Clistere per dimagrire? Può sembrare strano ma funziona….

Clistere per dimagrire?

Ogni donna, ogni uomo, ha nella testa una sua idea di perfezione fisica. E questa idea di perfezione va certamente considerata in tanti modi differenti.

Uno dei modi più riconosciuti di perfezione e di benessere è quella di stare in forma, con se stessi e con il proprio corpo.

Mens sana in corpore sano, come dicevano i nostri antenati latini.

E quali modi ci sono per dimagrire?

Sicuramente ci sono le diete, di cui parleremo in una sezione successiva.

Sicuramente c’è bisogno di fare della bella attività fisica costante, da accoppiare alla dieta.

Sicuramente ci sono dei metodi non proprio famosi o ortodossi che però sono molto efficaci.

Negli ultimi anni è venuta fuori la moda del clistere per dimagrire, una sorta di disintossicazione intestinale che, se usata con una certa moderazione, ha anche un suo perché.

Adesso vediamo insieme cosa siano questi clisteri e quali siano altri metodi per dimagrire.

Il clistere per dimagrire

In questi ultimi anni i clisteri sono diventati sempre più famosi come metodo per dimagrire. Secondo alcuni studi, chiaramente favorevoli, una persona che si sottopone a un clistere dimagrante può anche perdere, in un solo trattamento, 2 chilogrammi di peso.

Diciamo che nell’idea principale, che è molto interessante, il clistere serve ad eliminare le tossine che si sono accumulate tra colon e intestino.

Eliminandole, praticamente, diamo più spazio alle vitamine e ai minerali contenuti negli alimenti, quindi provocando uno scossone fecale abbiamo dato sì spazio ai nutrienti lasciando fuori ciò che bene non ci fa.

Inoltre dovrebbe migliorare il metabolismo accelerandolo e migliora la funzionalità intestinale, riuscendo anche ad attecchire i depositi di grasso più profondi.

La sola cosa, però, che andrebbe chiarita fin dall’inizio, è che il clistere è una procedura medica e come tale va ritenuta sempre e solo possibile dietro ricetta e controllo del dottore.
Abusare di questa procedura porta proprio all’effetto contrario, cioè rallenta talmente tanto il metabolismo che lo step successivo può essere addirittura l’obesità.

Frequenti clisteri possono anche portare palesi problemi al cuore, perché proprio nel processo intestinale noi liberiamo magnesio e potassio che sono fondamentali anche per tenere il cuore di dimensioni normali e con battiti regolari.

Quindi no all’errore di un fai da te estremo solo per dimagrire.

Diete per dimagrire

Il metodo canonico per perdere peso è quello di fare una dieta, come tante ne potete trovare su dietagratis.com. Dobbiamo solo scegliere quale possa essere la dieta che più fa per noi, sempre tenendo in conto di non voler dimagrire 10 chilogrammi in una settimana ma cercando di mantenere chiaro fin dall’inizio l’obiettivo e anche la fattibilità di questo obiettivo.

Senza scoraggiarsi o demordere alle prime difficoltà le diete, o perlomeno un regime alimentare equilibrato e controllato, dovrebbe essere un fondamento per una vita serena.

Attività fisica per dimagrire

L’attività fisica è una bellissima abitudine, non solo per dimagrire ma anche solo per mantenersi in forma, migliorare la circolazione, tonificare gambe e braccia, perdere un po’ di pancetta.

Quindi almeno 3 volte a settimana, tra palestra e aria aperta, e senza esagerare, soprattutto se non si è in grado di tenere ritmi alti, vi consiglio di perdere 30, 40 minuti per far sì che il vostro corpo sia allenato e tonico.

Conclusioni

Siamo partiti dai clisteri per dimagrire che hanno un loro senso solo se vengono controllati da un medico e vengono prescritti da un medico per poi arrivare alle diete per dimagrire e all’attività fisica, che fa bene a prescindere, anche se non si ha bisogno di dimagrire.

Perché la vera cura nei confronti di se stessi è quella che porta la persona a star bene e ad accettarsi, sia di testa che di fisico.

I canoni della perfezione variano di persona in persona, si deve solo capire quale sia il punto di benessere di ciascuno di noi, con tutte le competenze sia alimentari che fisiche per capire cosa faccia bene e cosa faccia male.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *