propria situazione fisica e del dolore. 

Il sesto consiglio è quello di fare allungamenti e stretching. Ovviamente senza esagerare, soprattutto se non facciamo tanto esercizio fisico e se non siamo abituati a usare il nostro corpo. Ma se iniziamo a fare allungamenti delicati questo ci permetterà di avere muscoli più allenati e quindi meno dolore rispetto all’inattività precedente. 

Il settimo consiglio, ultimo, è quello di dormire bene. Molti di noi usano il letto come giaciglio per dormire quando siamo stanchi, senza mai immaginare a quante variabili possano modificare la qualità del nostro sonno. In primis sarebbe meglio avere una routine da rispettare, con cene leggere e un orario comune per andare a dormire. Poi sarebbe meglio usare una rete, un materasso e un cuscino di buona qualità perché non dormire bene ci permette di svegliarci stanchi e già con dolori che ci portiamo dai giorni precedenti e che non migliorano a causa di posture sbagliate notturne e reiterate. 

Importanza dello “star bene mentale” sullo “star bene fisico”

Lo star bene mentale è strettamente correlato allo stato di benessere fisico, sono numerosi gli studi e i test che hanno provato come sia fondamentale trovare il perfetto equilibrio interiore tra mente e corpo per poter godere pienamente delle gioie della vita. 

Quando ci sentiamo depressi, tendiamo a dormire meno, a sentirci privi di energia e a ingrassare, all’inverso, se per qualche ragione aumentiamo di peso, la nostra autostima cala, ci sentiamo meno attraenti e meno sicuri.

La compromissione del benessere mentale spesso nasce da un senso di insoddisfazione verso sé stessi che alimenta i livelli di negatività e diminuisce la voglia di cambiare, motivo per il quale è importante lavorare su stessi per accettarsi, avere maggiore fiducia e autostima e affrontare al meglio qualsiasi cambiamento.

È possibile farlo attraverso un percorso terapeutico rivolgendosi a psicologi specialisti come quelli presenti su https://www.psicologi-italia.it/psicologo/lombardia/varese/, combinato alla voglia di voler affrontare davvero il problema e risolverlo, per migliorare la qualità della propria vita.

L’autostima ha un ruolo chiave per raggiungere il benessere mentale e lo star bene fisico, non tutti ne sono consapevoli, alcuni devono allenare la propria autostima tramite l’accrescimento della fiducia nelle proprie possibilità. 

Cosa fare per stare bene con sé stessi?

Se è chiaro che lo star bene mentale si ripercuote sullo star bene fisico, è importante iniziare a lavorare su ciò che non va, migliorando alcuni aspetti di sé e del modo di affrontare la quotidianità. Ecco alcuni consigli utili.

Cercare e coltivare nuovi stimoli

Il benessere psicologico è collegato alle proprie potenzialità e risorse, ognuno ha un talento che deve coltivare. Vivere in un ambiente stimolante rende le cose più semplici, ma gli stimoli si possono ricercare anche al di fuori della propria sfera familiare e questo porta a un senso di libertà e individualità. 

Gratificarsi

Non solo critiche, è importate sapersi gratificare e saper vedere i pregi, non bisogna soffermarsi solo su una lista di giudizi e aggettivi negativi. 

Può essere utile stilare una lista di tutti i lati vincenti e delle proprie risorse che sono state utili ad affrontare i momenti più difficili della vita.

Immaginare e osservare

Il nostro cervello ragiona per immagini, sognare ad occhi aperti, fantasticare, aiuta ad aprirsi a nuove possibilità e ad avvicinarsi al cambiamento. 

È molto utile crearsi delle immagini di ciò che si desidera e tornarci durante la giornata col pensiero, questo fa si che sembrino molto più reali e concrete.

Inoltre, bisogna fermarsi a osservare la propria vita e le cose che non vanno, prendere nota delle sensazioni che si provano nel periodo del cambiamento e decidere cosa fare per lasciarsi alle spalle i vecchi pensieri, superare le paure e avvicinarsi al nuovo.

Apprezzare le piccole cose

Ogni giorno bisogna imparare ad apprezzare le piccole cose che fanno sorridere, che sia una passeggiata in riva al mare, una parete da dipingere, una cena con gli amici. Inoltre, i cambiamenti sono fatti di piccoli passi, anche modificare un’abitudine come il solito bar o la solita strada, possono aiutare ad uscire fuori dal circolo vizioso della routine e della noia.

Fare sport e mangiare bene

Fare attività fisica produce effetti benefici sia sul fisico che sulla salute mentale, diversi studi hanno evidenziato come lo sport previene la comparsa di ansia, stress e depressione.

Inoltre, anche il cibo influenza la salute mentale, varie ricerche hanno dimostrato che mangiare cibo spazzatura aumenta il rischio di aggressività e di depressione.

Costruire relazioni sociali 

Instaurare e mantenere delle relazioni sociali buone aiuta a migliorare il benessere mentale, perché permette di rispondere al bisogno di coesione nei momenti in cui ci si sente troppo soli e malinconici.  

Linfociti altissimi: cause e rimedi definitivi

Quando abbiamo a che fare con i globuli bianchi parliamo sempre della nostra difesa, del nostro esercito.

E se di globuli bianchi stiamo parlando non possiamo non parlare di linfociti che sono i killer del nostro organismo. Questo perché? Perché grazie ai linfociti noi riusciamo a trovare il nostro agente patogeno e a combattere la minaccia che in quel momento ci fa stare male.

Ma cosa succede se i linfociti sono altissimi?

In quel caso parliamo di linfocitosi ma le cause di questa condizione non si possono controllare con un semplice emocromo. Serve, infatti, il consulto con un medico.

Il nostro corpo, e questo lo abbiamo capito, è una macchina perfetta e come tale è soggetta a certi meccanismi che neanche noi conosciamo bene ma che le nostre cellule conoscono benissimo.

Infatti abbiamo una serie di barriere, partendo dalla nostra epidermide o alle mucose del naso che ci permettono di fare una prima difesa rispetto ad agenti esterni che possano intaccare il nostro organismo. 

D’altronde anche un piccolissimo raffreddore è qualcosa che il nostro corpo combatte con i nostri anticorpi.

Ricordiamo sempre, infatti, che non c’è un giorno della nostra vita in cui il nostro corpo, dall’interno combatte qualcosa che, sia all’interno, sia al di fuori, vuole minare il nostro equilibrio. 

Per questa ragione è sempre bene sapere come funzionano determinate cose, imparando anche a capire quali di questi sintomi, anche piccolissimi, dovrebbero farci pensare a qualcos’altro.

Un esempio piccolo piccolo ma che secondo me ci permette di capire quello di cui andremo a parlare è quello di un linfonodo sentinella che, di solito, si attiva alla prima infezione.

Un morso di un insetto a cui siamo allergici, anche in piccola parte, un raffreddore che ci sta facendo un po’ penare e via di sentinella perché ognuno di noi ha un esercito di combattenti che cerca di farci stare in salute. 

Vediamo, ora, passo passo cosa sono i linfociti e che cosa comporta questa malattia.

Cosa sono i linfociti

Cosa sono i linfociti: Linfociti T & Linfociti B
Cosa sono i linfociti: Linfociti T & Linfociti B

Linfociti T

Quando si parla di linfociti T si parla di una classe di globuli bianchi.

I globuli bianchi, che si chiamano anche leucociti sono delle cellule che servono a difenderci contro corpi estranei, microrganismi patogeni, cellule neoplastiche e antigeni di vario tipo.

I globuli bianchi possono essere:

  • granulociti
  • monociti
  • linfociti

Quelli T si chiamano così per un recettore che si trova sulla superficie e si chiama TRC o T cell receptor. Questi linfociti, come i linfociti B, sono prodotti dal midollo osseo e poi maturano e migrano nel timo. Questi linfociti che si trovano nel timo hanno una durata breve: infatti vivono circa uno o due giorni.

Se però c’è di mezzo una sostanza estranea questi piccoli linfociti diventano grandi linfociti, chiamati plasmacellule che rendono inattivo l’antigene secernendo l’anticorpo giusto in quel momento.

I grandi linfociti entrano nel meccanismo della mitosi che crea tanti linfociti, tantissimi, e ognuno di loro ha memoria dell’antigene che ha stimolato il loro intervento e la loro crescita. Questo è importantissimo in caso di un secondo attacco dello stesso gene perché le cellule già sanno quello che devono fare. Questi linfociti, infatti, si chiamano anche cellule memoria e si trovano nella milza e nei linfonodi.

Questi linfonodi T, quindi, attivano subito la risposta immunitaria per neutralizzare infezioni, virus e batteri e si dividono in vari sottogruppi:

  • linfociti TH servono per creare anticorpi
  • linfociti TS neutralizzano le cellule nocive per l’organismo

I linfociti T, comunque, per essere attivati cercano un contatto diretto con la cellula che porta con sé l’antigene.

La cellula T se incontra un antigene puro, però, non si attiva. Per attivare il linfocita ci deve stare una sorta di riconoscimento grazie all’istocompatibilità della proteina MHC.

Questa istocompatibilità è alla base di tutti i processi immunologici, infatti è molto importante anche nei casi di trapianti di organi e il loro rigetto.

Questa proteina è diversa da persona a persona ed è quindi molto variabile.

I linfociti T riconoscono queste proteine come nemiche e per questo c’è bisogno dei farmaci antirigetto.

I meccanismi che vengono messi in atto dall’organismo sono:

  • immunità innata che è la prima difesa contro i microbi. Sono la pelle e le mucose ad esempio, che servono a non far penetrare l’organismo esterno nel corpo. Questo tipo di immunità potenzia anche l’altro tipo di immunità, di cui ora parleremo.
  • immunità adattiva che è una strategia difensiva che si sviluppa più lentamente rispetto alla prima immunità ed opera dei linfociti e dei prodotti dei linfociti cioè gli anticorpi.

Quest’ultima immunità può essere sia:

  • immunità ematica
  • immunità umorale

I linfociti T sono recettori che riconoscono antigeni microbici proteici, quindi lavorano nello specifico e uccidono qualsiasi cellula infettiva.

Linfociti B

I linfociti B sono quelli che vengono dal fegato e dal midollo osseo.

Anche i questo caso abbiamo una risposta immunitaria potente, come nel caso dei linfociti T e in seguito migrano dalle loro posizioni originarie per posizionarsi in altre zone del corpo come milza e linfonodi.

Quando il linfocita B si attiva ingloba l’agente estraneo e chiama a combattere i linfociti T, un vero e proprio esercito di cecchini.

Cause dei linfociti alti: linfocitosi

Cause dei linfociti alti: linfocitosi e infezini virali
Cause dei linfociti alti: linfocitosi e infezini virali

Abbiamo, quindi, capito che ci sono diversi tipi di globuli bianchi e che servono a proteggerci da vari parassiti, funghi, batteri e virus. 

Oltre alle cellule di cui abbiamo già parlato abbiamo accennato anche alle cellule natural killer che sono specifiche e killer, appunto, come le altre due. 

Ma perché a un certo punto scopriamo di avere un numero di linfociti elevato? La causa più normale è un’infezione virale come la mononucleosi. Alcune infezioni batteriche, come la tubercolosi pure possono far aumentare la nostra carica di globuli bianchi. Anche alcuni tumori come il linfoma o la leucemia linfatica possono portare un numero di linfociti elevato dovuto anche all’immissione di linfoblasti e cellule linfomatose nel torrente ematico. 

Anche il Crohn e il morbo di Graves possono far aumentare il numero dei globuli bianchi nel nostro sangue. Quello che è strano è che l’aumento di questi globuli non causa sintomi evidenti ma va detto che alcuni sintomi, seppur minimi, come una febbriciattola o una forte sudorazione notturna, un calo di peso parecchio repentino o una stanchezza cronica possono essere segno di qualcosa che non va. Se abbiamo qualche sospetto, come ad esempio una strana febbre a 37 per una settimana, sarebbe il caso di fare gli esami del sangue. Quando si rileva un aumento dei linfociti allora bisogna controllare un campione di sangue al microscopio e vedere se sono attivati da un’infezione o sono immaturi come nei tumori. Se scopriamo anche il tipo di linfocita sarà più facile scoprire qual è il problema che ha scatenato questa reazione. 

Avere, comunque i linfociti alti significa che il nostro sistema immunitario sta combattendo qualcosa ed è attivo. La linfocitosi è proprio l’aumento dei globuli bianchi nel sangue. Questo succede, nella maggior parte dei casi, per combattere una malattia o un’infezione. 

Il valore normale dovrebbe essere circa 1500 linfociti per microlitro. Se ne abbiamo più di 3000 linfociti per microlitro di sangue significa avere la linfocitosi. Attenzione perché nei bambini il valore cambia, ad esempio. 

I globuli bianchi, comunque, sono di vario tipo: 

  • granulociti neutrofili
  • granulociti basofili 
  • granulociti eosinofili
  • monociti
  • linfociti

L’alterazione dei valori normali di questi ultimi può causare condizioni più o meno gravi. Infatti questi linfociti sono più o meno tra i 20 e il 40 per cento dei leucociti presenti nell’organismo. 

Quindi è sicuramente vero che un’alterazione può essere un sintomo semplice rispetto a un’infezione ma è sempre meglio controllare quello che succede per vedere di stare più tranquilli e scongiurare patologie più critiche da affrontare. 

Abbiamo, dunque, compreso l’importanza di uno screening legato a un semplice esame del sangue, esame di routine che andrebbe fatto anche solo per controllare il livello di colesterolo o se gli altri valori sono al posto giusto. Ma, in ogni caso, anche se abbiamo detto che non si sono poi tantissimi sintomi per capire che c’è qualche problema con i nostri linfociti basta un occhio un po’ più allenato per capire che forse qualcosa non va. Attenzione, cioè a questi sintomi che adesso cercheremo di elencarvi con maggior dovizia per rendervi partecipi di ogni piccolo allarme che potremmo prendere in considerazione per un controllo, che è sempre doveroso fare, questo lo abbiamo capito, oramai. 

I sintomi di cui abbiamo già parlato sono: 

  • febbre
  • perdita di peso
  • stanchezza e anche debolezza 
  • sudorazione notturna

Ma bisogna anche stare attenti a: 

  • ingrossamento dei linfonodi
  • pienezza del ventre o dolore (che può essere causato anche da fegato e milza ingrossati)
  • bruciore durante la pipì
  • dolori articolari o alle ossa
  • pallore del viso, delle unghie e delle labbra
  • emicrania
  • emorragia delle gengive o frequenti epistassi
  • dolori alle articolazioni
  • insufficienza renale

Quindi abbiamo un bel range di piccoli campanelli d’allarme che ci possono far pensare che sia meglio fare un esame del sangue. Difatti una pelle diafana, molto chiara, potrebbe essere sintomo di qualcosa che non va, così come una ghiandola del collo che si può sì ingrossare per un’infezione ma può essere anche sintomo di qualcos’altro. I frequenti mal di testa o anche il dolore al ventre sono cose che, probabilmente, non si associano facilmente al fatto di dover farsi le analisi però perché non riuscire a controllare il proprio corpo quando non si è perfettamente in forma. O anche quando non ci sentiamo assolutamente nulla, almeno per prevenzione. 

Quali possono essere le cause di questo innalzamento un po’ le abbiamo capito ma se volessimo andare nello specifico, come prima, avremmo un bel po’ di pensieri a cui poter arrivare con una certa tranquillità e anche per maggiore informazione che, in alcuni casi, non è mai troppa. 

Quindi tolta la malattia temporanea e quello che può essere una leucemia direi che possiamo andare con ordine e iniziare a parlare delle varie cause:

  • la prima è sicuramente quella del tumore del sangue che va a rovinare il midollo, inquinandolo, e che può diventare leucemia acuta, mieloide, linfatica o linfoide. Questa malattia porta ad avere tantissimi globuli bianchi nel sangue e in questo caso si chiamerà linfocitosi monoclonale perché i linfociti si riproducono tutti uguali. I linfomi, invece, bersagliano milza o linfonodi, quindi organi linfatici. E poi abbiamo le sindromi mieloproliferative che partono dai una cellula staminale che si è ammalata
  • anche alcuni farmaci fanno aumentare la produzione di leucociti nel sangue, come alcuni antibiotici per l’acne, l’eparina e anche alcuni farmaci epilettici
  • le infezioni, come abbiamo detto. Possiamo partire dalla tubercolosi per arrivare alla mononucleosi, dal raffreddore alla parotite, dall’influenza al citomegalovirus, dalla rosolia all’herpes, all’epatite C, quella B, l’HIV e la toxoplasmosi
  • anche le malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide, il lupus, le vasculiti, l’ipertiroidismo possono aumentare i globuli bianchi nel sangue
  • alcuni episodi di stress sono in grado di formare più leucociti nel sangue, così come un forte trauma fisico e una forte disidratazione
  • coloro che hanno subito l’asportazione della milza o chi ha un tumore, chi soffre di pertosse o di Crohn o altre malattie croniche dell’intestino. 

E’ molto probabile anche avere globuli bianchi alti in gravidanza o durante il ciclo mestruale. Caso a parte per i bambini che hanno già molti più globuli bianchi e, quindi, non dobbiamo subito pensare a cose terribili. 

Andrebbe richiesto il parere di un medico e qualche esame se notiamo un bel dimagrimento improvviso, inappetenza, lividi su tutto il corpo, pallore, debolezza o febbriciattola. 

Rimedi e trattamento

Linfociti altissimi: rimedi e trattamento per aumentare le nostre difese immunitarie
Linfociti altissimi: rimedi e trattamento per aumentare le nostre difese immunitarie

Visto che per parlare di come curare malattie gravi c’è bisogno di un medico possiamo, però, provare ad aumentare le nostre difese immunitarie con dei rimedi naturali. 


Fermo restando che questi sono consigli generali e ogni caso è a sè stante si può pensare a degli integratori naturali

Possiamo, infatti, parlare di:

  • acerola: pianta del Centro America che è piena di Vitamina C. In questa pianta ci sono anche vitamina A e vitamine del gruppo B, flavonoidi, sali minerali e altro. Questi integratori sono perfetti per raffreddamento e sintomi influenzali.
  • astragalo: queste sono piante perenni che servono a prevenire raffreddamento e influenza. Ha una proprietà immunostimolante che stimola l’attività dei linfociti B e T e quindi permette al corpo di resistere meglio a stress fisici e psichici
  • echinacea: antiossidante e immunostimolante
  • radice di liquirizia: cura alcune malattie
  • rosa canina: è ricca di vitamina C e quindi potenzia le difese immunitarie
  • shiitake: fungo cinese che è ricco di beta-glucano e che potenzia le nostre difese
  • uncaria: pianta rampicante con proprietà immuno-modulanti. 

Le difese immunitarie si possono anche potenziare con una buona dieta alimentare. Ecco gli alimenti che fanno al caso vostro:

  • l’aglio è perfetto contro batteri, virus e contro le infezioni
  • gli agrumi sono pieni di Vitamina C che protegge dai radicali liberi, contrasta i malanni di stagione, aiutano la digestione e disinfettano l’organismo. 
  • Il cioccolato al 72 per cento stimola la produzione di linfociti T che combattono le infezioni
  • i cereali e le fibre aiutano l’intestino
  • la frutta fresca è piena di vitamine
  • la frutta secca contiene selenio zinco e rame. E poi è ricca di vitamina E di Omega3
  • i funghi sono pieni di selenio e di beta-glucano, quindi potenziano le difese immunitarie
  • i fermenti lattici servono per l’equilibrio della flora intestinale
  • i legumi aiutano la produzione di anticorpi
  • il pesce è fondamentale per una dieta salutare
  • le spezie come zenzero, curcuma e cannella regolano la risposta immunitaria innata 
  • il tè verde stimola la formazione di linfociti T
  • il Kefir è ricco di calcio e vitamine del gruppo B e K ed è pieno di nutrienti e probiotici

Anche fare attività fisica quotidiana ci permette di avere un sistema immunitario che funziona bene. Anche solo camminare e favorire la circolazione permette alla cellule di muoversi nell’organismo per fare il proprio dovere. .

Unire una buona alimentazione ad un giusto esercizio fisico quotidiano può contribuire a mantenersi in salute e a mantenere il sistema immunitario vigoroso.

Non si deve mai esagerare, infatti, come abbiamo sempre detto ma qualche chilometro a piedi, un po’ di corsa, una nuotata o qualche tratto in bici migliorano sia l’ossigenazione che la circolazione e quindi ci fanno stare più in salute, più in forma. Non c’è nulla di meglio da fare per mantenere il proprio corpo attivo e mantenerlo attivo rispetta anche il mantenere attivo il sistema immunitario e, quindi, di rispondere bene agli stimoli che ci arrivano dall’interno e dall’esterno.

Ovviamente anche un buon ciclo circadiano di veglia e sonno ci permette di essere meno stressati e quindi di non stimolare la creazione di tanti globuli bianchi se non ne abbiamo bisogno. 

La vita, d’altronde, va vissuta a pieno, sicuramente, ma bisogno sempre cercare di mantenere un ritmo tra le ore che restiamo svegli e produttivi e le ore che ci addormentiamo, nel senso che dormire bene ci fa attivare al meglio il metabolismo e ci fa stare meglio in salute e meglio stressati. Sarebbe consigliabile, infatti, mantenere un diario giornaliero di ciò che si mangia e di quanto si dorma per mantenere, ove possibile, un ritmo costante che possa permetterci di stare più in salute, più sotto controllo.

Tutto quello che possiamo fare, infatti, al di là di cercare di non mangiare troppe schifezze, di non bere troppo alcool, di non fumare è quello di mangiare sano, se possibile, fare attività fisica anche mezz’ora al giorno e poi dormire bene, dormire per stare riposati.

A volte, infatti, basta anche un letto sbagliato, un cuscino che non fa per noi, un materasso che non è giusto per quello che ci serve e tutto è inutile. Anche se dormiamo, infatti, 8 ore al giorno è possibile che il nostro corpo non sia riposato e che il nostro metabolismo non abbia lavorato al meglio durante la notte. Anche svegliarsi ripetutamente durante la notte è sintomo di un sonno che non è ristoratore e che, quindi, non ci permette di riposare davvero.

E se non siamo riposati davvero il nostro corpo è più debole, le difese immunitarie non lavorano al meglio, non produciamo tanto quanto vorremmo, non siamo concentrati e basta anche un piccolo raffreddore per debilitarci. 

Allora è bene pensare a tutti gli aspetti della vita per farci vivere al meglio e per far sì che il nostro corpo risponda al meglio. 

Questi sono consigli generici che sentiamo di dare per migliorare la nostra vita a poco a poco ma ciò non significa che dobbiamo essere medici di noi stessi e dobbiamo curare malattie gravi con un pizzico di frutta in più. Anche i nostri bambini hanno bisogno di mangiare bene, così come noi. Anche i nostri genitori e i nostri nonni ma se ci troviamo davanti a una malattia grave allora è bene pensare che sia tutto in mano ai medici e alla cura che i medici daranno alla persona in questione. 

Se, invece, siamo soggetti a tante infezioni, siamo vittime di raffreddori perenni o cose del genere si può pensare, in maniera molto facile, di migliorare il proprio stile di vita per rendere il proprio corpo più attivo e più reattivo, anche in caso di un piccolo malanno. 

Abbiamo tanti piccoli cecchini nel nostro corpo, il nostro organismo è fatto apposta per difenderci in caso di malattia. A volte, però, il nostro organismo ci difende troppo e i linfociti mutati possono essere un problema. 

Basta un esame del sangue e un esame più approfondito dei leucociti per capire cosa c’è che non va e da qui pensare alla cura che va bene per noi. D’altronde tutto quello di cui abbiamo bisogno è controllarci e dare un’attenzione in più a piccoli e grandi sintomi che possiamo avere in qualche momento particolare della nostra vita. A volte una sudata in più o un po’ di sangue dal naso sono una spia che c’è qualcosa che non va. E tutto quello che ci serve è darci una mano in tutte le maniere possibili, anche partendo da cose molto semplici come un’arancia in più o qualche mandorla durante il giorno. E voi fate qualcosa per il vostro sistema immunitario? Avete fatto un esame del sangue ultimamente? Specialmente se avete qualche sintomo, anche stupido, non trascuratevi mai. 

5 Trucchi di Stile per una Silhouette Perfetta

La tua lista di acquisti fashion è sospesa in attesa di perdere qualche chilo di troppo? Ti capita spesso di girare l’intero centro commerciale, innamorarti di vestiti favolosi ma non comprarli pensando “appena perdo 3 kili questo vestito è mio”?

Scopri i nostri trucchi per “mascherare” la pancetta e scegliere i vestiti più stilosi per te!

  1. La Fantasia fa la Differenza

Le fantasie dei vestiti che indossiamo hanno un impatto incredibile sul risultato finale. Una buona regola è quella di evitare pattern orizzontali, che tendono ad “ingrassare” ed evidenziare la pancetta di troppo. Meglio scegliere righe verticali e larghe, che creano l’illusione di una silhouette più leggera.

Per i vestiti con fantasie disegnate, ti consigliamo di evitare disegni e fantasie troppo grandi ed optare sempre per disegni minuti e ricchi di dettagli.

  1. Usa i colori a tuo vantaggio

I colori scuri hanno sempre una marcia in più quando si tratta di restituire una silhouette più leggera. Toni più chiari, invece, tendono ad avere l’effetto opposto, evidenziando i chiletti in più. 

Scegli colori come navy blue, grigio scuro o nero per un effetto snellente ed evita i colori brillanti come giallo, arancione e rosa, soprattutto per pantaloni e gonne.

  1. Scegli Tessuti Morbidi per una Vestibilità Perfetta

I tessuti più morbidi sono l’ideale per mascherare i chili di troppo con facilità. Grazie alla loro leggerezza, la vestibilità risulta si adatta a qualsiasi tipo di fisico senza risultare stringente. 

Una maglia scura con una gonna a vita alta con tessuto morbido sono la combo ideale per una silhouette snella.

Cotone, seta, cashmere e maglia sono i tessuti migliori per questo semplice ma efficace trucchetto.

  1. Utilizza un Waist Trainer sotto i vestiti

Un “must-have” per una silhouette snella. Il waist trainer è un semplice corpetto modellante, che oltre a snellire effettivamente il girovita, può anche essere utilizzato come intimo quando si indossano capi più aderenti.

Comodo da indossare, un waist trainer di qualità ti permette di indossare vestiti più aderenti senza l’ansia di mostrare i chili di troppo.

  1. Utilizza gli Accessori

Oltre a dare una marcia in più al tuo look, gli accessori, se usati ad arte, hanno il pregio di direzionare l’attenzione e di nascondere. Una cinta grande all’altezza della vita può coprire la pancetta, un paio di orecchini o una collana possono indirizzare lo sguardo e l’attenzione verso il viso e il collo.

I 3 bruciagrassi preferiti dalle donne

Chili in più, rigonfiamenti antiestetici, pelle meno tonica, questi sono alcuni degli effetti lasciati dai copiosi pasti delle vacanze. Questi segni sulla tua figura sono il frutto di un rilassamento anche mentale, a volte necessario per staccare la spina dalla routine dell’intero anno, anche alimentare, e concedersi gli stravizi utili per sentirsi ricaricati e pronti a ripartire. 

E se ti dicessimo che è possibile perdere peso naturalmente grazie all’efficacia dei bruciagrassi naturali? Questi nuovi alleati dimagranti sono una scoperta moderna per aiutare a perdere i chili di troppo senza eccessiva fatica. Ovviamente la loro intensità d’azione aumenta se l’assunzione avviene in maniera concertata con la dieta e l’attività fisica. 

Ma cos’è un bruciagrassi?

Per comprendere appieno come funzionano gli integratori e gli alimenti bruciagrassi, ricordiamo innanzitutto alcuni concetti essenziali.

Ogni organismo è costituito da cellule che, attraverso differenti reazioni chimiche, portano all’utilizzo di una certa quantità di energia. Questa energia necessaria per il normale funzionamento del nostro corpo corrisponde al metabolismo di base, ed è fornita quotidianamente principalmente dal cibo.

Se mangi più calorie di quelle che bruci, il tuo corpo tenderà a immagazzinarne di più. Al contrario, se il tuo metabolismo consuma più energia di quella che produce, perderai peso più facilmente. Questo si chiama bilancio energetico!

Insomma, per dimagrire, basta adattare la propria alimentazione in base al proprio dispendio energetico. Se l’idea sembra semplice, non è sempre facile metterla in pratica quotidianamente. Tra aperitivi con gli amici, pranzi con i colleghi o brunch della domenica mattina, infatti, è difficile seguire correttamente i propri obiettivi dimagranti. È qui che entrano in gioco i bruciagrassi naturali.

Bruciagrassi efficace: le caratteristiche

Per ottenere risultati visibili sulla tua figura, un efficace bruciagrassi deve o stimolare e accelerare il tuo metabolismo; o ridurre la sensazione di fame e aumentare la sazietà; o attivare la combustione dei grassi (lipolisi).

In tutti i casi, i bruciagrassi mireranno ad eliminare il grasso immagazzinato e quindi a facilitare la perdita di peso. Essi ti permetteranno di affinare la tua figura e perdere massa grassa. A patto, ovviamente, come abbiamo già detto, di adattare la tua dieta e di praticare un’attività fisica parallelamente al tuo programma dimagrante. Senza il minimo sforzo da parte tua, i bruciagrassi avranno scarso effetto!

Quale bruciagrassi scegliere?

Come ci consigliano su www.guadagnaresalute.iti bruciagrassi naturali sono semplicemente delle piante o degli alimenti riconosciuti per le loro proprietà dimagranti. A seconda della pianta o del cibo che scegli, gli effetti sul tuo corpo saranno diversi. 

In effetti, alcuni bruciagrassi naturali consentono di ridurre la sensazione di fame e quindi ridurre l’apporto calorico giornaliero. Altri prosciugheranno il corpo e promuoveranno l’eliminazione delle tossine. Infine, l’effetto brucia-grassi o termogenico di alcuni aumenterà la temperatura corporea e promuoverà l’eliminazione del grasso in eccesso.

Top 3 dei migliori bruciagrassi naturali

1. PhenQ

PhenQ è probabilmente il punto di riferimento in termini di bruciagrassi attualmente sul mercato. Ha un numero record di utenti soddisfatti ed è bene precisare che la sua efficacia è stata infatti dimostrata da studi clinici e scientifici.

In linea di principio, se viene spesso elogiato, è perché ha una comprovata azione sui grassi immagazzinati per un certo tempo ma evita anche che le notizie si depositino, evita anche le fasi di stanchezza e mancanza di energia e gli sbalzi d’umore solitamente associati alla dieta. Limita anche l’appetito. Ti permette quindi di intervenire efficacemente nella tua dieta e i suoi effetti si prolungano nel tempo.

Uno dei punti che rende questo prodotto particolarmente apprezzato dai suoi consumatori è che è al 100% di origine naturale, è composto da caffeina, la aiuta a combattere la stanchezza, a mantenere la concentrazione, a bruciare i grassi già immagazzinati e a regolare la fame. La piperina invece aiuta a fermare la produzione di cellule adipose; il carbonato di calcio rinforza le ossa e dà l’impressione di essere sazi. In altri ingredienti sono il cromo picolinato; il capsimax in polvere e L-carnitina fumarato.

2. Garcinia Cambogia

La Garcinia Cambogia è un frutto che ci arriva dall’Asia. La sua corteccia contiene acido idrossicitrico che è noto per essere un potente soppressore dell’appetito e un eccellente bruciagrassi. Non è raro leggere le recensioni dei clienti che affermano di aver perso fino a 10 kg in soli tre mesi.

Grazie alla sua capacità di creare un effetto sazietà, non sarai più lacerato dalla fame e quindi la tua dieta sarà molto più facile da seguire. Inoltre, attingerà ai chili immagazzinati in modo che il tuo corpo riceva abbastanza calorie al giorno. Inoltre, impedisce agli zuccheri di trasformarsi in grassi. Il vero punto di forza di questo bruciagrassi naturale è che l’effetto soppressore dell’appetito è molto veloce.

Avrai capito, la caratteristica del bruciagrassi Garcinia Cambogia è quella di contenere estratto della corteccia dell’omonimo albero da frutto. È importante in base alla preparazione che sceglierai di controllare che il suo dosaggio sia indicato correttamente per la massima efficienza. 

3. Forskolin 250

Questo bruciagrassi è uno dei più potenti oggi sul mercato, infatti, permette durante la sua assunzione di aiutare il tuo corpo a sbarazzarsi tra i 10 ei 15 chili in un periodo relativamente breve di 3 mesi.

È un bruciagrassi ma è anche noto per alleviare il mal di stomaco e i reumatismi. Facilita la circolazione sanguigna e il guadagno muscolare. È quindi un perfetto alleato per chi, oltre a voler dimagrire, desidera avere energia e ritrovare il proprio dinamismo.

Forskolin ha come ingrediente principale una pianta con lo stesso nome di origine indiana e riconosciuta per le sue qualità dimagranti.

Affrontiamo la menopausa partendo dalla prevenzione

La regola base per affrontare la menopausa è la ‘prevenzione’. 

La prevenzione è una scelta perfetta in ogni frangente della vita, e a qualsiasi età, ma si rivela fondamentale soprattutto quando si avvicina a grandi falcate l’ingresso in menopausa.

Per affrontare al meglio questo nuovo ciclo della vita sono necessarie visite periodiche dal ginecologo, così come esami specifici per valutare l’eventuale presenza di forme cancerogene, e il livello di densità ossea.

Sintomi e disturbi

A preoccupare sono soprattutto i disturbi che genera l’arrivo della menopausa. La chiusura del ciclo di fertilità della donna porta con se alterazioni ormonali, preludio a tutta una serie di cambiamenti fisici e psichici. Con la menopausa l’organismo subisce un forte stress, soprattutto in relazione al calo evidente di estrogeni e progesterone, ormoni che controllano parecchi tessuti del corpo come la pelle e influenzano processi vitali legati a cuore, sistema nervoso, metabolismo e ossa.

La pelle in menopausa subisce un deterioramento, ma per limitarne al minimo la portata è bene alimentarsi correttamente, idratarsi bevendo almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, utilizzare prodotti cosmetici di qualità a partire da un’utile crema contro il cedimento del contorno viso.

Fra i sintomi che si sviluppano a fronte della menopausa possiamo elencare l’accentuarsi della sudorazione, che può cogliere anche all’improvviso, la comparsa di vampate di calore con cambi repentini della temperatura corporea, l’incontinenza, i risvegli improvvisi, le vertigini, l’aumento di peso, le alterazioni della pelle che si irrita più facilmente e l’avanzare dell’osteoporosi.

Accanto all’accentuarsi delle problematiche fisiche, elencate precedentemente, troviamo anche tutta una serie di disturbi della psiche quali nervosismo, depressione, propensione all’irritabilità, insonnia, stati di stress.

Dalla natura un supporto salutare

C’è un modo del tutto naturale per affrontare la menopausa scegliendo il supporto dei fitoestrogeni. Come dimostrano gli studi di settore l’uso costante dei fitostrogeni della soia consente di ridurre le vampate di calore, così come la secchezza vaginale. Utilizzati al naturale, oppure assunti sotto forma di integratori, soia e tutta una serie di estratti di piante come salvia, trifoglio, o cimici fuga, svolgono un ruolo benefico e migliorano la sintomatologia che è conseguenza della menopausa.

Guida all’alimentazione in menopausa

L’ingresso in menopausa porta con se inevitabilmente l’aumento di peso, che si può contrastare grazie a una dieta adeguata.

Seguendo alcune semplici regole è possibile evitare l’accumulo di chili superflui.  E’ determinante iniziare dall’apporto proteico privilegiando il consumo di legumi, usando con criterio carne, uova, e latticini, limitando l’uso di insaccati, mangiando almeno due volte la settimana del pesce fresco.

I carboidrati devono entrare nella dieta ma è bene preferire quelli complessi come pasta, riso e pane, preferibilmente integrali. Nella dieta risulta importante anche l’apporto di fibre, mentre è bene limitare l’assunzione di zuccheri. 

Per mantenere il peso ideale è bene ridurre le calorie e prestare attenzione ai grassi saturi, che troviamo ad esempio nel burro, nella carne così come negli insaccati e nella panna.

Una dieta corretta mette in prima linea il consumo di frutta e verdure, possibilmente fresche e di stagione.

Impossibile dimenticare l’assunzione di formaggi e latte, scegliendo preferibilmente quelli magri, mentre è bene prestare attenzione ai condimenti, scegliere cotture sane, limitare caffè e alcolici e bere molta acqua.

Ernia iatale: sintomi e cause

L’ernia è uno dei disturbi più comuni nella popolazione, soprattutto dopo i cinquant’anni. Non tutti, però conoscono l’ernia iatale, una tipologia di ernia che può dimostrarsi molto fastidiosa oppure – e forse in questo caso si verifica una condizione più pericolosa e problematica – può essere asintomatica e, se non curata, dare sfogo a patologie di più grave entità. 

Si definisce ernia una protrusione di un organo o di un tessuto verso l’esterno della cavità in cui è normalmente ospitato; l’ernia iatale interessa lo stomaco, ed è quindi una deformazione della parete dello stomaco, che si protrae verso quello che è chiamato iato esofageo: un piccolo forno nel diaframma la cui funzione è permettere il passaggio dell’esofago, a sua volta collegato allo stomaco dal cardias. Il cardias è importante perché vi ha sede lo sfintere gastroesofageo, una valvola che blocca la risalita del cibo digerito e dei succhi gastrici verso l’alto, fino in gola. Ma quando la valvola non funziona correttamente, l’ernia iatale può contribuire a peggiorare gli episodi di reflusso gastroesofageo, con tutti i disturbi che questo comporta. 

Inoltre va osservato come anche il diaframma abbia un’azione regolatrice nei confronti dello sfintere gastroesofageo, perché attraverso la sua pressione favorisce il meccanismo di apertura e di chiusura della valvola. Quando però si verifica un caso di ernia iatale, lo sfintere è spinto al di sopra del diaframma dalla parte di stomaco che fuoriesce dalla sua sede naturale Il diaframma, impedendo a quest’ultimo di esercitare la naturale pressione che consente di tenere ben chiusa la valvola quando necessario e impedire così la risalita dei succhi gastrici contenuti nello stomaco. Siamo così in presenza di un classico caso di sindrome da reflusso gastroesofageo. 

Cause dell’ernia iatale

Come anticipato, l’ernia è un disturbo fortemente associato al fisiologico progredire del tempo: lo stesso vale per l’ernia iatale. Alcuni studi hanno confermato come alla base dello sviluppo dell’ernia iatale possa esserci anche la ripetizione continua e costante dei movimenti muscolari che permettono la deglutizione, che determina un peggioramento nell’elasticità dei tessuti favorendo così la formazione dell’ernia. Proprio per questo motivo l’ernia iatale è molto comune tra la popolazione anziana: pare infatti che circa 9 persone su 10 ne soffrano dopo gli 80 anni di età, ma già dopo i 50 circa i un quarto della popolazione sembra abbia già sviluppato i primi segni di protrusione. 

Tra le persone a rischio, però, rientrano anche le donne in gravidanza e le persone con problemi di obesità, perché una forte compressione addominale è tra le cause secondarie di questo disturbo. Anche il fumo, uno stile di vita scorretto e una particolare sedentarietà possono portare all’insorgenza spontanea dell’ernia iatale, che può comparire anche dopo un forte trauma a livello addominale (incidente, caduta, percosse, ecc.) oppure dopo uno sforzo fisico particolarmente impegnativo.

Sintomi dell’ernia iatale

Di solito, piccole ernie iatali, nel lodo stadio iniziale, non comportano sintomi particolarmente importanti: spesso questi vengono ignorati del tutto finché la situazione non peggiora. Quando l’ernia diventa consistente, invece, la risalita del contenuto gastrico nell’esofago comporta bruciore, acidità, pesantezza, casi di rigurgito e dolore al petto; se non trattata l’ernia iatale, associata al reflusso gastroesofageo, può causare tosse e asma, difficoltà a respirare (o respiro pesante) e difficoltà nella deglutizione, accompagnati spesso da forti mal di gola. In casi simili è dunque importante segnalare la situazione al medico curante, che potrà prescrivere – in base ai casi – antiacidi, antidolorifici o farmaci adatti alla patologia, oppure nei quadri sintomatologici più gravi, consigliare un intervento chirurgico per ridurre l’ernia e ricollocarla nella sua sede naturale. 

Anche nei casi più lievi, però l’ernia iatale alla base della sindrome da reflusso gastroesofageo può causare spiacevoli conseguenze, come alitosi (cattivo odore dell’alito), salivazione abbondante e bava alla bocca, percezione di un cattivo sapore in gola e in bocca (tendente all’amaro) e alterazioni del timbro vocale, come raucedine e afonia. Non sono rari anche i casi di gonfiore addominale e di eruttazione frequente, nausea e difficoltà digestive. Ovviamente tutti questi sintomi tendono a peggiorare – così come tutti i disturbi legati al cattivo funzionamento dell’apparato digerente – nella posizione supina e ancora di più quando si sposta in basso la testa (quando, ad esempio, ci si abbassa per raccogliere qualcosa da terra).

Alcuni consigli

Come è facile immaginare, nei casi meno gravi i sintomi dell’ernia iatale si alleviano con semplici accorgimenti, migliorando il proprio stile di vita e di alimentazione in funzione del proprio benessere fisiologico. È bene, ad esempio, evitare pasti pesanti e ipercalorici, mangiare porzioni più piccole e spezzare la fame con spuntini e piccoli riempitivi. Una dieta appropriata sarebbe priva di alcol, caffè, cibi acidi, cioccolato e cibi piccanti, e in generale di tutto ciò che causa una cattiva digestione o che può irritare le pareti di stomaco ed esofago. Dopo i pasti bisognerebbe sempre evitare la posizione supina: meglio una piccola camminata digestiva. È importante, inoltre, smettere di fumare e iniziare a praticare attività fisica, frequente anche se lieve. 

Mediashopping perché può essere un buon affare

Dal negozio fisico al negozio virtuale, il passo diventa sempre più breve e immediato. Lo shopping rappresenta una componente essenziale della nostra vita a cui difficilmente si può rinunciare, a maggior ragione in una società così moderna come quella di oggi nella quale l’immagine e il modo in cui ci si pone, spesso e volentieri, hanno la meglio sull’essere.

Internet, da questo punto di vista, ha sconvolto ogni certezza, sia dalla parte del venditore che da quella del consumatore. Quest’ultimo si ritrova immerso in uno spazio sconfinato di scelte e valutazioni da ponderare e la sua libertà, in questo senso, è aumentata in maniera considerevole.

Una volta per accedere ad un bene o prodotto bisognava andare specificamente in quel negozio, adesso magari un determinato prodotto lo si trova su più piattaforme online e questo permette in qualche modo di diversificare la propria spesa.

Comprare sul web è diventata la prassi di turno, un’esigenza a cui non sappiamo resistere poiché è insita nella natura umana la voglia di avere sempre di più e di non accontentarsi in questo senso, fermo restando le differenze a livello individuale tra i vari soggetti. E tra i tanti negozi online Mediashopping è uno di quelli che va certamente per la maggiore, soprattutto tra determinate categorie di persone. Un portale specializzato nella vendita di prodotti di ogni genere.

I prodotti più venduti su Mediashopping

Idee originali al prezzo migliore. Uno slogan che si addice perfettamente alla natura di Mediashopping. Esso si connota come portale web nel quale trovare di tutto e di più. Originariamente nasce come canale televisivo sulle reti Mediaset italiane all’interno del quale sponsorizzare qualsiasi tipo di prodotto.

Su Mediashopping possiamo trovare le categorie più disparate: dalla cyclette a pance per addominali in tema di fitness e sport fino a pentole e scope in tema di cucina e articoli da casa. In evidenza anche oggetti di nicchia specializzati in determinati settori e compiti.

Ad esempio, vi troviamo in promozione i raffrescatori ad acqua e un pratico ferro da stiro gold. Molto utili possono risultare, inoltre, un tapis roulant scontato del 20%, oltre che microdepilatori, friggitrice ad aria, scopa ruotante, coperchi ermetici, etc. Insomma, vi si può trovare di tutto e di più a prezzi decisamente convenienti. Qui troverete qualunque cosa stiate cercando.

Le categorie più ricercate su Mediashopping afferiscono in particolare alla sfera della cucina, dell’arredamento e dell’accoppiata bellezza/salute. A dimostrazione che la cura e l’attenzione ai dettagli della casa, insieme alla cura della persona, si configurano come aspetti imprescindibili nell’uomo moderno. 

Certamente i riferimenti di genere di questo sito si orientano maggiormente verso una direzione femminile, considerando gli oggetti in esposizione. Sembra che le donne abbiano un’esigenza di acquisto più impellente rispetto agli uomini. 

Ma la verità è che entrambi non possono fare a meno di connotarsi in questo senso come consumatori incallito, alla ricerca costante di convenienza e risparmio. L’esigenza del compratore ideale su cui fanno leva questo tipo di negozi per vendere e mettersi allo stesso tempo al servizio del cliente. Mediashopping è un esempio emblematico da cui trarre spunto. 

Un vero e proprio affare sotto tutti i punti di vista, rappresentazione ideale del cambiamento del consumatore da reale a virtuale. Nel caso in cui cercaste una risposta in questo senso, eccovela trovata. 

Prima si andava dal commesso in maniera fisica e gli si domandava cosa si volesse comprare in quel preciso momento, adesso, invece, è tutto a portata di click. Basta premere un pulsante e vi si apre un mondo. Che lo si voglia o no, questa è la realtà di oggi e si andrà sempre più verso questa direzione.  

Mens sana in corpore sano: l’importanza dell’equilibrio tra corpo e mente

Sin dall’antichità il benessere del fisico e della mente sono andati di pari passo: per i Greci entrambi servivano a raggiungere la perfezione del corpo.

Per promuovere al meglio la propria salute, le persone devono acquisire il controllo diretto della propria condizione e saperla gestire: se prima si considerava lo stare bene semplicemente quando non vi era nessuna malattia, adesso si sa che influiscono in questo status diversi fattori che riguardano l’intera esistenza di un soggetto.

È fondamentale che regni l’armonia nei vari aspetti del proprio essere, così come nei rapporti sociali per poter stare in salute: ormai oggi tutti sanno che c’è una stretta connessione tra mente e corpo, sono due aspetti che si influenzano vicendevolmente.

Uno stile di vita sano, in cui è inclusa una regolare attività fisica e una dieta equilibrata, permetterà di prevenire diverse patologie, non solo a livello fisico ma anche mentale, così come lo stare bene con se stessi influenza di conseguenza la nostra salute corporea.  Se il fisico reprime stati negativi della mente, questi possono presentarsi sotto forma di disturbi che, se non presi in tempo, possono diventare vere e proprie malattie.  

Cosa significa l’espressione “mens sana in corpore sano”?

Questo modo di dire è stato coniato da Giovenale, poeta latino che nei suoi versi criticava gli uomini che chiedevano agli dèi ricchezza e fama, quando gli unici beni che valgono davvero le preghiere a loro rivolte sono un corpo e una mente sani.  Il senso di questa frase è quindi mutato nel corso del tempo: oggi indica infatti che il fisico e l’anima debbano svilupparsi insieme e che entrambi vadano esercitati per assicurare il benessere. Giovenale nelle sue opere prende infatti distanza dall’attività fisica, vista in ottica di addestramento militare secondo la concezione romana. Tuttavia, nonostante questo mutamento di concetto, è indubbio che avere un corpo sano possa prevenire alcune malattie della mente, così come dimostrato dalla scienza, ed è per questo che l’attuale significato di questa espressione è riconosciuto e accettato. 

Attività fisica e alimentazione sana: la combinazione perfetta

I due pilastri per mantenersi in salute e avere effetti benefici sul corpo e sulla mente sono l’attività fisica e l’alimentazione. È importante praticare sport a tutte le età: nel caso dei bambini favorisce la socializzazione e lo sviluppo fisico, ma anche quello mentale perché essere attivi in tante cose porta a diventare più bravi a scuola. Negli adulti fare attività sportiva porta i seguenti vantaggi: maggiore efficienza nel risolvere problemi e nel memorizzare le cose grazie al rinforzo che viene dato alle prestazioni mentali, e miglioramento della salute fisica di cuore e muscoli. Alcune malattie croniche come l’Alzheimer o il morbo di Parkinson possono essere prevenute negli anziani svolgendo un movimento o una ginnastica regolare, portando a ridurre i rischi anche di diabete e osteoporosi

Gli aspetti favorevoli sulla psiche di una persona sono invece la riduzione di sintomi depressivi con conseguente facilitazione nel gestire l’ansia e le situazioni stressanti in quanto ci si distrae a fare altro, ma soprattutto grazie alla liberazione delle endorfine (ormoni che ci aiutano ad affrontare lo stress, dando una sensazione di benessere generale); una migliore qualità del sonno e un aumento di autostima. Le malattie croniche come la depressione portano a un abbassamento di quest’ultima, inoltre migliorare l’immagine di sé tramite l’esercizio quotidiano permette di dare la carica per affrontare le difficoltà con più vitalità. 

L’altro aspetto che va a braccetto con l’attività fisica è, come già detto, l’alimentazione. Cibarsi nel modo sbagliato può influire sull’efficienza del sistema immunitario, sui disturbi dell’umore, sulla prontezza mentale e sulla salute del cuore. La dieta mediterranea è da sempre un punto di riferimento in questo senso: è importante assumere ogni giorno cereali, preferibilmente a chicchi interi da lessare per essere messi in insalate e zuppe, così come le proteine tramite carne bianca, pesce e uova. Per condire è preferibile puntare all’olio extravergine d’oliva, anche i latticini vanno consumati con parsimonia. Infine, andrebbero consumate almeno cinque porzioni di frutta e verdura al giorno e andrebbero bevuti almeno 8 bicchieri d’acqua, limitando l’alcool durante i pasti.

Le figure professionali che si occupano della nostra salute 

I passi avanti fatti dalla scienza hanno consentito la nascita di personale specializzato nel ricercare il perfetto equilibrio tra corpo e mente. Uno di questi è il dietologo, medico laureato in scienze dell’alimentazione che formula una dieta da seguire adatta alla specificità dei pazienti, sia in termini di costituzione fisica che patologica. Può anche fare diagnosi e prescrivere farmaci, è a conoscenza delle malattie associate ai tipi di alimentazione, in modo tale da sapere come muoversi nello stilare la lista di cibi che il paziente dovrà assumere. Prima di praticare sport, ci si reca in un centri medici specializzati per fare esami clinici ad hoc relativi al proprio stato fisico, utilizzando sistemi di diagnostica come quelli di Bracco, in modo tale da essere sicuri di svolgere l’attività in totale sicurezza e scongiurare la presenza di malattie cardiovascolari o altre problematiche.