piano-alimentare-per-un-mese
12 Jun
2017

Il piano per dimagrire in un mese

Il piano per dimagrire in un mese

Dopo aver visto 33 buoni motivi per dimagrire oggi vedremo qual è il piano migliore per dimagrire in un mese.

Ci sono diversi piani per dimagrire, tra quelli che vanno di moda e quelli che più recensioni positive hanno avuto sul web. Io mi sono fidata di questo piano per dimagrire in un mese che parla di allenare il supermetabolismo e che sostiene di poter far perdere in un mese all’incirca 10 chili (che non è certo poco!).

Il piano per dimagrire di cui vi parlerò dura esattamente un mese e si basa su dei cicli di due o tre giorni, settimanali, che prevedono cibo diverso e un’attività fisica diversa.

Una sorta di shock metabolico che dovrebbe portare il nostro corpo a un surplus di dimagrimento, quindi vediamo bene insieme come si possa strutturare un piano per dimagrire che abbia senso per noi.

La struttura del piano per dimagrire in un mese

La struttura del piano per dimagrire in un mese si suddivide così:

  • mangiare 5 volte al giorno, ogni 3 o 4 ore senza mai saltare un pasto
  • consumare la colazione presto, entro mezz’ora dal vostro risveglio
  • bere parecchio, circa 30 cl ogni chilo di peso (se pesate 50 chili sono un litro e mezzo, se ne pesate 75 sono due litri, 100 chili sono due litri e mezzo)
  • davvero meglio scegliere alimenti bio
  • fare attività fisica 3 volte a settimana
  • ripetere la struttura della dieta con le tre fasi con rispetto

La prima fase

La prima fase del piano per dimagrire per un mese va eseguita nelle giornate del lunedì e del martedì e prevede frutta e verdura, proteine e cereali.

La colazione deve essere fatta con cereali e frutta, due spuntini con la frutta, un pranzo e una cena con i cereali e poi una porzione di proteine e verdure a volontà.

La seconda fase

La seconda fase, che va dal mercoledì al giovedì, invece predilige proteine e verdure da cucinare lesse o grigliate, di certo non fritte. Colazione  e spuntini devono essere di omelette (solo di albumi) e verdure a pranzo e a cena con proteine magre.

La terza fase

La terza fase, che va dal venerdì e prosegue nel weekend, prevede il reintegro dei grassi sani e proteine, frutta e verdura con cereali integrali. A colazione e durante gli spuntini meglio la frutta, poi a pranzo e a cena cereali integrali, appunto, e proteine magre.

La cosa fondamentale, da accompagnare a questo tipo di piano alimentare, è quella di lasciar perdere la vita sedentaria di prima e continuare, invece, a migliorare la propria vita con dell’ottima attività fisica. L’attività può essere decisa in base a quello che è il nostro grado di forma, dalla semplice passeggiata alla palestra, all’arrampicata, alla partita di calcetto, insomma come meglio preferite, basta che vi muoviate.

Per quanto riguarda il mantenimento, che è anche definita fase quattro, cioè quella definitiva, duratura, dovrete pensare di reintegrare alcuni grassi, alcuni alimenti proibiti come la pasta, il pane e i latticini nella dieta. E poi dovrete sempre gestirvi, in maniera chiaramente meno restrittiva, alle tre fasi del piano alimentare, così da avere sempre un’alimentazione varia e una vita attiva.

Conclusioni

Il piano per dimagrire in un mese non è certo sempre un piano alimentare con cui essere sicuri di fare dei miglioramenti e dei progressi che abbiano a che fare con il nostro fisico e con la nostra mente. Perché ogni cambiamento non deve pretendere di mostrare solo un corpo migliore ma deve migliorarci completamente come persone, questo è il nostro obiettivo.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nota Bene

Vailo.it non fornisce alcuna consulenza medica o diagnosi. Nè suggerisce alcun tipo di trattamento specifico. Per questo genere di esigenze contattate il vostro specialista di fiducia.