Dieta Macrobiotica

La dieta macrobiotica

La dieta macrobiotica

State sentendo che la vostra vita frenetica sta portando le emozioni fuori controllo? Non importa quanto difficile sembri ma cerchiamo armonia e benessere in ogni giorno della nostra vita?

Beh, sappiamo che il cibo influenza le nostre emozioni e può anche influenzare il nostro sonno è, ma lo sapevate che alcune persone credono che a seguito di una dieta specifica si può effettivamente portare la pace e l’equilibrio alla nostra vita?

Si chiama dieta macrobiotica e il suo scopo è quello di portare l’illuminazione, o almeno una qualche forma di sano benessere, attraverso il cibo come strumento di pace.

Suona un po’ filosofica, giusto?

Questo genere di alimentazione è quasi come un mix tra il buddismo e le diete occidentali come il veganismo. I sostenitori della dieta macrobiotica ritengono che vivrai più a lungo ed eviterai più malattie se si segue il loro modo rigoroso di mangiare. Anche il nome ‘macrobiotica’ deriva dalle parole che significa “lunga vita”, unendo le parole greche macro e bio.

Sono stata sicuramente incuriosita così ho deciso di fare una piccola ricerca su questa dieta che ti allunga la vita.

Che cos’è la dieta macrobiotica?

Dieta Macrobiotica

Dieta Macrobiotica

WebMD dichiara: “Questa dieta incoraggia a mangiare regolarmente, masticare il cibo molto bene, ascoltare il corpo, rimanere attivi, e mantenere un atteggiamento mentale positivo”.

Il menu comprende quasi del tutto cereali e verdure, e limitando la quantità di prodotti di origine animale, la vostra salute e la felicità potranno trarre notevoli benefici.

Mi sa che stiamo diventando un po’ troppo spirituali qui….

Secondo Healthline, “L’abbinamento dei sapori con i cibi segue un assortimento yin-yang per raggiungere l’equilibrio e allo stesso modo le filosofie orientali vedono un equilibrio simile in natura”.

I cibi yin sono detti “passivi” e includere alimenti freddi e dolci.

I cibi Yang, d’altra parte, sono più “aggressivi” come gli alimenti caldi e/o salati.

I sostenitori di questa dieta credono che il cibo integro, come quello che è cresciuto in natura senza pesticidi, contiene energia. E questa è l’energia che viene trasferita al nostro corpo quando lo mangiamo. Fattori come dove il cibo è stato coltivato, come è stato gestito, ecc, tutti influenzano l’energia del cibo, che a sua volta ci colpisce quando lo mangiamo.

A me sembra che questa dieta  sia davvero più di uno stile di vita, o anche una filosofia, è tutto incentrato su una nutrizione olistica.

Dal momento che questo genere di alimentazione c’è da secoli, non c’è una dieta specifica. Ci sono linee guida generali su ciò che si dovrebbe o non dovrebbe mangiare. L’obiettivo è quello di mangiare e bere qualunque cosa che porti il vostro corpo verso la pace.

Cosa si può mangiare nella dieta macrobiotica?

La macrobiotica pone una grande enfasi su come reperire, naturalmente, cibo locale per mangiare. Idealmente, tutti i prodotti alimentari dovrebbe arrivare al massimo in un raggio di pochi chilometri da dove vivete che è anche un po’ la tendenza del chilometro zero che va tanto di moda oggi.

Tutto dovrebbe essere naturale, non elaborato, non modificato.

Michio Kushi, uno dei fondatori dell’Istituto Kushi, che molti considerano una mecca per il movimento macrobiotico, ha creato questa piramide alimentare standard per diete macrobiotiche e stili di vita:

Piramide Dieta Macrobiotica kiushi

Piramide Dieta Macrobiotica

Cereali integrali

 

Si può vedere dalla piramide che i cereali integrali sono alla base di ogni dieta macrobiotica. I sostenitori della dieta ritengono che il 40-60% della vostra dieta dovrebbe venire da cereali integrali organici come:

avena
orzo
segale
miglio
mais
grano saraceno
riso integrale

Come si legge sulla piramide questi alimenti possono anche essere cotti e consumati sotto forma di pasta.

Salendo la piramide, veniamo alle verdure.

Verdure

Il 20-30% della vostra dieta macrobiotica dovrebbe venire dalle verdure di produzione locale. Tuttavia, a differenza della dieta vegan e di quella vegetariana, questa dieta vi proibisce di mangiare alcuni tipi di verdure.

Si possono mangiare tutte queste verdure al giorno: cavolo verde, cavoli, broccoli, cavolfiori, cavoli, zucca, crescione, prezzemolo, cavolo cinese, il dente di leone, senape, daikon verdi, scalogno, cipolle, rape, bardana, carote e zucca.

Invece si possono mangiare queste verdure di tanto in tanto, circa due o tre volte la settimana: cetriolo, sedano, lattuga e erbe come aneto ed erba cipollina.

E per ultimo, ma non meno importante, è possibile mangiare queste verdure con parsimonia o eliminarle del tutto: zucchine, carciofi, asparagi, germogli di bambù, barbabietole, avocado, melanzane, finocchi, ginseng, pepe verde o rosso, spinaci, okra, patate, rabarbaro, patate, bietole e pomodoro.

Chi poteva mai immaginare tante regole sulle verdure?

Ma non abbiamo ancora finito.

Per esempio, la maggior parte delle vostre scelte vegetariane dovrebbe essere leggermente al vapore, scottata, o saltata con olio spremuto a freddo. Solo una piccola parte delle vostre verdure dovrebbe essere mangiata come insalata cruda. E una parte ancora più piccola è riservata per i vegetali in salamoia.

Legumi e alghe

Fagioli, lenticchie, prodotti di soia, e verdure di mare dovrebbero costituire il 5-10% di ciò che si mangia. Queste fonti di proteine ​​di origine vegetale sostituiscono le proteine ​​animali in una tipica dieta standard.

Ma ancora una volta, non tutti i legumi uguali: azuki, ceci, lenticchie sono ok per l’uso quotidiano, ma altri legumi devono essere mangiati solo occasionalmente. Tenete a mente che si possono mangiare legumi anche una volta al giorno.

Per quanto riguarda i prodotti di soia, è possibile scegliere tra il tofu, il tempeh, il natto, e miso. Questi si possono mangiare una o due volte a settimana.

Le alghe sono ricche di ferro, come nori, wakame, kombu, dulse, e agar agar, decidete voi di non abusarne e di mangiarne sempre con legumi o anche senza. Sicuramente si desidera mangiare di più le alghe perché forniscono anche il calcio, beta-carotene e vitamina B-12.

Noci e semi

Dieta Macrobiotica Noci

Dieta Macrobiotica Noci

Anche se sappiamo che le noci sono pieno zeppe di grassi e omega sani, la macrobiotica consiglia un quantitativo moderato nella settimana. Questo vale lo stesso per semi e burro di noci.

Noci e semi dovrebbero essere leggermente tostati. Frutta secca come castagne, mandorle, noci, arachidi, noci pecan sono considerati migliori. La macrobiotica preferisce anche semi di zucca, sesamo, semi di girasole.

No alle noci del Brasile, anacardi, noci di macadamia, nocciole, pistacchi, al massimo con parsimonia.

Pesce

I pesci non ci sono nelle diete vegane e non ci sono necessariamente in quelle vegetariane. Troverete qualche pesce nella dieta mediterranea perché contiene parecchi omega-3.

Nella macrobiotica, però, il pesce contenente grassi non piace affatto.

Se avete intenzione di prendere un po’ di pesce lo si può mangiare fino a tre volte a settimana ma deve essere pesce locale, appena pescato e non grasso.

Frutta

Dieta Macrobiotica Frutta

Dieta Macrobiotica Frutta

Qualcosa che mi ha sorpreso è che nella dieta macrobiotica la frutta non si deve mangiare tutti i giorni ma solo qualche volta a settimana.

Parliamo sempre di frutta a chilometro zero e biologica.  E soprattutto deve essere di stagione.

Potete fare la vostra scelta tra albero da frutto o di frutti di bosco come more, lamponi, mele, pere, pesche, prugne, albicocche, mirtilli, fragole, uva, melata, anguria, e ciliegie.

Non c’è tanto amore invece per la frutta tropicale.

Parsimonia nell’ingestione di: cocco, banana, datteri, fichi, papaia, ananas, mango, e agrumi.

Cane, pollo e latticini

Decidere di seguire una dieta macrobiotica prende un sacco di impegno e dedizione. Quando sei in quella fase di transizione tra macrobiotica e la tua dieta normale puoi ancora mangiare carne pollo e latticini ma diciamo che poi dovresti farne a meno per mangiare solo cereali e verdure.

Tuttavia, alcuni seguaci macrobiotica permettono una indulgenza mensile su questi prodotti di origine animale.

Questi sono gli alimenti più comuni proibiti dalla dieta macrobiotica:

Tutti i prodotti lattiero-caseari
Tutte le carni
Tutti i volatili
Uova
Cibo trattato
Cibo piccante
Zucchero raffinato
Succo di frutta
Soda
Alcol Forte
Caffè
Miele
Cioccolato
The

Il divieto è anche facile da capire: tutti questi cibi non rientrano nell’equilibrio tra yin e yang.

Alcune pratiche macrobiotiche che vi sorprenderanno

I veri seguaci della macrobiotica possono non usare energia elettrica! Io non so se riuscirei a sopravvivere senza frigorifero o forno!

Altri possono cucinare solo con pentole o utensili che sono fatti con materiali che sono a base naturale, come la ghisa o argilla. Quando si cucina macrobiotica i metodi favoriti sono a vapore, bollitura, cottura a pressione, stufare, decapaggio, olio spremuto a freddo.

Occasionalmente, se non si è integralisti, si può mangiare cibi cotti alla griglia, al forno, arrosto asciutto, in padella, fritti, bere succo di frutta o mangiare cibi crudi.

Inoltre, se si segue la dieta macrobiotica, si potrà solo mangiare due o tre volte al giorno. Niente spuntini.

E contrariamente a quanto ci diceva la mamma o la nonna non c’è bisogno di finire tutto nel piatto. I macrobiotici credono che uno debba fermarsi prima di essere sazio. Questa è una di quelle cose che serve al benessere personale, così pensano.

Quante volte si deve masticare?

Diciamo che mangiare con i macrobiotici è un’esperienza differente, un’esperienza in cui ci si prende del tempo per ringraziare Madre Natura e per riflettere sul cibo che si sta mangiando.

Ma, anche fare in modo di masticare ogni boccone del loro cibo almeno 50 volte. I sostenitori di questo tipo di dieta dicono che masticare fino a che il cibo non diventi liquido lo rende più digeribile.

Anche se i macrobiotici prendono tutto questo tempo per riflettere sul da farsi il loro corpo è già in movimento.  Oltretutto gli studi hanno dimostrato che masticare un po’ di più aiuta davvero la digestione

Il tuo cibo si rompe non solo in pezzi più maneggevoli, ma gli enzimi nella saliva iniziano a pre-digerire il cibo in modo che sia la digestione successiva. Se il cibo è più facile da digerire, più sostanze nutritive il tuo corpo sarà in grado di assorbire.

Il dottor Mercola dice che: “Quando parti più grandi di cibo masticato impropriamente inserisci nel tuo stomaco, questo può rimanere non digerito quando entra nel vostro intestino. Lì, i batteri inizieranno una scomposizione, o in altre parole essa inizierà a putrefarsi, che potrebbe condurre a gas e gonfiore, diarrea, stipsi, dolore addominale, crampi e altri problemi digestivi “.

Inoltre, dal momento che ci vogliono circa 20 minuti al nostro cervello per segnalare alla nostra pancia che siamo pieni, prendere più tempo per masticare dà più tempo a noi per mangiare senza abbuffarci.

Gli studi hanno dimostrato che le persone che prendono più tempo per masticare il cibo non solo consumano il 10% in meno di calorie ma si sentono più sazi quando hanno finito.

Secondo una ricerca completata alla Ohio State University, “si dovrebbero masticare cibi più morbidi 5-10 volte e gli alimenti più densi (carni/verdura) fino a 30 volte prima di deglutire”.

Quanto è sana la dieta macrobiotica?

I sostenitori macrobiotici sostengono che la loro dieta può prevenire il cancro, o addirittura eliminare il cancro ma non esistono studi scientificamente sostenuti per dimostrare questo.

Tuttavia, la dieta macrobiotica può essere buono per coloro che soffrono di diabete di tipo 2.

Secondo uno studio pubblicato dal World Journal of Diabetes, la dieta macrobiotica, che è “una dieta ricca di carboidrati, cereali integrali e verdure, senza grassi animali o proteine ​​o zuccheri aggiunti è stata considerata utile per migliorare in modo significativo gli indicatori di controllo metabolico tra cui l’emoglobina glicosilata, il profilo lipidico del siero, l’indice di massa corporea, il peso corporeo e la pressione sanguigna “.

Si tratta di un nuovo studio ma sembra che sia un’ottima cosa per i diabetici.

La ricerca pubblicata sulla rivista Nutrition in Clinical Practice ha dichiarato che “Gli studi indicano bassi livelli di lipidi e pressione migliore in persone che seguono la dieta macrobiotica al contrario di persone che seguono un’alimentazione normale e questo fa ben sperare per l’incidenza sulle malattie cardiovascolari”.

Anche se questi sono i risultati sorprendenti ci sono alcuni buchi nella dieta macrobiotica che si trasformano in carenza di nutrienti.

Integratori nella dieta macrobiotica

I macrobiotici che seguono una dieta simile a vegani e vegetariani, condividono anche le stesse carenze minerali e di vitamine.

Uno studio pubblicato su Nutrition Reviews ha scoperto che: “I tassi più elevati di carenza di vitamina B-12 sono stati segnalati tra i vegani rispetto ai vegetariani e tra gli individui che avevano aderito ad una dieta vegetariana dalla nascita rispetto a quelli che aveva adottato una dieta più avanti in la vita “.

La vitamina B-12, un nutriente essenziale, si trova in genere nei prodotti animali e nei frutti di mare quindi vorrei considerare l’integrazione di questa vitamina a qualsiasi dieta macrobiotica.

Chi segue una dieta macrobiotica di solito è carente di Vitamina D. La maggior parte delle persone assorbe questa vitamina da prodotti lattiero-caseari come latte e formaggi e pesci grassi come il tonno e salmone, ma dal momento che questi sono off limits bisogna o mangiare molte verdure a foglie verdi o stare più spesso al sole.

Considerazioni finali

Insomma non so cosa consigliarvi ma di certo l’idea di essere attenti a prendere prodotti locali e stagionali male non fa.

E forse tutti noi dovremmo imparare a essere consapevoli di cosa facciamo ingerire al nostro corpo. Se poi la dieta macrobiotica sia anche dimagrante, posso rispondere di si, sole se non vi abbuffate ogni volta che state per consumare il vostro pasto…..

Sappiamo che le diete ricche di cereali integrali e verdure sono sane. Sappiamo anche che limitare zuccheri raffinati e cibi elaborati ci farà ancora più felici.

Finché si stanno mangiando cibi sani e non si mangia cibo spazzatura va tutto bene.

Tu segui una dieta macrobiotica?

E perché?

Scrivimi nei commenti!