Il fumo della sigaretta elettronica senza nicotina fa male?

Il fumo della sigaretta elettronica senza nicotina fa male?

Da qualche anno a questa parte la sigaretta elettronica ha iniziato a far parte dell’immaginario collettivo, con un boom iniziale parecchio consistente, di fumatori ed ex fumatori che si sono convertiti all’elettronica e al gesto dello “svapare”, la nuvola di fumo colorato e denso conseguenza dell’aspirare il liquido caldo contenuto nell’astuccio elettrico.

Ma la mia domanda è un’altra: il fumo della sigaretta elettronica senza nicotina fa male?

In questo articolo cercherò di togliere qualche dubbio sull’uso della sigaretta elettronica, scegliendo sempre la sigaretta elettronica migliore in commercio che è poi il fondamento, chiaro, in tutto ciò che facciamo.

Scegliere il meglio provoca benessere, non dobbiamo mai scegliere un prodotto economico quando scegliamo qualcosa per noi.

La sigaretta elettronica fa male?

La sigaretta elettronica fa male o no? Partiamo dal presupposto che qualsiasi sostanza noi inaliamo potenzialmente possa fare male, come l’aria inquinata ad esempio, ma nel caso della sigaretta elettronica tutto ciò che dobbiamo sapere è che le sostanze contenute nell’interno del liquido sono comunque mille volte meglio di ciò che è contenuto in una normale sigaretta.

Quindi possiamo confermare che il vapore della sigaretta elettronica senza nicotina non fa male ai polmoni, sempre che decidiamo di acquistare i prodotti migliori e certificati che troviamo in commercio e di certo non quelli che spacciano per buoni e che casomai sono super economici e vengono da Hong Kong. E’ bene assicurarsi, infatti, che i prodotti siano certificati con il marchio CE, quindi siano approvati dalla Comunità Europea.

Non esagerate neppure con quegli apparecchi potentissimi, tipo americani, che creano una nuvola di vapore consistente, basta un apparecchio da 40 o 50 watt per sentire a pieno l’aroma di un qualsiasi liquido troviamo all’interno riscaldato.

Umberto Veronesi, da poco scomparso e personaggio di spicco della medicina mondiale, ha sostenuto, fino alla fine, che la sigaretta elettronica non facesse male.

Partendo da un semplice presupposto:

  • la sigaretta normale contiene circa 4000 sostanze chimiche, di cui 400 tossiche e almeno 40 cancerogene. Tra queste: formaldeide, arsenico, cadmio, catrame, monossido di carbonio, acetone, benzolo, etc., per poi concludere il tutto con la nicotina che porta quello stato adrenalinico di dipendenza e di finto benessere.
  • la sigaretta elettronica senza nicotina è composta da: glicerina vegetale che è una sostanza che si trova nelle creme e negli sciroppi, glicole propilenico che è un additivo alimentare e acqua. Se scegliamo la sigaretta elettronica aromatizzata stiamo sempre e comunque parlando di aromi alimentari, come quelli che vengono usati nei dolci.

Quindi direi proprio sì alla sigaretta elettronica ma senza scegliere liquidi e materiali scadenti, sì alla qualità e alla certificazione europea.

Conclusioni

Quindi la sigaretta elettronica senza nicotina fa male? No, certamente, scegliendo liquido di qualità e senza esagerare con la potenza dell’apparecchio che usiamo per svapare  (sigaretta elettronica che fa tanto fumo).

E poi fare un’esperienza per smettere di fumare o diminuire di parecchio il consumo quotidiano con la sigaretta elettronica è di certo un’idea che male non fa per star meglio di salute, comprovato com’è il danno permanente di chi fuma le sigarette normali che hanno al loro interno tante e tante sostanze dannose.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *