Linee guida per una sana alimentazione nel 2018

Avete qualche problema di peso all’inizio di questo 2018?

Bene è pensare a delle linee guida per una sana alimentazione in questo anno, con grande attenzione a imparare sempre di più sugli alimenti e sugli abbinamenti, che a volte è proprio quello che ci frega di più.

L’alimentazione sana non è un’utopia, specie e soprattutto se non torniamo a casa per pranzo e ci sentiamo quasi in dovere di mangiare quello che ci capita (perché non avremmo tempo di cucinare una cosa che ci faccia bene).

Sbagliatissimo.

Ognuno di noi dovrebbe avere cura di sé, ognuno dovrebbe sapere cosa mangiare e quando e quanto mangiare senza abbuffarsi di cose di cui potrebbe fare a meno anche e solo per ignoranza nei confronti del cibo.

Vediamo insieme quale possa essere un’alimentazione giusta per noi e che possa far bene a noi e ai nostri bambini, insomma una sorta di vademecum di cibi sani che male non fanno, per nulla.

Alimentazione sana: cosa mangiare

L’alimentazione non è una cosa da prendere sottogamba, ma, soprattutto, è nutrimento per il nostro corpo e per la nostra mente. E proprio questa è la ragione per cui è importante imparare cosa mangiare e quanto e quando mangiare durante una stessa giornata.

Innanzitutto partiamo dalla colazione (e non mi dite che non potete farla perché non avete tempo. Sacrificate dieci minuti di sonno per mangiare qualcosa) ed è il pasto più importante della giornata.

Potete scegliere tra una serie di alimenti da mangiare, quindi mi raccomando di pensarci bene e di variare la colazione più volte durante la settimana:

  • 200 grammi di latte scremato (anche non vaccino ma di soia, di riso, di kefir)
  • uno yogurt magro
  • 2 frutti a piacere (no a banana, no a cachi, no a fichi, no uva)
  • un pezzo di crostata di frutta
  • una brioche
  • un cornetto

A metà mattina passiamo allo spuntino:

  • uno yogurt magro
  • un frutto
  • 50 grammi di formaggio come il parmigiano o il grana
  • 40 grammi di frutta secca (anche mista)

Per il pranzo possiamo scegliere tra primi e secondi (per un’insalata non ci vuole un’ora e al lavoro possiamo portarci un panino di circa 70 grammi con tonno senza olio, 100 grammi di prosciutto, mozzarella e pomodoro, lattuga e ricotta. I latticini sempre circa 200 grammi.):

  • 80 grammi di pasta (integrale sarebbe meglio) con:

– Zucchine cotte in padella con un cucchiaino d’olio evo

-Pomodoro fresco o pelato sempre condito con un cucchiaino d’olio

– Broccoli o bietole

– fagioli o lenticchie, piselli o ceci (meno di 50 grammi per piatto)

  • lattuga, carote e finocchi con petto di pollo o tacchino o una costina di maiale alla piastra
  • pomodori cotti al forno con circa 200 grammi di tonno
  • merluzzo, sogliola, salmone, pesce spada, orata, spigola cotta al forno o alla piastra e accompagnata da verdura cruda o cotta
  • melanzane, patate lesse, zucchine e peperoni cotti sulla griglia e conditi con olio e sale
  • se siete vegani o vegetariani tofu e seitan al posto della carne e del pesce con qualche contorno di verdura cruda o cotta
  • zuppa di verdure di stagione
  • vellutata con la zucca
  • vellutata di piselli
  • vellutata di funghi

Tutti i secondi, in questa alimentazione sana e dissociata, possono essere accompagnati da circa 70 grammi di pane, possibilmente integrale.

Durante il pomeriggio è sempre meglio sgranocchiare qualcosa:

  • yogurt magro
  • un frutto
  • frutta secca
  • un pezzetto di formaggio
  • un po’ di crostata di frutta

Per la cena vale il discorso del pranzo cercando di non esagerare con le porzioni e privilegiando le proteine al posto dei carboidrati.

Vi consiglio, infatti, di mangiare possibilmente i secondi o le zuppe di sera che mantengono il nostro corpo più sazio e meno gonfio di quando si mangia la pasta.

Vi sembra davvero così impensabile far sì che questo tipo di alimentazione sana entri nella vostra vita? Non credo, anzi, sarà forse un piacere prendersi cura di sé e degli altri dopo anni di alimentazione precaria e da fast food.

Basta ai panini confezionati, i prodotti surgelati, quelli industriali, quelli raffinati chimicamente che non fanno solo ingrassare ma ci fanno stare male, con gli organi affaticati o troppo inquinati da prodotti scadenti o troppo grassi.

E, soprattutto, non condite questi cibi in maniera esagerata, non mangiate troppo condito, non serve a nulla se non ad ingrassare.

Non bevete bibite zuccherate o gassate. I succhi di frutta non sono affatto giusti per la nostra salute, sono prodotti molto zuccherati e molto industriali, quindi anche i succhi fanno male.

Così come le gazzose e affini che di solito usate per accompagnare i pasti.

O le bevande alcoliche, che non possono di certo far parte di una dieta sana. Non dico che uno debba diventare astemio tutto di un botto ma è bene bere un bicchiere di birra a settimana o un calice di vino ogni tanto. No ai super alcolici che fanno malissimo, sì alla trasgressione ogni tanto se ci fa essere più felici.

Non dobbiamo diventare dei robot, la frustrazione renderebbe ogni sforzo parecchio difficile, quindi ogni tanto concedetevi un dolce o un bel calice di vino rosso ma poi il giorno dopo pensate bene a depurarvi mangiando un po’ di meno, cercando di essere ancora più attenti a quello che vogliamo e all’aver imparato a mangiare sano, che è il primo vero obiettivo di questo articolo.

Alimentazione sana nel 2018 è possibile?

Questo è certamente possibile, grazie anche a tutte le pubblicazioni che aiutano le persone che meno sanno a imparare ad essere più informati sul cibo e su come combinare il cibo in una giornata, in una settimana, in un mese, in un anno.

Non bisogna rinunciare a mangiare, non è quello il punto che aiuta una persona a diventare molto più consapevole del proprio corpo, per migliorare il proprio corpo e anche il proprio sistema nervoso, la propria concentrazione, eliminare un po’ di stanchezza per un po’ di energia.

Questo è quello che il cibo fa al nostro corpo, vera e propria benzina che ci fa vivere alla grande.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *