A che età ci si può rivolgere al chirurgo estetico?

La chirurgia estetica ha compiuto passi da gigante e, proprio per questo, sta vivendo un momento di grande attrattività presso donne e uomini di tutte le età. Una delle domande più gettonate che vengono rivolte agli esperti del settore riguarda l’età in cui si può iniziare a far ricorso a questo genere d’interventi e trattamenti. 

Non esiste una risposta unica

La verità è che non esiste un’unica risposta perché tutto dipende dal paziente e dal problema che intende risolvere. La nostra società, ormai, è abbastanza matura per comprendere che la chirurgia estetica non è un capriccio da star ma un vero e proprio ramo medico che migliora la vita di migliaia di persone ogni anno. 

Avere un corpo che riusciamo ad accettare è alla base di un buon equilibrio fisico e psichico per cui non sta a noi giudicare cosa piace e cosa non piace. Dal momento che il gusto è personale vorremmo scendere un pochino più a fondo per analizzare i benefici che la chirurgia estetica può portare ad un soggetto che ne intende fare uso. Tuttavia, risulta fondamentale rivolgersi solo a professionisti del settore e quindi individuare un buon chirurgo estetico Roma, o in qualsiasi città si decida di effettuare l’intervento, e richiedere un consulto medico.

Tutto dipende dal paziente

Innanzitutto non esiste un’età specifica dopo o prima della quale si possa far ricordo al chirurgo estetico. Questa figura professionale è un dottore vero e proprio che, come tale, ha perseguito una laurea e, pertanto, conosce a fondo le dinamiche del corpo umano. Ci possono essere casi giovani e casi meno giovani proprio perché la chirurgia estetica non è solamente sinonimo di botox e ritocchini come si legge spesso sulle riviste rosa. 

Il professionista vero può fare la differenza

Certo è che la decisione ultima spetta sempre al medico chirurgo che non opera per il gusto di farlo ma solo previo colloquio conoscitivo. Nell’ambito di questo incontro lo specialista verifica la situazione ritenuta da modificare da parte del paziente e ascolta le sue ragioni, i suoi desideri e le sue aspettative. 

Successivamente lo specialista proporrà una serie di domande che riguardano il passato clinico del paziente per appurare eventuali intolleranze, allergie o patologie particolare. Infine questi proporrà un rimedio o un intervento oppure potrebbe anche rifiutarsi di eseguire un intervento

Il fine ultimo è la salute

Le ragioni sono molteplici e spaziano dalla non fattibilità delle richieste del cliente al rischio che un intervento possa compromettere la sua salute. Il motivo per cui è sempre raccomandato rivolgersi ad un chirurgo estetico professionale e qualificato riguarda proprio la salute umana che questi contribuiscono a preservare. 

La rimozione o l’attenuazione di taluni difetti estetici può creare disagi anche molto gravi presso i pazienti ma le soluzioni da mettere in atto, a prescindere dall’età, potrebbero essere molteplici. L’importante è risolvere una condizione di disagio patologica che sollevi il paziente dalle sensazioni negative o dolorose che prova. Tutto il resto è solamente gossip e non ha nulla a che fare con il reale intento della chirurgia plastica vera, fatta di studio, ricerca e continua formazione. 

Redazione Vailo

Vailo è un blog dove pubblicano articoli semplici appassionati della salute e del benessere ma anche professionisti riconosciuti: dietisti, nutrizionisti, personal trainer e wellnes coach. Per saperne di più clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *