Quale dieta devi scegliere 5 cose che devi (assolutamente) considerare

Quale dieta devi scegliere? 5 cose che devi (assolutamente) considerare

Ci sono tante di quelle diete da provare e che si trovano in rete che, sinceramente, è molto difficile scegliere quale iniziare.

Negli ultimi anni c’è stato anche un boom di libri sulla nutrizione, sulle diete dimagranti e su come educare le persone al cibo e all’alimentazione sana.

Allora come fare a scegliere quella che fa bene per voi?

Diete diverse funzionano su persone diverse

Se stai leggendo questo articolo è probabile che tu abbia iniziato un sacco di diete e che ancora non abbia trovato quella giusta.

E’ anche chiaro, poi, che moltissime persone iniziano una dieta perché hanno problemi di salute. E alcune persone hanno anche grandi intolleranze alimentari che devono tenere a bada mangiando determinati alimenti soltanto.

Poi ci sono anche quelli che fanno la dieta solo per perdere peso o per restare in forma, allora scelgono quelle diete drastiche in cui eliminano completamente i carboidrati o gli zuccheri o cose così.

Facciamo allora in modo che ci siano 5 cose da considerare per cercare di trovare la propria dieta ideale.

5 cose da tenere a mente

 Quale dieta devi scegliere 5 cose che devi (assolutamente) considerare: 5 cose da tenere a mente

1. Considera ciò che per te è valore

Cosa vuoi valorizzare? L’ambiente, il vegan, i cibi integrali, i cibi semplici non elaborati, i cibi crudi?
Questo è già un buon inizio.
Se vuoi diventare vegano o vegetariano togli di mezzo tutto ciò che è animale.
Se vuoi mangiare più cibi integrali togli di mezzo tutti i prodotti alimentari trasformati industrialmente.
Se invece avete un problema di salute fate in modo che la dieta si basi sui consigli del medico.

Riduci lo zucchero per ridurre la malattia, parti dall’idea che la dieta mediterranea a base di frutta e verdura sia la tua dieta.

La conclusione di questa parte dovrà essere quella per cui tu sceglierai cosa ti interessa per star meglio con te stesso e iniziare la dieta giusta.

2. Educa te stesso

Non basta scegliere e iniziare la dieta perché il tuo medico o il tuo amico hanno detto che devi farlo. Devi educare te stesso all’idea di cambiare in meglio per stare meglio.

Dobbiamo essere certi di quello che facciamo e non perché gli amici e i parenti si trovano bene anche tu devi per forza trovarti bene.

Non andare diritto verso il blogger di turno e non accettare pedissequamente i suoi consigli e la sua dieta senza esserne convinto. Si può anche pensare da prima di fare un po’ di prevenzione scoprendo quali siano i possibili alimenti a cui si può essere già allergici o con gli anni diventare intolleranti.

Questo sì che fa al caso tuo!

3. Si può fare?

Non si può controllare per sempre il conteggio delle calorie quotidiane o quanti macro-alimenti o grammi di grasso ingeriamo per tutta la vita.

Dobbiamo andare alla ricerca di una dieta che sia sostenibile nel lungo periodo, che si possa fare.

Non sprecate le energie su delle diete che è chiaro che non possano essere portate avanti per via dell’impegno che ci si mette nel farle.

Altra cosa da tenere in considerazione è se questa dieta costi tanto.
Attenzione a quello che fate, molte diete non funzionano e sono fatte apposta per spillarvi danaro.

4. Prova versioni differenti

Molte persone vogliono mangiare vegan o crudista o paleo.

Ma non per forza mangiare banane crude per un giorno intero è una cosa che fa bene a voi così come mangiare manzo per due giorni come al tempo dei cavernicoli.

Provate versioni differenti, cibi differenti, scegliete sempre il meglio per voi, non leggete la dieta e poi seguitela per filo e per segno ma cercate di capire cosa faccia bene a voi personalizzandola.

E’ questo il trucco per essere sempre al centro della propria vita senza vivere la dieta di un altro (cosa che effettivamente può essere molto frustrante).

5. Copri sempre i tuoi valori nutrizionali

Una delle cose più importanti da fare quando si inizia a fare una dieta è quella che serve a coprire i nostri valori nutrizionali sempre.

Ad esempio se stai facendo una dieta vegana o vegetariana è necessario prendere il ferro da qualche altra parte, che siano lenticchie o vitamina b12 o piselli o spinaci.

Se stai facendo una dieta Paleo devi prendere da qualche parte le fibre, così come in quelle con pochi carboidrati o grassi.

La vitamina D, non dimentichiamola, la vitamina D ci deve essere sempre, così come i probiotici che sono perfetti per bilanciare i nostri batteri intestinali.

 Quale dieta devi scegliere 5 cose che devi (assolutamente) considerare: 5 cose da tenere a mente

Conclusioni

Non bisogna mai avere paura di cambiare.

Cambiare la propria vita, ecco qual è l’obiettivo.

Ovviamente nel momento in cui decidiamo di seguire una dieta dobbiamo sempre pensare alle nostre esigenze.

Star bene con noi, non far star bene tutto il mondo, questo è irrealizzabile.

 

Dieta e ipotiroidismo

Dieta e ipotiroidismo

Non è di certo una condizione cronica così poco diffusa quella dell’ipotiroidismo e oggi voglio rendervi partecipi di una dieta o per lo più di qualche consiglio alimentare che renda il nostro rapporto con il cibo più semplice, più consapevole.

Guardiamo insieme.

Che cos’è l’ipotiroidismo?

Dieta e ipotiroidismo: che cos'è l'ipotiroidismo?

L’ipotiroidismo è una condizione cronica che porta chi ne soffre ad avere problemi di tiroide. La tiroide è la ghiandola che regola le funzioni del nostro organismo e avere una minore secrezione di ormoni tiroidei può modificare parecchie funzionalità del nostro corpo.

Soffrire di ipotiroidismo significa avere i sintomi più disparati: dall’avere freddo continuamente alla perdita di memoria, dall’ipercolesterolemia a un senso di stanchezza costante.

Le cause possono essere tante, basta fare un controllo ematico per togliervi il pensiero con questi sintomi così comuni.

Il cibo può essere un alleato per migliorare la condizione tiroidea e vivere meglio.

Combattere l’ipotiroidismo con il cibo

Dieta e ipotiroidismo: combattere l'ipotiroidismo con il cibo

Abbiamo bisogno di iodio per formare gli ormoni tiroidei e questo è possibile trovarlo negli alimenti, specialmente in quelli freschi, come le verdure, proteine come pollo e maiale e soprattutto pesce, alghe e sale iodato. Il sale iodato è un sale con aggiunta di iodio particolarmente indicato per chi soffre di tiroide.

Ottima concentrazione di iodio anche nei semi di lino, rape, ravanelli, miglio e tapioca, perfetti per accompagnare verdura o proteine da mangiare ogni giorno.

Lo iodio è importante perché una volta assorbito dall’intestino va nel sangue e viene subito assorbito dalla tiroide.

Si usa integrare, appunto, una dieta specifica con un apporto di iodio sotto forma di integratori o di pillole da prendere quotidianamente.

Avendo sempre in mente che con una patologia cronica alla tiroide è sempre bene avere un rapporto continuo con il nostro medico endocrinologo perché qualsiasi tipo di dieta vogliamo abbracciare per vivere meglio ha comunque bisogno dell’approvazione del medico.

In qualsiasi caso, comunque, una dieta varia ed equilibrata come la dieta mediterranea con aggiunta di frutta e verdura per un totale di 5 micro-pasti al giorno può essere la soluzione migliore per un problema così comune.

Conclusioni

Quasi il due per certo della popolazione soffre di ipotiroidismo ed è una condizione che non è invalidante ma è sicuramente subdola visto che i sintomi sono piuttosto comuni.

Mangiare bene dovrebbe essere, comunque, la vera considerazione da fare in qualsiasi momento della nostra vita per cercare di star bene in salute e di usare il cibo come parte della cura se c’è qualche problema di salute, invece.

Il cibo come cura è una soluzione che da millenni è considerata tale.

Dalla notte dei tempi o, sicuramente, nelle notti che avevano a che fare con le nostre nonne!

Il cibo come ristoro e come aiuto per stare meglio, sempre sotto consiglio medico.

Mangiare consapevolmente la guida da seguire

Mangiare consapevolmente: la guida da seguire

Mangiare consapevolmente è l’opposto di una dieta tradizionale ed è una filosofia che permette di comprendere in pieno cosa mangiamo  e come mangiamo.

Mangiare consapevolmente non impone linee guida su cosa o quando mangiare o cosa evitare.

Insegna a mangiare meglio e a essere una persona migliore.

Guardiamo le linee guida e i concetti principali.

Le basi

Mangiare consapevolmente è un modello di vita per essere migliore.

L’idea è che si dovrebbe mangiare quando si ha fame e riuscire a fermarsi in tempo quando si è sai.

Leggere tante e tante diete, tanti e tanti libri, può allontanare la nostra mente da quello che il nostro corpo davvero vuole.

Dobbiamo fare di nuovo affidamento sui nostri sensi e fare una distinzione: fame fisica e fame emotiva.

La fame fisica è quando sentiamo i brontolii del nostro stomaco vuoto.

Quella emotiva è legata al cibo come conforto, specie quando si è tristi o nervosi.

Le radici e la filosofia dei principi fondamentali

Mangiare consapevolmente la guida da seguire: le radici e la filosofia dei principi fondamentali

Il consumo consapevole, come termine è stato coniato nel 1995 dal titolo di un libro di Evelyn Tribole e Elyse Resch.

Il programma gioca sul percorso per diventare persone migliori e non su quello che si mangi.

1. Rifiuta la mentalità da dieta

La mentalità da dieta è quella per cui ci sarà sempre una dieta giusta per voi. Bisogna cambiare la testa, non la dieta.

2. Onora la tua fame

La fame non è un nemico da combattere ma bisogna assecondare la propria fame proprio per non arrivare troppo affamati e mangiare poi ancora di più.

3. Fai la pace con gli alimenti

Facciamo una tregua nella guerra con il cibo. Togliamoci dalla testa tutta l’idea di cosa mangiare e di scegliere gli alimenti, lasciamoci guidare dalla nostra pancia.

4. Sfida i censori alimentari

Il cibo non è buono o cattivo e non si è noi cattivi o buoni per quello che mangiamo.

5. Rispetta la tua sazietà

Proprio come il corpo ti dice quando hai fame così il corpo ti dice benissimo quando sei sazio. Sii attento a tutto i segnali.

6. Scopri il fattore di soddisfazione

Fai la tua esperienza soddisfacente con il cibo. Se avrai una piacevole esperienza può anche essere che desideriate mangiare meglio e meno.

7. Vivi i tuoi sentimenti senza confonderli con il cibo

Mangiare emotivamente è una difesa che ci creiamo per far fronte a dei sentimenti.

Trova altri modi che non sono legati al cibo per affrontare i tuoi sentimenti: fai una passeggiata, medita, leggi un giornale, chiama un amico.

8. Rispetta il tuo corpo

Invece di criticare sempre il tuo corpo cerca di vederlo bello per quello che è.

9. Fai esercizio

Trova il modo di fare esercizio che più ti piace. Trova il modo migliore per sentire il tuo corpo pieno di energia.

10. Rendi merito alla tua salute

Il cibo che si mangia dovrebbe avere un gusto sano ed essere sano.

Uno spuntino sbagliato, però, non vi rovina la vita.

Mangiare consapevolmente la guida da seguire: le radici e la filosofia dei principi fondamentali

I vantaggi

La ricerca sul tema del mangiare consapevole è ancora in itinere e di solito ha a che fare con le donne.

L’atteggiamento psicologico più sano nei confronti del cibo di solito si accompagna a un più basso indice di massa corporea e al mantenimento del peso, se non proprio una perdita di peso.

Sicuramente mangiare consapevole aiuta la mente.

Si migliorano autostima, immagine del corpo e qualità complessiva della vita e si hanno meno disturbi alimentari.

Come iniziare

Se pensi che questa pratica del mangiare consapevole faccia al caso tuo inizia a prendere appunti sui propri comportamenti alimenti e atteggiamenti riguarda al cibo. Quando mangi inizia a pensare se stai mangiando per fame e per qualche emozione che non riesci a tirare fuori.

Se si tratta di fame fisica, cerca di classificare la fame e la sazietà su un livello che va da 1 a 10.

Da molto affamato a pieno.

Se sei pieno o quasi pieno è inutile mangiare ancora senza senso.

E poi c’è la fame emotiva.

Distraiti, fai qualcos’altro.

Impegnati in qualcos’altro.

Conclusioni

Questa non è una dieta, è un anti-dieta. E’ solo un consiglio su come vivere la vita in maniera consapevole e in salute ponendo l’attenzione sul responsabilizzarsi.

E non c’è nessuno sforzo, solo tanto amore per se stessi.

Come superare lo stallo nella perdita del peso

Se state cercando di perdere peso rapidamente ma vi trovate poi in una fase di stallo in cui non riuscite a perdere peso non fatevi troppi pensieri.

E’ normale che nel momento in cui si è a dieta da un po’ di tempo non ci sia più la stessa perdita di peso, anzi che si rallenti o che, addirittura, ci si fermi e non si riesca a perdere peso.

Vediamo come fare per migliorare o per risolvere il problema.

Lo stallo nella perdita di peso

Come superare lo stallo nella perdita del peso: lo stallo nella perdita di peso

Come vi dicevo è una cosa piuttosto normale perdere peso, soprattutto dopo un po’ di tempo passato dall’inizio della dieta.

La situazione, di solito, parte con una perdita di tempo notevole, nelle prime settimane, e poi con uno stallo o una diminuzione evidente della perdita anche continuando con minori calorie e con l’attività fisica.

Il metabolismo, accelerato dalla dieta, all’inizio perde parecchio grasso grazie anche al glicogeno che è un polimero che si trova nel grasso e che, diminuendo, permette di perdere parecchia acqua inizialmente.  Questo effetto, però,  è temporaneo e nella fase di stallo il metabolismo rallenta e bisogna dare una sferzata alla dieta e all’attività fisica aumentando di nuovo il metabolismo.

Come superare lo stallo

Come superare lo stallo nella perdita del peso: come superare lo stallo

Quando siete nella fase di stallo dovete chiedervi se questo stallo vi sta bene, nel senso che avete raggiunto il peso stabilito o avete voglia di perdere un altro po’ di peso.

Se doveste decidere di perdere il peso allora vi do qualche consiglio.

Rivalutate le vostre abitudini. Cerca di ricordare quello che mangi, cerca di ricordare le porzioni e prova a mangiare un po’ di meno, a orari stabiliti, così come stabilmente dovresti pensare di fare attività fisica. Preparati un programma da rispettare.

Tagliate più calorie. Se già siete in un regime ipocalorico ricordatevi di abbassare di 200 calorie al giorno un regime da 1200 calorie. Arrivati a 1000 calorie il nostro corpo continuerà a perdere, qualunque lasso di tempo passi.

Rivedete il vostro allenamento. Aumentare il tempo degli esercizi e anche la qualità degli esercizi per dimagrire maggiormente.

Fare più cose all’aperto durante la giornata. Pensate a fare attività fisica al di là della palestra. Provate ad andare a piedi a lavoro o a fare lunghe passeggiate nel parco.

Conclusioni

Se i vostri sforzi non serviranno a migliorare lo stallo della vostra dieta provate a chiacchierare con il vostro medico di famiglia o con un dietista per capire quale strategia usare.

Anche perché se già stai facendo una dieta buona e stai anche allenandoti con costanza questa è già una vittoria per la tua salute.

Nel momento in cui si fa qualcosa per migliorare la propria persona dal sovrappeso questo già aiuta il nostro corpo a vivere meglio, senza i problemi del sovrappeso.

Qualunque cosa accada non ti arrendere e non tornare alla cattive abitudini di prima.

Questo può portarti a pesare di nuovo come prima, appunto.

E invece bisogna solo essere soddisfatti del successo ottenuto anche solo con il miglioramento delle proprie abitudini.

10 frullati per una dieta detox che ti faranno ripartire alla grande

10 frullati per una dieta detox che ti faranno ripartire alla grande

Non c’è nulla di meglio che pensare al nostro corpo.

E pensarci tutti  i giorni con una serie di frullati detox per una bella dieta disintossicante.

Il nostro corpo ha bisogno di nutrirsi con degli ingredienti sani e non sempre abbiamo tutto il tempo per prepararci del buon cibo e per ingerire tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno.

Il frullato è un modo molto semplice e veloce per dare al nostro corpo gli alimenti di cui ha bisogno per purificarsi.

Vediamo insieme 10 ricette semplici per dei frullati top.

10 ricette per frullati detox

10 frullati per una dieta detox che ti faranno ripartire alla grande: 10 ricette per frullati detox

 

1. Ai frutti rossi

Grande potere antiossidante dei frutti rossi in questo frullato che ti risveglia il metabolismo e combatte i radicali liberi.

Ingredienti:

  • 150 grammi di lamponi congelati non zuccherati
  • 120 grammi di latte di mandorle o latte di riso
  • 50 grammi di ciliegie
  • mezzo cucchiaino di miele
  • 2 cucchiaini di zenzero fresco grattugiato finemente
  • 1 cucchiaino di semi di lino macinati
  • 1-2 cucchiaini di succo di limone fresco

2. Il super verde

Il sedano e prezzemolo che contribuiscono al colore brillante del frullato sono super diuretici. Il cavolo e il mango aiutano il nostro corpo a purificarsi.

Ingredienti:

  • 50 grammi di foglie di cavolo
  • 80 grammi di cubetti di mango
  • 2 coste di sedano
  • 200 grammi di succo di arancia
  • 40 grammi di prezzemolo
  • 40 grammi di menta

3. Al cocco

Ingredienti:

  • 1 avocado
  • 1 banana
  • 80 grammi di mirtilli
  • 1 cetriolo
  • Un pugno di insalata romana
  • acqua di cocco
  • Stevia, a piacere, e / o una spolverata di cannella o un po’ di cacao

4. Mediterraneo

Ingredienti:

  • 6 carote
  • 3 grossi pomodori
  • 2 peperoni rossi
  • 4 spicchi d’aglio
  • 4 gambi di sedano
  • 120 grammi di crescione
  • 120 grammi di spinaci
  • 1 jalapeño rosso se si vuole il piccante

5. Proteico

Ingredienti:

  • ½ pera
  • ¼ di avocado
  • 120 grammi di spinaci confezionati
  • 60 grammi di acqua di cocco
  • 120 grammi di latte di mandorle
  • 1 cucchiaino di semi di chia
  • 1 misurino di proteine in polvere
  • acqua pura

6. Alla spirulina

L’alga spirulina è un ottimo integratore naturale.

Ingredienti:

  • ½ banana
  • 80 grammi di mirtilli
  • ¼ di avocado
  • 80 grammi di latte di mandorle
  • 1 cucchiaino di spirulina
  • 1 misurino di proteine in polvere di vaniglia

acqua pura a diluire il tutto.

7. Semplice

Il miglior detox in assoluto, il più semplice.

Ingredienti:

  • 120 grammi di acqua
  • 90 grammi di mirtilli biologici
  • 1 limone biologico (intero)

8. Zenzero e mirtilli

Ingredienti:

  • 200 grammi di latte di mandorle
  • 90 grammi di mirtilli
  • 1 banana congelata
  • 3 cucchiai di succo di zenzero

9. Per avere reni sani

Questo frullato serve a potenziare i reni.

Ingredienti:

  • 80 grammi mirtilli rossi
  • 1 gambo di sedano grande
  • 1 cetriolo
  • 1 mela
  • 1 pera
  • 1 manciata di spinaci

10. Per una pancia piatta

Ultimo in ordine di apparizione ma non ultimo come utilità il frullato che serve per dimagrire la pancia e i fianchi.

Ingredienti:

  • 1 barbabietola rossa
  • 3 carote
  • 1 ravanello
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 manciata di prezzemolo

10 frullati per una dieta detox che ti faranno ripartire alla grande: 10 ricette per frullati detox

Conclusioni

Per un buon rapporto con il nostro corpo, per una dieta detox ecco 10 frullati creati apposta per voi. Non più di 10 minuti di preparazione per un’esplosione di nutrienti e di ingredienti freschi tutti da gustare.

 

23 insalate che anche i nutrizionisti mangiano

23 insalate che anche i nutrizionisti mangiano

Le insalate sono una mano santa per la dieta, soprattutto in un’estate torrida come questa.

Attenzione sempre a cosa ci mettiamo all’interno.

Se condiamo la nostra insalata con pancetta, maionese e formaggio grasso di certo non farà bene alla nostra salute.

Vediamo 23 insalate che piacciono molto anche ai nutrizionisti.

Le 23 insalate

23 insalate che anche i nutrizionisti mangiano: le 23 insalate

1. Insalata di quinoa rossa con avocado

Sia la quinoa che l’avocado sono due vecchie conoscenze.

Mischiare quinoa e avocado porta al nostro corpo grassi buoni, di cui l’avocado è ricco, e proteine vegetali con tante fibre che fanno bene al nostro organismo.

Tutta da gustare.

2. Mais, granchio e pomodori

L’insalata estiva più famosa in tutta New York City.

La croccantezza del granchio con un cereale sano come il mais e tanto licopene dei nostri pomodori, anti-tumorali e contro i radicali liberi.

3. Insalata di barbabietole rosse

Ricca di vitamine, può essere usata anche come dessert. Con ingredienti come noci, mirtilli rossi, semi di melograno, e barbabietole, questa insalata dolce offre una buona dose di acidi grassi omega-3, vitamina C e ferro. Inoltre aiuta anche ad avere una pelle perfetta.

4. Lenticchie e barbabietola gialla

Se il vostro organismo potesse mangiare solo 10 alimenti le lenticchie dovrebbero essere uno di questi. Le lenticchie sono ricche di ferro, il 55% del fabbisogno arriva da loro, poi sono piene di vitamine e di minerali. La barbabietola gialla è una variante della barbabietola, molto più dolce.

5. Insalata di cavoli crudi

Non c’è bisogno di parlare tanto del cavolo: in una porzione ci sono 8 grammi di proteine e una caterva di vitamina A. Provate a tagliarli crudi e a condirli con olio e sale, una delizia.

6. Insalata fajita

La fajita è una tortilla messicana di grano intero che si riempie di lattuga, radicchio, tocchetti di pollo e un po’ di riso.

Buono, sano, ricco di proteine.

7. Insalata di cavolfiori con pesto di cavoli

Il pesto di cavolo tritato si condisce come quello di basilico con olio, sale, pinoli e parmigiano. Con questo si condisce un’insalata buonissima di cavolfiori crudi.

8. Insalata di quinoa e verdure grigliate

La quinoa è sempre la quinoa e accompagna, come pane, delle ottime verdure grigliate piene di vitamine e fibre.

9. Insalata di grano intero con vinagrette di agrumi

Questa insalata è di accompagnamento a pesce o carne arrosto. Si può pensare di mangiare questo couscous di grano condito con un’emulsione di agrumi anche da solo ma meglio con qualche proteina in più.

10. Insalata fiesta

Un po’ messicana l’idea con fagioli neri, pomodori, cetrioli, peperoni verdi. I fagioli neri sono legumi e ricchi di amido, mantengono il senso di sazietà parecchio a lungo.

11. Insalata di barbabietola e agrumi

Questa barbabietola rossa è condita solo con una emulsione di limone e arancia che rende acidità e dolcezza a questo piatto, riempiendolo di vitamina C.

12. Insalata di lattuga e fragole

Le fragole sono potentissimi anti-ossidanti. E da accompagnare alla lattuga condendole con olio, sale e limone sono una bella sorpresa.

13. Insalata greca

Un bel mix di pomodori, basilico, olive nere, e 200 grammi di formaggio greco fresco, la feta. Una splendida cena, leggera e super nutriente.

14. Insalata di pere e asiago

Le pere sono un frutto ricco di fibre e come dice il vecchio adagio: non far scoprire al contadino quant’è buono il cacio con le pere. Ma l’abbiamo già scoperto. Il cacio in questione sono 150 grammi di asiago, molto saporito.

15. Insalata di spinaci e fragole

Una bellissima insalata di spinaci freschi e fragole da emulsionare con un po’ di olio e un tocco di champagne se vogliamo creare un piatto super chic.

16. Insalata di avocado alla messicana

Una bella insalata spiritosa con avocado fresco, pomodorini pachino, origano e lattuga a pezzetti.

17. Insalata di pollo con fragole e olio di sesamo

Sentori di oriente per questa insalata di pollo condita con olio di sesamo, su letto di lattuga con pezzetti di fragola.

Un perfetto mix di proteine e di anti-ossidanti.

18. Insalata di quinoa e ciliegie

Le ciliegie sono dei potentissimi anti-infiammatori e sono ricche di vitamina C. Insieme alla quinoa accompagnano alla grande la carne di maiale.

19. Insalata di lattuga

Non c’è nulla di meglio da mangiare di un bel piatto di lattuga che accompagni un buon secondo proteico, sia l’uovo che la carne che i latticini.

20. Insalata di couscous

Il couscous è un elemento molto versatile, va usato come accompagnamento o come piatto unico. Si può mangiare con carne o pesce, in brodo, con alimenti freschi come pomodorini e basilico.

21. Insalata thailandese con carne e cavolo viola

Il cavolo viola è una bella scoperta, anti-ossidante e anti-infiammatorio. Perfetto per condire una bella fetta di carne di vitello arrosto.

22. Caprese

La più semplice e la mia preferita: mozzarella di bufala tagliata a fette che accompagna fette di pomodoro sorrentino condito con olio, sale, origano e basilico.

23. Gamberetti e frutta

I gamberi sono perfetti da mangiare accompagnati da fette di arancia e di fragole.

Un bel modo di condirli, davvero.

23 insalate che anche i nutrizionisti mangiano: le 23 insalate

Conclusioni

23 piccole idee, 23 insalate tutte da mangiare, tutte da gustare. Restando in linea e mangiando cose sane.

Provatele tutte e ditemi cosa ne pensate.

La Garcinia Cambogia funziona Opinioni, recensioni ed effetti collaterali

5 proprietà dalla garcinia cambogia (il quarto è sorprendente)

La controversa garcinia cambogia è sempre molto interessante da scoprire. 

Come abbiamo già cercato di fare nel nostro precedente articolo  la garcinia può essere considerata la più innovativa scoperta degli ultimi anni nel campo dei brucia grassi.

Dal punto di vista scientifico abbiamo, però, delle proprietà e e dei benefici assolutamente rilevati e degli effetti collaterali per cui stare attenti (ma di questo abbiamo già parlato).

Oggi vogliamo concentrarci sulle proprietà benefiche, che elencherò.

Le proprietà benefiche della garcinia cambogia

5 proprietà dalla garcinia cambogia (il quarto è sorprendente): le proprietà benefiche della garcinia cambogia

La garcinia cambogia è il frutto di un albero tropicale che si trova in tutto il sud-est asiatico, in particolare in Indonesia (ottieni un flacone gratis cliccando qui).

Nella medicina ayurvedica è usata da millenni per curare ogni problema di stomaco.

Da qualche anno i media mondiali si sono accorti delle tante proprietà del frutto e lo hanno considerato una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda i metodi naturali brucia-grassi.

Dalla grande notorietà ottenuta sono anche usciti fuori una serie di problemini legati all’effetto sconsiderato e prolungato del frutto ma in generale fa molto bene.

Vediamo a cosa.

1. Blocca i grassi

L’acido idrossicitrico (HCA), che è un sottoprodotto acido citrico, è il principale ingrediente attivo estratto di Garcinia cambogia. L’acido blocca alcuni passaggi del processo metabolico e quindi rallenta la conversione di carboidrati in grassi.

2. Rende sazi

Un secondo aspetto importante dell’acido idrossicitrico è la sua capacità di sopprimere l’appetito. Aumentando i livelli di serotonina fa in modo di riuscire a perdere peso e inibisce la voglia di zuccheri e di conseguenza l’appetito.

Aumentare i livelli di serotonina aiuta anche molto a migliorare l’umore e svanendo l’ansia non si pensa più al cibo come a un meccanismo di compensazione.

Utile quindi la garcinia anche per chi si avvicina al cibo per problemi emotivi.

3. Aumenta il metabolismo

Uno dei maggiori vantaggi della garcinia cambogia è la possibilità di creare un metabolismo più efficiente.

Il processo metabolico, infatti, è in realtà una sequenza di reazioni chimiche che mantengono il corpo in un costante stato di squilibrio.

L’acido idrossicitrico aiuta a bilanciare queste reazioni e rendere il processo più equilibrato e quindi, appunto, più efficiente.

garcinia-cambogia-gratuito

Il risultato più evidente di questa efficienza è che il corpo usa più energia di quanto ne prende dalle calorie quotidiane e questo fa sì che si tocchino i depositi di grasso e non si intacchi solo quello che mangiamo ogni giorno.

E così si riesce a dimagrire facile.

4. Abbassa il colesterolo nel sangue

Questo sì che è interessante e sorprendente.

Con l’acido idrossicitrico diminuisce la presenza di lipidi nel sangue e quindi si abbassa la produzione di colesterolo cattivo e aumenta la produzione di colesterolo buono.

5. Migliora il sistema immunitario

La grande concentrazione di vitamina C nel frutto permette di combattere, in maniera molto efficace, le infezioni.

Conclusioni

Per quanto si possa considerare un frutto controverso la garcinia cambogia ha un sacco di proprietà e di benefici evidenti (se non sai dove comprarla, clicca qui).

Quindi non abbiate dubbi almeno nel prenderlo in considerazione come integratore in una dieta equilibrata.

 

Garcinia cambogia per dimagrire, ecco perché funziona

Garcinia cambogia per dimagrire, ecco perché funziona

La garcinia cambogia, negli ultimi anni, è diventato un prodotto rivoluzionario per chi ha voglia di dimagrire, efficace come pochi.

La garcinia, di cui abbiamo visto opinioni, recensioni ed effetti collaterali, è un frutto, acido e saporito da maturo, che nel sud-est asiatico, Cambogia non è a caso appunto, ed è da centinaia di anni usata nella medicina orientale come rimedio a grandi e piccoli infiammazioni.

L‘acido idrossicitrico di cui è ricca è, infatti, un rimedio naturale perfetto per combattere la fame, per migliorare l’umore.

Ma vediamo perché e come.

La garcinia cambogia come alleata

Garcinia cambogia per dimagrire, ecco perché funziona: la garcinia cambogia come alleata

In Indonesia ci sono molti ettari di terreno coltivati a garcinia, un frutto succoso che cresce sugli alberi e che assomiglia a un peperone giallo.

I nutrienti di cui è ricca la pongono come numero uno dei rimedi naturali bruciagrassi.

La garcinia combatte la fame aumentando da subito il livello di sazietà, aiuta a bruciare i grassi modificando e accelerando il metabolismo, combatte il colesterolo cattivo e aiuta a mantenere una certa calma.

Proprio quest’ultimo punto è parecchio interessante perché moltissime persone soffrono di fame nervosa.

garcinia-cambogia-gratuito

Parliamo noi donne ogni mese di come i nostri ormoni ci cambino umore e abitudini alimentari in prossimità del ciclo e ci sentiamo più propense a mangiare.

O vogliamo parlare dei film americani e di quella grande verità per cui quando si è depressi ci si lancia sulla vaschetta di gelato finendola tutta?

Ecco, la garcinia aiuta a mantenere un equilibrio anche nell’umore.

Usato come integratore può integrare, appunto, una dieta già equilibrata.

Non facciamo i soliti, la garcinia è efficace ma questo non significa che si possa continuare a mangiare tanto, senza un po’ di esercizio fisico.

Ci vuol passione e una certa convinzione nell’iniziare una dieta, non si può pensare di perdere peso soltanto integrando pillole di garcina cambogia.

Bisogna sempre informarsi bene e controllare se si possa prendere grandi quantità di garcinia. E’ sconsigliata, infatti, in gravidanza e a chi soffre di diabete.

Garcinia cambogia per dimagrire, ecco perché funziona: la garcinia cambogia come alleata

Conclusioni

Con le dovute precauzioni legate alla salute di ognuno e soprattutto legate alle esigenze di dieta di ognuno la garcinia cambogia aiuta nel dimagrimento e nel bruciare i grassi, creando la base ideale per una dieta che funzioni.

INFO: Garcinia Cambogia dove comprarla

Quindi non indugiate a prendere informazioni sul frutto perché vi darà una grossa mano sia dal punto di vista fisico che mentale, essendo un inibitore di grassi e aumentando la produzione di serotonina, l’ormone del benessere.

Non abbiate timore di scoprire e provare cose nuove, c’è del bello nell’essere attenti alle novità, si possono imparare molte cose per stare meglio, per vivere meglio, per sentirsi più sani.